Skin ADV
Martedì 04 Agosto 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





09 Febbraio 2015, 06.03

Racconti del luned

Il segreto per vivere a lungo

di Ezio Gamberini
Da qualche tempo, ormai, i patti sono stati definiti con chiarezza. Quella volta gli dissi: “Fino a quando avrò dei debiti, non puoi permettere che io me ne vada”. Non mi rispose. Chi tace acconsente, per cui secondo me l’accordo è valido.

Per cautelarmi sino all’età della pensione, che raggiungerò fra un periodo paragonabile a un’era geologica, ho cercato di fare il possibile, e posso dire di essere quasi al sicuro.
Ma a sessantaquattro o sessantacinque anni non puoi andare in giro a chiedere mutui trentennali (quando raggiungemmo l’accordo, pensai: “Terminato un mutuo, ne apro subito un altro e così, zàcchete, Ti frego…”, accorgimento al quale mi sono scrupolosamente attenuto sino ad ora).

Non capisco perciò gli amici greci, che si rifiutano di pagare il loro debito contratto con l’Unione Europea.

A questo proposito è utile ricordare che dei circa trecentonovanta miliardi di euro che devono restituire, quaranta sono “in pancia” all’Italia; insomma, sarebbe come se Grazia, io e i miei tre figli dovessimo sborsare qualcosa come seicentocinquanta euro a testa per azzerare il debito ellenico (o, se preferite, complessivamente quasi sei milioni e mezzo delle vecchie lire per chi ancora, come me, senza poterne fare a meno, continua a ragionare con il vecchio conio).

D’accordo, ognuno dei sessantadue milioni di italiani
è già abituato a ritrovarsi sul groppone, prima ancora di dire “Bah”, circa trentaseimila euro di debito pubblico (che ha superato complessivamente i duemiladuecento miliardi di euro), i quali, detratti circa ventiseimila euro di reddito (o PIL, Prodotto Interno Lordo), che è di circa milleseicentoventi miliardi di euro l’anno, lasciano comunque un differenziale a debito di circa diecimila euro a testa, che superano il trentacinque per cento del PIL.

Ma basta dare i numeri, e torniamo al mio problema: devo assolutamente trovare una soluzione per quando sarà il momento di affrontarlo.
Mutui… Prestiti… Mhhhhh…

Ci sono!
Quando andrò in pensione, procederò alla cessione del “quinto”, atto con il quale si cede il quinto del proprio stipendio o pensione a fronte della concessione di un prestito, che è accordato molto più facilmente di un mutuo o prestito ordinario, essendo la garanzia molto più “solida” e certa.

E così, zàcchete, Ti avrò fregato ancora una volta!

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/03/2014 08:30
La scopa leopardata Gilda era una bidella volenterosa e tenace, infaticabile nel suo lavoro, ma un po’ “strana”, diciamo così...

23/06/2014 08:53
Diversi E’ capitato qualche tempo fa, alla Messa delle dieci. Al momento dei canti, il ragazzotto seduto tre o quattro banchi davanti a noi cominciava a dimenarsi...

10/10/2012 08:00
Diventare maggiorenni: quanta fatica! L'ottava edizione di Custoza, festeggiata anche quest'anno da centinaia di podisti (seicentotrentotto!), rappresenta per il sottoscritto il diciottesimo sigillo sulla classica distanza di 42.195 mt: sono maggiorenne!

12/01/2015 07:00
Una moria di cucchiaini Apro il primo cassetto, in cucina, quello che contiene posate e ammennicoli vari, e resto proprio sbalordito: lo scompartimento riservato ai cucchiaini è desolatamente vuoto, non era mai successo!

01/09/2014 06:15
Cronache marine (parte terza) Ormai i gesti sono meccanici: “Apri ombrellone, dispiega teli sui lettini, togli maglietta, togli pantaloncini, e via sulla spiaggia a camminare...



Notizie da I racconti del lunedi
22/06/2015

Ortensie blu

Pensavo fosse una battuta, invece Grazia riesce sempre a stupirmi. In giardino abbiamo una pianta di ortensie, il cui colore oscilla tra il bianco e il rosa...

08/06/2015

Mai sgurlì 'na pianta de s'ciafù

Un paio di mesi fa abbiamo riesumato le antiche tabelle per iniziare a correre che utilizzai alla fine dello scorso millennio...

25/05/2015

Una storia che non può funzionare

Cecco ritornò a casa dopo sei mesi. Voleva cambiare una lampadina, in sala, così prese la scala e vi salì fino all’ultimo gradino...

20/04/2015

La botta

Alle sette e mezza mattutine, in una gradevole giornata di primavera ormai inoltrata, giacca e camicia per intenderci, basta maglioni, cappotti e giacconi, dopo aver estratto l’autovettura dal garage, attendo Grazia davanti alla cancellata...

06/04/2015

Il perdono

Arturo Pani conduceva con i genitori un piccolo bar, proprio a ridosso della grande fabbrica che dava lavoro a centinaia di persone...

30/03/2015

Sei eliminata!

Venerdì sera di metà marzo, terminata la giornata e settimana lavorativa, rientriamo a casa e affrontiamo l’ultima curva che conduce al nostro villaggio

16/03/2015

La bicicletta

Chiara, la nostra ultimogenita, da gennaio si trova in Olanda per il progetto Erasmus, dopo essersi laureata nel luglio scorso in Psicologia, e fino a giugno frequenterà la specialistica all’università di Groningen

23/02/2015

E alura si dei brocc

La seconda domenica di febbraio Grazia ed io abbiamo pranzato alle undici e trenta per essere presto al palazzetto dello sport di Pavone Mella

26/01/2015

Se questo è un uomo

Dal 1996 al 2010 ho compiuto per lavoro numerosissimi viaggi all’estero. L’avvenimento curioso e singolare che voglio narrare oggi è avvenuto la sera del 16 marzo 1998 nella sala d’ingresso dell’Hotel Bucuresti, a Bucarest

12/01/2015

Una moria di cucchiaini

Apro il primo cassetto, in cucina, quello che contiene posate e ammennicoli vari, e resto proprio sbalordito: lo scompartimento riservato ai cucchiaini è desolatamente vuoto, non era mai successo!

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier