Skin ADV
Sabato 22 Febbraio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





16 Marzo 2015, 07.07

Racconti del lunedì

La bicicletta

di Ezio Gamberini
Chiara, la nostra ultimogenita, da gennaio si trova in Olanda per il progetto Erasmus, dopo essersi laureata nel luglio scorso in Psicologia, e fino a giugno frequenterà la specialistica all’università di Groningen

Le foto più sorprendenti che ci ha spedito sono quelle che potete osservare qui a lato: si tratta del parcheggio di biciclette, all’università cittadina.
Tutti usano la bicicletta! E anche Chiara si è adeguata acquistandone una a poche decine di euro (che allo stesso prezzo rivenderà prima di ritornare in Italia; funziona così tra gli studenti).

Un’altra caratteristica che mi ha fatto esclamare:
“Quello è il mio paese!”, è l’assoluta mancanza di ombrelli: non esistono!
Quando piove, e ciò succede molto spesso, e anche più volte il giorno, semplicemente si prende, e prima o poi ci si asciuga.
Io odio gli ombrelli, e nei pochi casi in cui li utilizzo, li smarrisco. Ne avrò persi almeno una decina (solo negli ultimi due o tre anni, eh).

Ma torniamo alla bicicletta.
Pur non utilizzandola quasi mai, nella mia testa rappresenta un oggetto con valenza astrale, forse a causa delle mie origini emiliane, terra dove la bicicletta è considerata come un “totem”.
Giovannino Guareschi scriveva che: “…prima dell’avvento della bicicletta, la pianura padana non esisteva, né poteva esistere. Inventata la bicicletta, fu inventata la pianura padana”.

E associato alla due ruote c’è il ricordo più entusiasmante della mia infanzia, quando mi fu regalata la prima biciclettina.
Avrò avuto cinque o sei anni, ed era davvero minuscola, ma quando la inforcavo, mi sentivo libero e felice: sembrava di volare!
Qualche anno più tardi, quando mio fratello Guido mi accompagnò a Brescia nel rinomato negozio di Mingardi in Via Crotte, per acquistarne una con i cambi, adatta a un ragazzino di dodici anni, mi sembrò di svenire per la contentezza: uscito dal cancello di casa, con quel gioiello avrei potuto spiccare il volo per conquistare il mondo!

Ed è incredibile costatare come lo stesso morboso legame dei ragazzi nei confronti della bicicletta, sia consuetudine nelle persone anziane.
Che “lotte”, con le nonne (la mamma di Grazia e la mia)…
Quando, con il trascorrere delle stagioni, cercavamo di limitarne l’uso, per ovvi motivi, la “menzogna” più ricorrente di entrambe era “Ma no, non salgo. La utilizzo solo per appoggiare la borsa della spesa…”, mentre, al contrario, le avevi viste poco prima sfrecciare per le vie del paese a cavallo delle loro biciclette.

Poi passarono gli anni, i figli sono diventati adulti, e molta acqua è passata sotto i ponti, dove scorre il fiume Chiese, tanta da riempire un oceano. E ti chiedi se hai fatto bene a comportarti in modo inflessibile, a un certo punto, “sequestrando” loro la bicicletta.
Ti domandi anche se avresti potuto fare altro, o qualcosa di diverso.

Alla fine, resta la convinzione di aver agito per il meglio, dando precedenza alle indiscutibili priorità, che erano valide allora, così come lo saranno nel prossimo futuro, quando verrà il nostro turno.


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/09/2012 09:00:00
Elogio della bicicletta Per cultura, benessere ed economia. Quanti motivi ci sono per preferire la bicicletta agli altri mezzi di locomozione? Interessante la disamina che ci offre questo lettore.

18/09/2014 11:52:00
Minaccia di morte i carabinieri, poi viene alle mani Un 32 enne di Sarezzo è stato arrestato a Vobarno. Ubriaco, ha reagito con violenza ai militari che volevano controllarlo


28/08/2013 11:00:00
Produceva a Nave, spacciava a Vobarno I Carabinieri della stazione di Vobarno hanno arrestato un operaio incensurato di 38 anni residente a Nave: spacciava marijuana, glie l'hanno trovata in casa

03/12/2018 11:19:00
La crescita di Samac continua L’azienda valsabbina con sede a Vobarno, motore produttivo ad alta tecnologia, prosegue nel suo fortunato piano di espansione e cerca collaboratori qualificati


30/11/2018 07:00:00
Rete da uccellagione, peppole e fringuelli Altri tre bracconieri nella rete dei controlli messa in atto dagli agenti della Provinciale del Distaccamento di Vestone in quel di Vobarno




Notizie da I racconti del lunedi
22/06/2015

Ortensie blu

Pensavo fosse una battuta, invece Grazia riesce sempre a stupirmi. In giardino abbiamo una pianta di ortensie, il cui colore oscilla tra il bianco e il rosa...

08/06/2015

Mai sgurlì 'na pianta de s'ciafù

Un paio di mesi fa abbiamo riesumato le antiche tabelle per iniziare a correre che utilizzai alla fine dello scorso millennio...

25/05/2015

Una storia che non può funzionare

Cecco ritornò a casa dopo sei mesi. Voleva cambiare una lampadina, in sala, così prese la scala e vi salì fino all’ultimo gradino...

20/04/2015

La botta

Alle sette e mezza mattutine, in una gradevole giornata di primavera ormai inoltrata, giacca e camicia per intenderci, basta maglioni, cappotti e giacconi, dopo aver estratto l’autovettura dal garage, attendo Grazia davanti alla cancellata...

06/04/2015

Il perdono

Arturo Pani conduceva con i genitori un piccolo bar, proprio a ridosso della grande fabbrica che dava lavoro a centinaia di persone...

30/03/2015

Sei eliminata!

Venerdì sera di metà marzo, terminata la giornata e settimana lavorativa, rientriamo a casa e affrontiamo l’ultima curva che conduce al nostro villaggio

23/02/2015

E alura si dei brocc

La seconda domenica di febbraio Grazia ed io abbiamo pranzato alle undici e trenta per essere presto al palazzetto dello sport di Pavone Mella

09/02/2015

Il segreto per vivere a lungo

Da qualche tempo, ormai, i patti sono stati definiti con chiarezza. Quella volta gli dissi: “Fino a quando avrò dei debiti, non puoi permettere che io me ne vada”. Non mi rispose. Chi tace acconsente, per cui secondo me l’accordo è valido.

26/01/2015

Se questo è un uomo

Dal 1996 al 2010 ho compiuto per lavoro numerosissimi viaggi all’estero. L’avvenimento curioso e singolare che voglio narrare oggi è avvenuto la sera del 16 marzo 1998 nella sala d’ingresso dell’Hotel Bucuresti, a Bucarest

12/01/2015

Una moria di cucchiaini

Apro il primo cassetto, in cucina, quello che contiene posate e ammennicoli vari, e resto proprio sbalordito: lo scompartimento riservato ai cucchiaini è desolatamente vuoto, non era mai successo!

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier