Skin ADV
Venerdì 12 Agosto 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





23 Giugno 2014, 08.53

Racconti del Luned

Diversi

di Ezio Gamberini
E’ capitato qualche tempo fa, alla Messa delle dieci. Al momento dei canti, il ragazzotto seduto tre o quattro banchi davanti a noi cominciava a dimenarsi...

... mettendosi a ballare con perfetto tempismo, muovendo il busto e le braccia ritmicamente, ma senza destare alcuna sensazione sgradevole o sguaiata, anzi, al contrario, generando in chi gli stava vicino sorrisi compiaciuti e il desiderio di emularlo.
Come ci siamo divertiti Grazia ed io, osservandolo e guardandoci negli occhi!

Poi il giovanotto, un bel ragazzo massiccio e robusto dai modi gentili, carnagione chiara e capelli che con il trascorrere del tempo hanno assunto una colorazione sempre più scura, rispetto ai riflessi biondi della fanciullezza, si sedeva ascoltando le letture, assorto e concentrato, quasi in estasi, in un mondo tutto suo, salvo poi “scatenarsi” in occasione di un nuovo “riff” di chitarra e percussioni di bonghi che preannunciavano l’inizio di un altro canto.

L’attempata signora che gli stava accanto, capelli bianchissimi e viso dolce, in un primo momento l’ha scrutato con sospetto, ma in seguito ha dimostrato di apprezzare con aperti sorrisi le gioiose manifestazioni e, al momento dello scambio del segno della pace, s’è presa la stretta più calorosa del giovane, che l’ha porta a tutti i suoi vicini di banco, poi a quelli che gli stavano davanti e in seguito ai fedeli del banco alle sue spalle.
Sono certo che, se avesse potuto, avrebbe scambiato il segno della pace con tutti i presenti!

Dicono che sono “diversi”.
Io voglio pensare che, nonostante tutto, un giorno la grandezza dell’umanità sarà così eccellente e nobile da riuscire ad accogliere, sostenere ed integrare questi “diversi”, e tutti i “diversi”, non fosse altro che per attenuare, e se possibile eliminare, la preoccupazione dei genitori angosciati dalla consapevolezza che, dopo di loro, il futuro di questi figli può essere oscuro e incerto.

Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/03/2014 08:30
La scopa leopardata Gilda era una bidella volenterosa e tenace, infaticabile nel suo lavoro, ma un po’ “strana”, diciamo così...

10/10/2012 08:00
Diventare maggiorenni: quanta fatica! L'ottava edizione di Custoza, festeggiata anche quest'anno da centinaia di podisti (seicentotrentotto!), rappresenta per il sottoscritto il diciottesimo sigillo sulla classica distanza di 42.195 mt: sono maggiorenne!

12/01/2015 07:00
Una moria di cucchiaini Apro il primo cassetto, in cucina, quello che contiene posate e ammennicoli vari, e resto proprio sbalordito: lo scompartimento riservato ai cucchiaini è desolatamente vuoto, non era mai successo!

01/09/2014 06:15
Cronache marine (parte terza) Ormai i gesti sono meccanici: “Apri ombrellone, dispiega teli sui lettini, togli maglietta, togli pantaloncini, e via sulla spiaggia a camminare...

09/02/2015 06:03
Il segreto per vivere a lungo Da qualche tempo, ormai, i patti sono stati definiti con chiarezza. Quella volta gli dissi: “Fino a quando avrò dei debiti, non puoi permettere che io me ne vada”. Non mi rispose. Chi tace acconsente, per cui secondo me l’accordo è valido.



Notizie da I racconti del lunedi
22/06/2015

Ortensie blu

Pensavo fosse una battuta, invece Grazia riesce sempre a stupirmi. In giardino abbiamo una pianta di ortensie, il cui colore oscilla tra il bianco e il rosa...

08/06/2015

Mai sgurlì 'na pianta de s'ciafù

Un paio di mesi fa abbiamo riesumato le antiche tabelle per iniziare a correre che utilizzai alla fine dello scorso millennio...

25/05/2015

Una storia che non può funzionare

Cecco ritornò a casa dopo sei mesi. Voleva cambiare una lampadina, in sala, così prese la scala e vi salì fino all’ultimo gradino...

20/04/2015

La botta

Alle sette e mezza mattutine, in una gradevole giornata di primavera ormai inoltrata, giacca e camicia per intenderci, basta maglioni, cappotti e giacconi, dopo aver estratto l’autovettura dal garage, attendo Grazia davanti alla cancellata...

06/04/2015

Il perdono

Arturo Pani conduceva con i genitori un piccolo bar, proprio a ridosso della grande fabbrica che dava lavoro a centinaia di persone...

30/03/2015

Sei eliminata!

Venerdì sera di metà marzo, terminata la giornata e settimana lavorativa, rientriamo a casa e affrontiamo l’ultima curva che conduce al nostro villaggio

16/03/2015

La bicicletta

Chiara, la nostra ultimogenita, da gennaio si trova in Olanda per il progetto Erasmus, dopo essersi laureata nel luglio scorso in Psicologia, e fino a giugno frequenterà la specialistica all’università di Groningen

23/02/2015

E alura si dei brocc

La seconda domenica di febbraio Grazia ed io abbiamo pranzato alle undici e trenta per essere presto al palazzetto dello sport di Pavone Mella

09/02/2015

Il segreto per vivere a lungo

Da qualche tempo, ormai, i patti sono stati definiti con chiarezza. Quella volta gli dissi: “Fino a quando avrò dei debiti, non puoi permettere che io me ne vada”. Non mi rispose. Chi tace acconsente, per cui secondo me l’accordo è valido.

26/01/2015

Se questo è un uomo

Dal 1996 al 2010 ho compiuto per lavoro numerosissimi viaggi all’estero. L’avvenimento curioso e singolare che voglio narrare oggi è avvenuto la sera del 16 marzo 1998 nella sala d’ingresso dell’Hotel Bucuresti, a Bucarest

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier