Skin ADV
Sabato 24 Ottobre 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





01 Settembre 2014, 06.15

Racconti del luned

Cronache marine (parte terza)

di Ezio Gamberini
Ormai i gesti sono meccanici: “Apri ombrellone, dispiega teli sui lettini, togli maglietta, togli pantaloncini, e via sulla spiaggia a camminare...

... ma percorsi sette od otto metri, questa volta sento che c’è qualcosa di strano.
Grazia si volta verso di me e scuote la testa, sconsolata, mentre con le mani al viso, sussurro atterrito:
“Oddio, sono in mutande!”.

Mamma mia, sprofonderei dalla vergogna, ma mi accorgo che, evidentemente, i boxer che indosso non suscitano troppo clamore: sembra che nessuno se ne sia accorto.
Ritorno all’ombrellone e indosso i pantaloncini: “No, non ci torno in hotel”, replico a Grazia che m’invita ad andare a prendere il costume da bagno.

Camminiamo sul litorale e, come la volpe che disprezza l’uva perché è collocata troppo in alto, nell’affondare i piedi tra la sabbia dorata ed un mare incantevole, con una buona dose di faccia tosta comunico a Grazia che “L’acqua oggi è proprio fredda, non farei mai il bagno!”…

Mi rifarò nel pomeriggio, sfoderando la mia famosa “Mossa del coccodrillo”.
Quando la eseguii, in occasione di un  breve periodo di ferie trascorso con gli amici in un hotel altoatesino con annesso centro benessere, feci fuggire tutti gli ospiti dalla piscina, terrorizzati, mentre gli amici risero mezz’ora a fila.

Si tratta di un’operazione che inizia con una lenta discesa in acqua, poi mi avvicino piano piano alla “preda”, un salvagente o un gonfiabile qualsiasi, restando con il corpo sommerso, all’infuori degli occhi; giunto a tiro, compio un balzo, l’afferro e comincio a girare su me stesso, vorticosamente, proprio come i coccodrilli, sollevando un’onda d’urto spaventosa.
Stavolta lo “tsunami” è arrivato fino ad Imperia.
Guardia Costiera e Capitaneria di Porto, in un comunicato diramato congiuntamente, mi hanno imposto l’allontanamento dalla Liguria entro il 16 agosto.
E che mi frega, tanto sabato dovevo già far ritorno a casa!

L’attore Robin Williams è stato trovato senza vita nella sua casa in California.
Per la maggior parte dei suoi ammiratori sarà ricordato per la splendida interpretazione del professor Keating nell’“Attimo fuggente” (memorabile la scena finale con i ragazzi che salgono sui banchi esclamando “Capitano, mio capitano!”), ma io preferisco la scena in cui interpreta Peter Pan, nel film “Hook – Capitan Uncino”, nel momento in cui, ormai adulto, per ritornare a volare deve ricordarsi di un “Pensiero felice”; quale pensiero più felice della nascita di suo figlio Jack?
Nel momento in cui rivive questo momento, magicamente si ritrova in volo: eccolo tornato Peter Pan.

Ed ogni volta che rivedo questo film
(praticamente ad ogni Natale!), assaporo anch’io i momenti felici vissuti quando nacquero i nostri tre figli e ringrazio il Padreterno ogni giorno per questo.
Ed al Padreterno chiedo che questo suo figlio sia accolto nel suo Regno, perché Robin Williams ha voluto bene alla gente, ha divertito, consolato e fatto sognare milioni e milioni di persone ed il suo ricordo si conserverà  indelebile nei cuori e nelle menti di tutti quelli che lo hanno amato.

Nel tardo pomeriggio arriviamo alla “Spiagga delle debuttanti e ci fermiamo a rimirare il panorama.
La settimana è volata e ormai siamo all’ultimo giorno in Liguria.
“Perché non ci facciamo una foto?”, dico a Grazia, così anche noi ci adeguiamo alla mania dei “selfie” che impazzano ovunque.
Ci mettiamo con le spalle al mare, perché voglio inquadrare il meraviglioso paesaggio che cinge il golfo e le onde impetuose. Impugno lo smart-phone e allungo il braccio:
Su, sorridiamo!”, e scatto.

Guardiamo la foto: Miss Marple e Babbo Natale sorridono subdolamente, seduti sotto l’ombrellone.
Povero scemo, che sono.
Giovanotto, per farsi una foto bisogna rivolgere l’obiettivo verso se stessi, e l’obiettivo è quell’occhiolino lì, dietro al telefonino”, mi dice Miss Marple che, senza alcun dubbio, tecnologicamente è avanti anni luce rispetto a me.

Grazia si sbellica dalle risate: “Ah, ah, questa è come quella delle mutande e della crema dopo sole! Però queste non le scrivi mai, eh?”.
“Le scrivo, le scrivo, vedrai che le scrivo, donna di poca fede, e poi chiederò all’Egregio signor Direttore che modifichi il titolo di questa rubrica: da ‘I racconti del lunedì’ a ‘Oggi le comiche’!”

E se non bastasse, dopo aver trascorso miracolosamente un’ora intera sul lettino, terminato il suo “Montalbano” la sfrontata pretende lo scambio dei volumi.
Cedo alla violenza, infilo un segnalibro e le consegno “Il conte di Montecristo”, ricevendone in cambio il minuscolo Camilleri (ce ne vorrebbero almeno otto per pareggiare il peso).

E adesso chi lo racconta il seguito, proprio ora che Edmond Dantes, dopo aver clandestinamente appreso per anni arti e scienze dall’abate Faria ed essere evaso dal Castello d’If, arricchitosi a dismisura grazie al tesoro fattogli ritrovare dal compagno di prigionia, è finalmente divenuto il ‘Conte di Montecristo’, e si appresta a sferrare la tremenda vendetta nei confronti dei suoi vecchi amici Fernando Montego, Danglars e Caderousse ed il Procuratore del Re, Villefort?

Cari lettori, se volete sapere come va a finire, rivolgetevi a Grazia; questa è la sua mail: grazialanapœlpiӧdechelomche@madebu.uf .
L’alternativa è recarsi dal mio amico Gian, in biblioteca, e chiedere una copia del volume.

Per tornare stavolta impieghiamo un po’ più tempo: a singhiozzo fino a Savona, ma poi filiamo come il vento.
Dopo aver scaricato le valigie, salgo immediatamente in camera da letto e getto lo sguardo sul comodino.
Per fortuna il cervello è ancora al suo posto! D’accordo, è tuttora sostanzialmente come nuovo, essendo stato usato pochissimo, ma qualcuno, inavvertitamente, nel far le pulizie, ritenendolo un “rafanas” potrebbe gettarlo nella spazzatura!

Lo riconnetterò lunedì mattina, prima di riprendere il lavoro, e questa settimana ligure appena trascorsa, da allora in poi, sarà soltanto un bel ricordo.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/08/2014 06:21
Cronache marine (parte prima) Quest’anno la nostra settimana di mare coinciderà con quella in cui cade ferragosto. La sera prima della partenza è stata organizzata dagli amici della “classe” una pizza in compagnia

03/03/2014 08:30
La scopa leopardata Gilda era una bidella volenterosa e tenace, infaticabile nel suo lavoro, ma un po’ “strana”, diciamo così...

23/06/2014 08:53
Diversi E’ capitato qualche tempo fa, alla Messa delle dieci. Al momento dei canti, il ragazzotto seduto tre o quattro banchi davanti a noi cominciava a dimenarsi...

10/10/2012 08:00
Diventare maggiorenni: quanta fatica! L'ottava edizione di Custoza, festeggiata anche quest'anno da centinaia di podisti (seicentotrentotto!), rappresenta per il sottoscritto il diciottesimo sigillo sulla classica distanza di 42.195 mt: sono maggiorenne!

12/01/2015 07:00
Una moria di cucchiaini Apro il primo cassetto, in cucina, quello che contiene posate e ammennicoli vari, e resto proprio sbalordito: lo scompartimento riservato ai cucchiaini è desolatamente vuoto, non era mai successo!



Notizie da I racconti del lunedi
22/06/2015

Ortensie blu

Pensavo fosse una battuta, invece Grazia riesce sempre a stupirmi. In giardino abbiamo una pianta di ortensie, il cui colore oscilla tra il bianco e il rosa...

08/06/2015

Mai sgurlì 'na pianta de s'ciafù

Un paio di mesi fa abbiamo riesumato le antiche tabelle per iniziare a correre che utilizzai alla fine dello scorso millennio...

25/05/2015

Una storia che non può funzionare

Cecco ritornò a casa dopo sei mesi. Voleva cambiare una lampadina, in sala, così prese la scala e vi salì fino all’ultimo gradino...

20/04/2015

La botta

Alle sette e mezza mattutine, in una gradevole giornata di primavera ormai inoltrata, giacca e camicia per intenderci, basta maglioni, cappotti e giacconi, dopo aver estratto l’autovettura dal garage, attendo Grazia davanti alla cancellata...

06/04/2015

Il perdono

Arturo Pani conduceva con i genitori un piccolo bar, proprio a ridosso della grande fabbrica che dava lavoro a centinaia di persone...

30/03/2015

Sei eliminata!

Venerdì sera di metà marzo, terminata la giornata e settimana lavorativa, rientriamo a casa e affrontiamo l’ultima curva che conduce al nostro villaggio

16/03/2015

La bicicletta

Chiara, la nostra ultimogenita, da gennaio si trova in Olanda per il progetto Erasmus, dopo essersi laureata nel luglio scorso in Psicologia, e fino a giugno frequenterà la specialistica all’università di Groningen

23/02/2015

E alura si dei brocc

La seconda domenica di febbraio Grazia ed io abbiamo pranzato alle undici e trenta per essere presto al palazzetto dello sport di Pavone Mella

09/02/2015

Il segreto per vivere a lungo

Da qualche tempo, ormai, i patti sono stati definiti con chiarezza. Quella volta gli dissi: “Fino a quando avrò dei debiti, non puoi permettere che io me ne vada”. Non mi rispose. Chi tace acconsente, per cui secondo me l’accordo è valido.

26/01/2015

Se questo è un uomo

Dal 1996 al 2010 ho compiuto per lavoro numerosissimi viaggi all’estero. L’avvenimento curioso e singolare che voglio narrare oggi è avvenuto la sera del 16 marzo 1998 nella sala d’ingresso dell’Hotel Bucuresti, a Bucarest

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier