Skin ADV
Mercoledì 23 Settembre 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






01 Luglio 2020, 08.15

Blog - Genitori e figli

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

di Giuseppe Maiolo
Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza

Ma lo diceva prima ancora il grande pensatore tedesco Friedrich Nietzsche, quando sosteneva che “Ciò che non mi uccide mi fortifica”.

A guardare bene, ad esempio, la risposta della famiglia durante la quarantena è stata di questo tipo. Nella gran parte dei casi ha mostrato un buon livello di adattamento alla condizione di “reclusione”. In alcuni casi però, ove era già presente una situazione di rischio, si sono viste aggravare le vulnerabilità familiari e si sono sviluppati disturbi strettamente collegati allo stress subito.

Perché è noto lo sforzo fatto in questo periodo in cui la casa e le stanze della famiglia si sono dovute trasformare in postazioni di lavoro, aule scolastiche, campo da gioco e tanto altro ancora. Una grande fatica quotidiana, non di rado aggravata dall’angoscia dell’isolamento derivante dalla perdita totale del sostegno della famiglia allargata e in particolare dei nonni, che prima davano ai genitori un grande supporto fisico e psicologico.

Si aggiunga la sospensione dei servizi di aiuto, dei centri educativi e di supporto sociale ai bambini con bisogni speciali o con disabilità cognitive e problemi di comportamento. La sfida posta dal lockdown per queste famiglie è stata incredibile e ha non di rado compromesso gli equilibri dei genitori.

Non può meravigliare, allora, che i segni del disagio psicologico possano emergere ora o prossimamente ed è fondamentale conoscere le manifestazioni che si potranno avere, insieme alle risorse necessarie da mettere in campo per curare lo sviluppo di problemi di salute mentale.

C’è uno studio recente e particolarmente significativo dell’Università “Gabriele D’Annunzio” di Chieti, appena pubblicato su APA PsyNet dell’Associazione Americana di Psicologia, che ha provato a vedere quali effetti ha prodotto il blocco del coronavirus sui genitori.
Su un campione di 1126 genitori italiani i ricercatori hanno riscontrato in quelli con i bambini che, precedentemente la pandemia, avevano avuto la diagnosi una malattia mentale o fisica, un più alto livello di esaurimento psicofisico.

Le famiglie, secondo la ricerca, messe a dura prova dall’isolamento e dalla pressoché totale trascuratezza dei servizi di sostegno durante il lockdown, hanno visto significative modifiche nel comportamento dei figli con manifestazioni di evidenti “incapacità di concentrazione, intolleranza e disagio generale”. Ma più ancora lo studio ha rilevato le reazioni dei genitori i quali sono passati “da stili genitoriali autorevoli ad autoritari, aumentando la loro ostilità verbale".

Lo studio è ancora in corso ma è sufficiente già questo per dire che vi è urgenza di aiutare e sostenere la famiglia con programmi di aiuto e di supporto, come pure potenziare la rete dei servizi sanitari, educativi e di assistenza sociale per prevenire pericolose “traiettorie di psicopatologia e contenere il rischio di aggravamento di tutte le situazioni già prima vulnerabili”.

Allo stesso tempo, la pubblicazione del documento dei ricercatori insiste sull’importanza di dare alla famiglia e alla scuola strumenti psicoeducativi per la gestione delle nuove situazioni di disagio. C’è un urgente bisogno di pensare e organizzare percorsi informativi e formativi per genitori e insegnanti che sviluppino contenuti di sicurezza e autoefficacia, promuovano competenze di connessione sociale e potenzino la fiducia e la speranza.

Il rischio che a partire dalla pandemia Covid-19 si sviluppino problemi di salute mentale è elevato e richiede un necessario sforzo programmatico di risorse economiche e di interventi per il benessere psicologico di tutti. Purtroppo al momento attuale sembrano ancora mancare, nei pensieri e nei decreti governativi riguardanti la ripresa, idee e progetti di prevenzione del disagio psicologico e mentale. Una mancanza che rischia di aggravare le situazioni familiari, peggiorare quelle precarie e aumentare il disagio collettivo con una non irrilevante spesa sociale.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/09/2014 07:18
Scuola e famiglia Tutto è pronto. La scuola riparte con il suo “esercito” di allievi e di insegnanti. Ma in questa annuale avventura scendono in campo anche le famiglie e i genitori

18/11/2018 08:00
Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

11/02/2020 11:00
Per un'educazione digitale Il Safe Internet Day (SID) che si celebra quest’anno punta ancora alla sicurezza in Rete con lo slogan “Connessi e sicuri”


24/09/2019 08:41
Dimenticare un bambino in auto. Perché? Ti sconvolge non poco la notizia di un bambino dimenticato in auto da un genitore, come è accaduto di recente a Catania


25/09/2014 12:00
Bambini a scuola, aiutiamoli a star bene I bambini, specialmente quelli che vanno in prima elementare, a guardarli al mattino quando entrano a scuola sembrano già preoccupati, emozionati, talvolta spaventati



Notizie da Cultura
12/06/2020

Attenzione ai filtri d'amore

Nella nostra cultura sempre più dominata dal pensiero scientifico, matematico e sperimentale, le pratiche magiche sono generalmente considerate prive di fondamento, se non addirittura fraudolente


12/05/2020

Una rilettura sapienziale dell'esperienza vissuta

È quanto chiede il Vescovo di Brescia, mons. Tremolada alle comunità della diocesi nel camino di ritorno alla normalità della vita delle parrocchie dopo la dura esperienza della pandemia

08/05/2020

Vota i tuoi Luoghi del Cuore

FAI e Intesa Sanpaolo invitano i cittadini a partecipare alla decima edizione del censimento che mira a premiare i luoghi più votati - per ora solo via web - e a promuoverne gli interventi e i progetti di valorizzazione

27/04/2020

«Libericomelaria», quasi sei ore di diretta no-stop che ci ha scaldato il cuore

Oltre ai tantissimi ospiti i contenuti straordinari che ci hanno voluto regalare Omar Pedrini, Cisco ed Irene Grandi hanno impreziosito la giornata.

23/04/2020

A chi non piace il 25 Aprile

C’è chi propone di abolirlo, perché lo ritiene divisivo, senza significato. C’è chi da sempre vorrebbe eliminarlo, per cancellarne la memoria, perché fastidioso o peggio ancora “di parte”. Quest’ultimo è l’unico vero motivo che ci porta a festeggiarlo ogni anno. La Liberazione è una festa “di parte”, ed a buon merito anche.

12/04/2020

Un augurio di Pasqua

La Pasqua non è semplicemente una festa tra le altre feste, è "la festa delle feste", è "la festa per eccellenza"

06/02/2020

Gli oracoli

Cos’è esattamente un oracolo? Strana domanda, la cui risposta è nascosta dai veli del tempo


14/01/2020

Al via la nuova stagione della Collezione Paolo VI

Dalla mostra di Floriano Bodini ai cicli di incontri di OperAperta, Lògos e Registi dello Spirito, dai nuovi progetti alla collettiva dei finalisti del Premio Paolo VI per l’arte contemporanea

13/01/2020

Parlare bene l'inglese conviene

C’era una volta la scuola delle 3 “i” (informatica, impresa, inglese). Molte le riforme tentate, poche le risorse investite. Che fine ha fatto la “i” dell’inglese?

24/09/2019

Dimenticare un bambino in auto. Perché?

Ti sconvolge non poco la notizia di un bambino dimenticato in auto da un genitore, come è accaduto di recente a Catania


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier