Skin ADV
Venerdì 12 Agosto 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





02 Giugno 2014, 08.00

Racconti del Luned

Una «i» di cinquanta metri

di Ezio Gamberini
Quanta pioggia in questo maggio. Non c’è tregua: ogni giorno, uno spruzzo il mattino e/o un temporale nel pomeriggio non mancano mai!

Giovedì sera, torniamo a casa dal lavoro e per prendere una boccata d’aria esco sul balcone che permette di osservare tutta la via don Belli.
S. è chino a terra, proprio davanti al mio cancello, intento a tracciare una riga con un grosso gessetto.
E’ un bambino intelligente e riflessivo, e mi piace enormemente conversare con i suoi nove anni di straordinaria e spensierata simpatia.

«Ciao, stai disegnando?»
«No, sto scrivendo»
«Che cosa: una frase, una parola ?»
«No, una ‘i’, ma gigante! Sono partito là in fondo – e m’indica il pilastro all’inizio del viale, posto a una trentina di metri – e arriverò davanti alla mia cancellata (che dista venti metri)»

«Ah, meno male, soltanto una ‘i’. Pensa se tu avessi voluto scrivere ‘ciao’. La ‘c’ avresti dovuto cominciare a scriverla sulla tangenziale, ai piedi della montagna, la ‘i’ qui in via don Belli, la ‘a’ in via Santa Lucia e la ‘o’ in Piazza Martiri della Libertà, vicino alla chiesa! Però, caro S., per divertirci davvero avremmo dovuto scrivere la parola ‘irriflessivamentissimamente’, ventisette lettere, superlativo di ‘irriflessivamente’: la prima ‘i’ qui in via don Belli e l’ultima ‘e’ su in Valvestino!»

Oddio, sapevo che è “mattocchio” come e forse più di me, ma il piccolo sta prendendo la faccenda in seria considerazione! Estrae dalla tasca altri due pezzi di gesso:

«Ho qui le scorte, ma adesso finisco la ‘i’ »
«Maiuscola o minuscola? Perché se la fai minuscola, per la gambina devi proseguire in discesa e poi risalire in via del Poiat, mentre il puntino lo devi fare su al “Casello”!»
«No, no, la faccio maiuscola…»


Meno male, per il maiuscolo non ci vuole la gambina, e neppure il puntino.
Lo lascio finire, e rientro in casa.

Venerdì mattina, ore sette e trenta. Estraggo la macchina dal garage e risalgo lo scivolo, parcheggio davanti al cancello, osservo il viale e comincio a ridere, in attesa di Grazia.
Quando arriva le mostro il lavoro del geniale S.: una ‘i’ maiuscola lunga cinquanta metri e larga tre!
Continueremo a ridere fino a Salò. Ah, che bella giornata!

… Pioggia, ancora pioggia, così quando a sera torniamo a casa, l’opera è svanita.
Poco male, perché quella ‘i’ ci resterà nel cuore, e il piccolo S. dispone ancora di venti lettere dell’alfabeto italiano, oltre a qualche altro miliardo d’idee, per stupirci e allietare l’animo nel prossimo futuro.

Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
10/12/2013 09:30
Cento E con questo fanno cento! Cento racconti, da luned 23 maggio 2011 a oggi, pubblicati sul sito nella rubrica "I racconti del luned"

03/03/2014 08:30
La scopa leopardata Gilda era una bidella volenterosa e tenace, infaticabile nel suo lavoro, ma un po’ “strana”, diciamo così...

08/06/2015 06:46
Mai sgurlì ‘na pianta de s’ciafù Un paio di mesi fa abbiamo riesumato le antiche tabelle per iniziare a correre che utilizzai alla fine dello scorso millennio...

30/03/2015 06:57
Sei eliminata! Venerdì sera di metà marzo, terminata la giornata e settimana lavorativa, rientriamo a casa e affrontiamo l’ultima curva che conduce al nostro villaggio

23/02/2015 06:45
E alura si dei brocc La seconda domenica di febbraio Grazia ed io abbiamo pranzato alle undici e trenta per essere presto al palazzetto dello sport di Pavone Mella



Notizie da I racconti del lunedi
22/06/2015

Ortensie blu

Pensavo fosse una battuta, invece Grazia riesce sempre a stupirmi. In giardino abbiamo una pianta di ortensie, il cui colore oscilla tra il bianco e il rosa...

08/06/2015

Mai sgurlì 'na pianta de s'ciafù

Un paio di mesi fa abbiamo riesumato le antiche tabelle per iniziare a correre che utilizzai alla fine dello scorso millennio...

25/05/2015

Una storia che non può funzionare

Cecco ritornò a casa dopo sei mesi. Voleva cambiare una lampadina, in sala, così prese la scala e vi salì fino all’ultimo gradino...

20/04/2015

La botta

Alle sette e mezza mattutine, in una gradevole giornata di primavera ormai inoltrata, giacca e camicia per intenderci, basta maglioni, cappotti e giacconi, dopo aver estratto l’autovettura dal garage, attendo Grazia davanti alla cancellata...

06/04/2015

Il perdono

Arturo Pani conduceva con i genitori un piccolo bar, proprio a ridosso della grande fabbrica che dava lavoro a centinaia di persone...

30/03/2015

Sei eliminata!

Venerdì sera di metà marzo, terminata la giornata e settimana lavorativa, rientriamo a casa e affrontiamo l’ultima curva che conduce al nostro villaggio

16/03/2015

La bicicletta

Chiara, la nostra ultimogenita, da gennaio si trova in Olanda per il progetto Erasmus, dopo essersi laureata nel luglio scorso in Psicologia, e fino a giugno frequenterà la specialistica all’università di Groningen

23/02/2015

E alura si dei brocc

La seconda domenica di febbraio Grazia ed io abbiamo pranzato alle undici e trenta per essere presto al palazzetto dello sport di Pavone Mella

09/02/2015

Il segreto per vivere a lungo

Da qualche tempo, ormai, i patti sono stati definiti con chiarezza. Quella volta gli dissi: “Fino a quando avrò dei debiti, non puoi permettere che io me ne vada”. Non mi rispose. Chi tace acconsente, per cui secondo me l’accordo è valido.

26/01/2015

Se questo è un uomo

Dal 1996 al 2010 ho compiuto per lavoro numerosissimi viaggi all’estero. L’avvenimento curioso e singolare che voglio narrare oggi è avvenuto la sera del 16 marzo 1998 nella sala d’ingresso dell’Hotel Bucuresti, a Bucarest

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier