Skin ADV
Sabato 03 Giugno 2023
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



03 Dicembre 2014, 13.17

Punti di vista

Accordo sul clima tra Cina e America

di Aldo Vaglia
Può definirsi storico e il preludio di altri trattati sulle emissioni di gas serra quanto è accaduto a Pechino in questi giorni tra Obama e Xi Jinping

Si troveranno sempre i “farlocchi” sotto forma di giornalisti e scienziati pseudo ambientalisti che,  facendo (il più delle volte a loro insaputa) il gioco dei negazionisti, criticheranno i tempi di realizzazione di quanto i due capi di stato si sono impegnati a realizzare (la Cina entro il 2030 e l’America entro il 2025), ma tra il niente di Kyoto e l’impegno di oggi, c’è la presa di coscienza che il mondo rasenta la catastrofe.

Certo che si può sempre fare di più e meglio, ma con questa filosofia non si fa altro che ritardare ogni passo anche breve nella direzione di contenere sotto i 2 gradi l’aumento della temperatura del pianeta nei prossimi 20 anni.
Sono passati 17 anni dal trattato internazionale del 1997 sull’ambiente, firmato nella città giapponese di Kyoto da 180 paesi.
Solo nel 2005 aderiva la Russia, ma le due superpotenze che da sole producono il 45% di emissioni di gas serra (America e Cina) si erano sempre opposte con veti incrociati a questo protocollo.

Per questo l’accordo tra i due Leader cinese e americano è salutato con entusiasmo sia da Greenpeace: “Il patto potrebbe avere importanti effetti positivi nel contrasto all’inquinamento al riscaldamento terrestre e al cambiamento climatico”, che da  Al Gore: “L’intesa annunciata dai presidenti Barack Obama e Xi Jinping nel ridurre le emissioni di gas serra è un passo notevole nell’impegno verso una soluzione del mutamento climatico. Sarà necessario fare molto di più, compreso un accordo globale con tutte le nazioni. Però i due più grandi inquinatori dimostrano serietà nell’impegno…”

È anche un’immensa opportunità di crescita dice il presidente cinese: “ entro 5 anni l’energia pulita sarà la prima voce del nostro Pil”.
Chi perderà di nuovo il treno sarà la vecchia Europa che avendo per prima posto il problema, non è stata in grado di  marcare la differenza e di coglierne le opportunità, e sta già facendo retromarcia sugli impegni  presi. Oggi è la Polonia che non accetta gli accordi, domani sarà qualcun altro…

Quali i limiti?
Il più grave è l’essere solo un’unione monetaria e non politica che privilegia gli interessi nazionali e addirittura localistici rispetto all’interesse generale; e questo si riflette anche in campo energetico e ambientale.


Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
29/10/2014 06:49
Energie alternative ed ambientalisti Tre casi esemplari quelli che in nome della difesa dell’ambiente  e del territorio hanno visto trionfare l’immobilismo e condannare la ricerca di fonti  energetiche alternative e rinnovabili..

11/04/2013 08:30
Tranquilli non cambierà nulla I veri problemi, quelli del lavoro, del denaro, dell'energia, dell'ambiente, della salute, della scuola, della cultura rimarranno sullo sfondo

20/03/2013 09:00
La politica tra rottamazione e restauro Non è una questione di destra o sinistra e nemmeno di antichità e modernità, un buon restauro è a volte migliore della sostituzione con prodotti di bassa qualità

16/05/2014 08:50
Facebook a mia insaputa Mi trovo coinvolto , a mia insaputa (non come Scajola che qualcosa ci ha guadagnato), in un equivoco che dire stravagante, è una definizione benevola

19/04/2013 09:00
Bersani il Surrealista Un assaggio si era già avuto in campagna elettorale. Mentre una parte prometteva di restituire l'IMU, un'altra di dare a tutti un reddito di cittadinanza di 1000 euro, Bersani sognava di smacchiare il giaguaro.



Notizie da Economia e lavoro
29/05/2023

Inaugurata la Fabbrica del Futuro

È il progetto di Confindustria Brescia per Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023. L’installazione si trova al Parco dell’Acqua di Brescia: all’interno del padiglione i progetti di 30 aziende bresciane, selezionate attraverso il concorso di idee


19/05/2023

«Futuriamoci», un progetto per l'orientamento scolastico

E' stato presentato da Confindustria Brescia in collaborazione con l'Ufficio Scolastico Territoriale di Brescia e Teatroeducativo. Una serie di iniziative sia dal vivo che online

18/05/2023

«Le persone: prima!». Leadership in Health and Safety

Ieri in Sala Beretta il secondo incontro dell'iniziativa, rivolta ai datori di lavoro e ai tecnici della sicurezza delle aziende associate. Al centro alcune pillole del percorso di leadership per promuovere una nuova cultura della sicurezza

11/05/2023

Brescia: ancora in crescita la produzione industriale sullo scorso anno

Nel 1° trimestre 2023, la produzione manifatturiera bresciana registra una dinamica positiva, confermando le buone performance di crescita rilevate per tutto il 2022

04/04/2023

«L'impresa per il Pnrr: ora o mai più»

Franco Gussalli Beretta, presidente di Confindustria Brescia: "Come imprenditori stiamo facendo la nostra parte, ma tutti gli attori coinvolti devono prendere consapevolezza che il momento decisivo è ora"




26/01/2023

Workplace Health Promotion, 96 le aziende aderenti nel 2022

Il programma, coordinato da ATS Brescia in collaborazione con Confindustria Brescia, promuove la salute nei luoghi di lavoro attraverso azioni mirate, tra cui la redazione di un Manuale delle procedure per l'attivazione delle buone prassi

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier