Skin ADV
Venerdì 18 Ottobre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






16 Ottobre 2019, 06.35

L'opinione

L'ipocrisia dell'ennesima guerra

di Valsabbin* Refrattar*
Come avrete sicuramente letto proprio pochi giorni fa la Turchia ha dato il via alle operazioni militari, sia via terra che aria, contro la zona curda del Rojava, l'amministrazione autonoma conosciuta come curdistan siriano

L'analisi delle motivazioni di questo attacco meriterebbero qualche articolo, ma le possiamo riassumere in alcuni punti,

Il primo, il più che centenario odio della Turchia nei confronti delle richieste di autonomia delle varie minoranze che la compongono, tra tutte la storia del genocidio armeno.
Va comunque detto che nelle province turche al confine della Siria c'è una netta maggioranza curda.

La seconda con la presenza nelle zone curde di un sottosuolo ricco di risorse naturali, che solo forse giustificherebbe l'attacco, e che deve essere considerato assieme allo sbocco fisico sul mar Mediterraneo che oggi è ritenuto strategico in quanto permetterebbe alle condotte di petrolio e gas dell’est di aggirare e accorciare il tragitto passante oggi per il canale di Suez.

Terzo un modello di società molto diverso da quelli presenti nell'area, basato su alcuni punti fermi come l'assoluta uguaglianza tra uomo e donna, il decentramento decisionale, la tolleranza e il rispetto delle minoranze, la sostenibilità e la laicità dello stato, che fonda le basi sulle teorie del confederalismo democratico.

Temi che fanno tanta paura non solo alla Turchia, che in questi anni ha guardato al passato, al nazionalismo e alla religione ma anche a tanti stati occidentali.

L'attacco turco ha ridato linfa ai vari gruppi e gruppetti di integralisti religiosi che hanno immediatamente attaccato i curdi alle spalle.
Non è da dimenticare che sono state proprio le donne e gli uomini curdi, armati anche dagli stati occidentali, soprattutto dagli stati uniti, assieme ai tanti internazionali tra cui Lorenzo Orsetti di cui ricordiamo la sua splendida lettera testamento a combattere in prima fila daesh.

Il fatto che queste unità integraliste abbiamo ripreso vigore, ci fa anche pensare a quale sia stato il diverso trattamento riservato ai prigionieri o ex combattenti dell'isis.
Abbiamo ben in mente i video dei prigionieri in maglia arancio.

Un quadro quindi assai complesso
e per certi versi sconfortante, con le tipiche dinamiche neocolonialiste e nazionaliste del xx secolo sostenute dalla comunicazione dell'era social.

In questi giorni abbiamo visto come anche lo sport si sia mobilitato a favore di questo intervento, con la squadra di calcio under 21 della Turchia che ha festeggiato il gol facendo il saluto militare o con i tweet di tanti sportivi, anche della serie a italiana, che si sono mobilitati in favore di questo attacco.

La reazione della massa, critica, occidentale, ha portato a numerosissime manifestazioni contro la guerra e a sostegno al popolo curdo, mentre le reazioni politiche del mondo occidentale sono state assai scomposte: al di là delle critiche di facciata o dei deliri del presidente degli stati uniti d'America che ha dichiarato che i curdi non avendo aiutato le forze alleate nella seconda guerra mondiale, non meriterebbero un sostegno, le principali condanne hanno portato come unico gesto concreto al blocco della vendita delle armi alla Turchia, scelta presa inizialmente dai paesi del nord europa a cui si sono associati altri stati, tra cui l'Italia, almeno nelle parole del suo attuale ministro degli esteri.
Come se il blocco di export delle armi vada ad influire su quelle già vendute e già sicuramente utilizzate.

Come reazione a queste condanne il presidente della Turchia ha dichiarato che se fossero proseguite avrebbe riempito l'Europa di migranti, ben 3,6 milioni.
3,6 milioni di vite sacrificabili per interessi economici, prima degli europei e delle sue politiche coloniali e poi turche per il suo rafforzamento identitario.

Vite umane spendibili e sacrificabili, perché, in fin dei conti, la guerra non è un fatto spontaneo, la si prepara culturalmente fomentando il cancro del nazionalismo, trovando un nemico da odiare per distrarre le masse dalle vere motivazioni (economiche), ma soprattutto armandola di armi e di tanta tanta ipocrisia.

Valsabbin* Refrattar*

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
09/02/2015 10:51:00
Duplice riflessione sul tema dei conflitti Prosegue a Nave il ciclo di appuntamenti incentrati sul centesimo anniversario del primo conflitto mondiale

19/09/2014 07:01:00
La guerra davanti agli occhi dei bambini La guerra esibita in TV, i morti ammazzati di uomini, donne o bambini, la violenza dei conflitti in Palestina, in Iraq, sono davanti agli occhi di tutti e dunque anche dei bambini

23/07/2014 08:40:00
Cercasi due triumplini per progetto europeo in Turchia L'Informagiovani di Sarezzo cerca due persone tra i 16 e i 40 anni per un progetto su "Giovani e razzismo" che si terrà dal 3 all'8 ottobre in Turchia 

20/12/2012 11:30:00
Un progetto sportivo in Turchia per 5 giovani saretini L'Informagiovani di Sarezzo sta cercando con urgenza tre ragazzi e due ragazze che abbiano voglia di fare un'esperienza di formazione sportiva in Turchia dal 20 al 27 maggio 2013 nell'ambito di un progetto finanziato dall'Unione Europea

21/06/2014 10:50:00
Adamello guerra e memoria Una serie di iniziative per le celebrazioni 2014/2018 del Centenario della Prima guerra mondiale nelle zone della Guerra Bianca in Adamello



Notizie da Lettere al direttore
19/06/2015

Giorinox e il concordato

Ci scrive Alessandro Franzini, affermando di una "manovra" della storica azienda, per levarsi da parecchi guai che la stanno assillando, con la complicità di una legge che "non sarebbe proprio uguale per tutti". Pubblicheremo volentieri eventuali posizioni diverse


24/05/2015

Quanto è importante lo screening

Caro direttore, alcuni giorni fa mi sono recato presso gli Spedali Civili di Brescia per effettuare il periodico controllo semestrale (follow-up in termine medico) che eseguo dal 2011 anno in cui mi operarono per un tumore al retto...

17/04/2015

Animalista o ecoterrorista?

Da un paio d’anni a questa parte stiamo assistendo ad un fenomeno piuttosto preoccupante, destinato a segnare una profonda spaccatura tra il mondo delle “città” e il mondo della “campagna”

30/03/2015

Quella settimana corta

Egr. Direttore, Le trasmetto una lettera che Le chiedo di pubblicare in merito ad un tema parecchio dibattuto in questi giorni: la eventualità di introdurre la settimana corta nelle scuole superiori bresciane a partire dal prossimo anno scolastico



06/03/2015

Anonimi? Basta!

Caro Direttore, devo confidarti che non sono mai riuscito ad entrare in sintonia con la novità dell'anonimato...

21/02/2015

«Serve l'arbitrato internazionale»

Un lettore di Bovezzo di invia questa "lettera aperta al Presidente della Repubblica" in nome del Movimento Famiglie Italiane, in merito alla vicenda dei due marò fatti prigionieri in India


15/02/2015

Doppia violazione a Tindouf

Ci scrive Sara Baresi, presidente di Protea, associazione che si occupa di diritti umani e che ci segnala delle incongruenze in merito all'utilizzo degli aiuti umanitari destinati al popolo saharawi, argomento che abbiamo qui più volte trattato


06/01/2015

Pino Daniele, tra Napoli e il Blues

Caro direttore, data la sua scomparsa, ho sentito il bisogno di scrivere queste righe su Pino Daniele, musicista che ho amato senza mezze misure. Me le pubblica?


07/10/2014

Quale «onore» per un prestito?

Il "Prestito d'onore", come ci segnala questo lettore, proposta per incentivare l'iniziativa privata, ha prestato il fianco a persone che senza troppi scrupoli ne hanno e ne stanno ancora approfittando


07/09/2014

Attenti a quei rimborsi

Una lettrice ci informa che le modalità per chiedere il rimborso della tariffa di depurazione non dovuta in alcuni casi sono poco chiare


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier