Skin ADV
Giovedì 23 Maggio 2024
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



17 Febbraio 2024, 08.00

Blog - Aqua Alma

La sfida della siccità nel mondo enologico

di Mariano Mazzacani
Crisi climatica e siccità: come il settore enologico si prepara ad affrontare i cambiamenti climatici
"Vitigni antichi: campioni di sopravvivenza nel cambiamento climatico”
In un panorama vitivinicolo sempre più influenzato dal cambiamento climatico, alcuni vitigni antichi emergono come veri campioni di resistenza. Mentre la siccità e le temperature in aumento mettono a dura prova molte varietà tradizionali, esperti e produttori si rivolgono a queste piante storiche che dimostrano una notevole capacità di adattamento. L'Italia, con oltre il 70% delle 615 varietà viticole autoctone, offre un ampia varietà di opzioni. Molti di questi vitigni, accantonati per non soddisfare i requisiti dell'agricoltura industriale moderna, stanno vivendo una rinascita grazie alla loro resistenza ai cambiamenti climatici. La Falanghina, per esempio, una varietà bianca originaria della Campania, ha dimostrato la sua robustezza in climi caldi e ora è coltivata in diverse regioni della California. In Sicilia, sono stati identificati sei "vitigni reliquia", tra cui il raro bianco Recunu, selezionati per la loro capacità di adattarsi alle condizioni climatiche estreme. Nel 2021 è stato introdotto nel registro nazionale il Negrellone, un vitigno originario della provincia di Catanzaro noto per la sua resistenza agli stress ambientali.
 
Non sono solo le varietà del Sud a mostrare resilienza visto che anche vitigni del Nord come il Sangiovese e il Nebbiolo, noti per la loro capacità di resistere al caldo e alla siccità, stanno emergendo come promettenti candidati per il futuro. Questo fenomeno non è caratteristico solo dell'Italia anche vitigni come il Counoise nella Valle del Rodano in Francia e il Mencìa in Spagna stanno mostrando una sorprendente capacità di adattarsi alle nuove condizioni climatiche.
 
La rinascita delle viti antiche è un segno positivo nell'affrontare la sfida del cambiamento climatico nel settore vinicolo. Queste piante rappresentano una risorsa preziosa per garantire un futuro sostenibile e continuare a produrre vini di qualità anche nelle condizioni più impegnative.
 
"La Franciacorta e la Sfida del Cambiamento Climatico: Il Futuro in Quota" 
Il Franciacorta continua a celebrare successi commerciale, superando i venti milioni di bottiglie vendute e avvicinandosi alla soglia del mezzo miliardo di euro di valore complessivo del prodotto. Questo risultato è frutto di un impegno mirato verso la qualità, con un focus su una maggiore maturazione in bottiglia, un abbassamento della quantità di zuccheri e l'investimento in tecnologia per la coltivazione biologica delle vigne.
 
Tuttavia, mentre il mercato delle bollicine continua a prosperare, i produttori della Franciacorta si trovano di fronte a una nuova sfida: il cambiamento climatico. Temperature in aumento e eventi meteorologici estremi stanno accelerando la maturazione dell'uva e rendendo più comuni periodi di siccità e precipitazioni improvvise. L'aumento di 2 gradi della temperatura media annuale negli ultimi vent'anni, rispetto al periodo 1980-2000, evidenzia l'impatto significativo del riscaldamento globale sulla regione.
 
Di fronte a questa realtà, i grandi gruppi vinicoli della provincia di Brescia, guidati dal Consorzio di tutela della Franciacorta, stanno investendo tempo e risorse per trovare soluzioni sostenibili. La ricerca di nuovi vitigni più adatti al clima caldo e alle maturazioni tardive, come l'esplorazione di terreni più in quota per ritardare le vendemmie rappresentano due delle strategie intraprese. 
 
L'attenzione non è solo sulla produzione, ma anche sulla sostenibilità e sull'adattamento al cambiamento climatico. Le tecnologie di precisione riducono l'uso di acqua e prodotti chimici, mentre l'investimento nell'istruzione vitivinicola del futuro sta creando una forza lavoro più consapevole e preparata.

La Franciacorta, insieme ad altre regioni vinicole italiane e globali, sta affrontando questa sfida con determinazione e creatività. L'obiettivo è preservare la qualità e l'autenticità dei loro vini, mantenendo un occhio attento sul futuro del settore vinicolo in un mondo sempre più influenzato dal cambiamento climatico.
 
"Erbamat: la risposta del Franciacorta alla crisi climatica" 
Nel cuore della Franciacorta, un antico vitigno dimenticato sta guadagnando nuova attenzione e rivelando un potenziale prezioso nel contesto del cambiamento climatico. L'Erbamat, già coltivato nel 1564 ma successivamente trascurato in favore dei rinomati Pinot Nero e Bianco e Chardonnay, si presenta ora come una soluzione promettente per affrontare le sfide imposte dall'innalzamento delle temperature estive. 
 
L'aumento delle temperature stagionali ha portato a una maturazione anticipata delle uve di Pinot e Chardonnay, con conseguente riduzione dei livelli di acidità fondamentali per la produzione di spumante Metodo Classico. Già nel 1997, uno studio condotto su 18 varietà autoctone dei territori del lago di Iseo indicava l'Erbamat come una scelta ideale per apportare acidità e raffinatezza ai blend. 
 
Oggi, l'Erbamat sta emergendo come una risorsa preziosa per mantenere l'equilibrio e la qualità dei vini Franciacorta in un contesto climatico in evoluzione. La sua capacità di preservare l'acidità necessaria e di garantire una maturazione ottimale delle uve lo rende un elemento chiave nella produzione di spumanti di alta qualità.
 
Mentre la Franciacorta si impegna a mantenere la sua reputazione di eccellenza nel mondo del vino, l'Erbamat rappresenta un esempio della capacità del settore di adattarsi e innovare di fronte alle sfide ambientali. La sua rinascita offre una prospettiva promettente per il futuro della regione e per la sostenibilità del settore vitivinicolo nel suo complesso.
 
Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/03/2024 08:00
La Giornata Mondiale dell'Acqua Ricorre oggi, venerdì 22 marzo, con il tema “Acqua per la Pace”


21/04/2023 16:00
Acqua e sport: una relazione conflittuale 2 L'elenco degli sport nemici dell'ambiente è molto lungo e comprende, abbastanza naturalmente, tutti gli sport motoristici (emissioni assolute di carbonio) così come gli sport acquatici motorizzati (consumo di carburante e interruzione della biosfera). Ma vi sono attività sportive che possono trarre in inganno

20/05/2013 09:30
«Cambiamenti»: la risposta del Consorzio Valli alla crisi Venerdì 31 maggio presso la sede gardonese del Consorzio si organizza una serata in collaborazione con le cooperative Gaia e Il Mosaico nell'ambito di un più ampio ciclo di incontri sul bisogno di ascolto psicologico che ha fatto emergere la crisi economica

02/02/2013 09:30
Consiglio di Stato: traditi i referendum sull'acqua L'organo istituzionale ritiene "incoerenti" con il quadro normativo uscito dal referendum tenutosi il 12 e 13 giugno 2011 i costi pagati da allora e invita l'Authority per l'energia ad adottare nuove tariffe. Di seguito il comunicato di Alma Aqua di Prevalle che si era spesa per il referendum

07/02/2023 08:00
Il bullismo, una giornata di riflessioni e di impegni Si trovano e neanche tanto nascostamente. Si riuniscono infiammati come da un flash mob che li aggruppa per protestare contro le ingiustizie o la possibile catastrofe climatica



Notizie da Politica e territorio
10/10/2023

La Conferenza dei Sindaci della Valle Trompia

«Si è trattato di un momento di confronto, ascolto e dialogo con i sindaci, utile per parlare di lavori in corso e di progetti futuri» ha dichiarato il Presidente Moraschini

23/09/2023

RadarLOM

L'applicazione messa a punto da Arpa Lombardia per monitorare la distribuzione e l'intensità dellle precipitazioni in tempo reale su tutta la regione


07/07/2023

Girelli: «Condivido la preoccupazione, presentato emendamento»

L'appello del presidente di Confindustria Brescia Gussalli Beretta riguardo al credito d'imposta è stato condiviso dai parlamentari del Partito Democratico. Il commento del deputato valsabbino Gian Antonio Girelli


23/12/2022

Controlli sui fondi Pnrr

Siglato un protocollo tra la Provincia di Brescia e la Guardia di Finanza per il monitoraggio dei progetti di investimento finanziati con i fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza

04/08/2022

Gallerie SP 79, Zobbio: «Valutare interventi ulteriori per garantire maggior sicurezza»

All'interrogazione del consigliere provinciale della Lega, la Provincia ha risposto che la normativa non prevede illuminazioni per tale tipologia di galleria. Ma per Zobbio sarebbe opportuno metterla

04/08/2022

Maniva, 10 interventi strategici per 12,5 milioni di euro

Via libera dalla Regione a un accordo per lo sviluppo economico, ambientale, sociale e della mobilità del territorio del Monte Maniva: stanziati più di 12,5 milioni di euro per la realizzazione di dieci interventi infrastrutturali strategici per il comprensorio, su un importo complessivo di 17 milioni di euro

22/05/2022

Contributo prima casa

A favore di giovani “single”, giovani coppie o nuclei monoparentali a sostegno della spesa relativa alla contrazione di mutuo ipotecario ovvero leasing abitativo

03/02/2022

Timken passa al gruppo Camozzi

 Soddisfazione del mondo sindacale, produttivo e politico per la felice conclusione della crisi aziendale dell'azieda di Villa Carcina. Ricollocati anche i lavoratori rimasti senza occupazione

20/01/2022

Insediato il nuovo prefetto Maria Rosaria Laganà

Ha preso possesso della sua nuova sede di prefetto di Brescia la dott.ssa Laganà, proveniente da Treviso. Assume anche l'incarico di Commissario straordinario della depurazione del Garda

17/12/2021

Al voto per la Provincia

Consiglieri comunali e sindaci sono chiamati alle urne questo sabato per eleggere il nuovo consiglio provinciale

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier