Skin ADV
Mercoledì 07 Dicembre 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





14 Luglio 2014, 07.00

Racconti del Lunedì

Ferloccate

di Ezio Gamberini
Anna e Chiara, in rigoroso ordine di apparizione, due affarini che insieme sfiorano i dieci anni di vita, mi colgono impreparato ed esclamano a bruciapelo...

...
“Papy, ci compri un gattino?”. 
“Certo, bambine mie, sarà fatto!”.


A sera mi reco in un negozio specializzato, per un po’ mi guardo attorno e poi, all’improvviso, scorgo un adorabile micetto dagli occhi vispi, che fissano i miei.
Si tratta di un grazioso batuffolo che sta in una mano, dal pelo lungo color bruno chiaro con chiazze bianche: me ne innamoro a prima vista, lo voglio!

“Quanto costa?”.
“Seimila lire”.
“Affare fatto!”. 


Lo porto a casa e non vi dico la reazione delle piccole… Alla fine, senza molta fantasia, lo chiameremo “Micio”. 

Sono passati vent’anni, e Micio è ancora lì, immobile, accanto al telefono. E’ davvero straordinario, perché anche quando andavamo in ferie, lo lasciavamo lì, tranquillo, e al ritorno lo ritrovavamo tale e quale. Vuoi accarezzarlo? Lui non scappa.
Micio non c…., non p….., non rovina i mobili, lascia in pace i topi, insomma è di gran compagnia, quando ne hai voglia, ma per nulla invadente!
***

L’anno in cui è introdotto l’euro, il 2002, Paolo compie diciotto anni e, ottenuta la patente, con flemma “british” mi chiede:

“Papy, mi compri la Smart?”.
“Come no, certo figliolo!”.

L’affare è concluso già in settimana e avviene tramite l’investimento di euro sei, conferiti alla tabaccheria del paese per l’acquisto di una scintillante Smart ForTwo Passion blu e grigia metallizzata, scala 1:43.
Anche in questo caso, ometto la reazione del mio figliolo…
***

Prima di partire per la sospirata passeggiata, quando ne abbiamo la possibilità, osserviamo il cielo, che stavolta si presenta nero e minaccioso come non mai, ma soltanto verso nord: “L’acqua de Degagna no la bagna”, sentenzia Grazia con intonazione solenne, che non ammette repliche né contraddittorio.
E in effetti, è risaputo che nell’emisfero boreale (il nostro, quello dove risiediamo noi valsabbini, insomma) le perturbazioni provengono da ovest e si dirigono verso est. Perciò partiamo baldanzosi, certi che non pioverà.

Trascorsa mezz’ora, dopo essere usciti dal paese e costeggiato la riva del fiume, quando siamo ormai in mezzo al bosco senza alcuna possibilità di ripararci, viene giù il finimondo: un diluvio furioso e incessante, un nubifragio come non avveniva da anni e anni, con la pioggia che ci entra fin nelle ossa!

Torniamo a casa, inzuppati e fradici, ma senza mai smettere di ridere, perché mentre camminiamo, sulla via del ritorno faccio notare a Grazia che, con molta probabilità, quella non era propriamente “L’acqua de Degagna”; forse si trattava di quella “de Carvan”, così mi sento in diritto di coniare una nuova massima: “L’acqua de Degagna no la bagna, ma chela de Carvan la fa dan”.

***

2009, si festeggia il venticinquesimo anniversario della Cooperativa Ai Rucc e Dintorni, fondata nel 1984 da don Raffaele (così come quest’anno si celebra il trentesimo, con numerose manifestazioni che raggiungeranno il loro culmine nel mese di settembre!); nel corso di una bella serata al teatro comunale è proiettato un gustoso filmato che illustra la storia della comunità, mostra le stalle, i prodotti, le interviste a ospiti e operatori e la vita trascorsa nel periodo estivo all’alpeggio in Val di Fumo.

In quell’occasione, era l’agosto del 1991, ai piedi dell’Adamello, dove nasce il fiume Chiese, trascorsi in malga una delle più belle settimane della mia vita: con Emanuele (che insieme a Giovanni è la “storia” e l’“anima” della cooperativa) e alcuni ragazzi, oltre al “casaro” nonno Vittorio, durante la permanenza mi occupai della cucina, al loro servizio.

Nel filmato che scorre, a un certo punto sono ritratto in mezzo a loro mentre gesticolo e indico l’orizzonte e le cime dei monti: sembro un “professorone” intento a spiegare la morfologia delle Alpi, la struttura dell’atmosfera terrestre, i segreti della natura!

“Sai che cosa stavi dicendo, in quell’occasione?” mi bisbiglia Emanuele, incapace di trattenere un sorriso beffardo. Ora ricordo! Declamavo l’antico proverbio:
“Se la montagna la gà el capèl, o che fa brӧt, o che fa bèl… Ma se ‘l capèl el ghè mia del tӧt, o che fa bèl o che fa brӧt ”.

La seconda parte, originale ed esclusiva opera mia che ha determinato il conferimento di una laurea honoris causa in “ferloccatura classica” (anni e anni di duro impegno nello studio della “bagatelleria applicata”, cari amici lettori, mica ingegno o improvvisazione!) dimostra in maniera definitiva l’assoluta infallibilità degli antichi detti popolari.
***

Fra dieci giorni si laurea anche la nostra “piccola” Chiara. Che cosa pensare? “Game over”, per noi poveri “vecchietti”? Non credo proprio. Prima di tutto perché c’è l’Erasmus, la specialistica, e poi, per noi due, ancora una decina d’anni di lavoro, senza contare i due figli maggiori che se ne sono andati da casa, i quali fortunatamente gradiscono il ritrovarsi insieme, quando ne abbiamo l’occasione.
Ma ho l’impressione che Grazia ed io stiamo diventando “nonni dentro”, perché quando ci accostiamo ai bimbi piccoli, e conversiamo con loro, ci commuoviamo.

Proseguiamo il cammino, in attesa di quello che ci riserverà il futuro, bello o brutto che sia, ma confidando nella vita, perché la vita è troppo bella, e non può essere tradita.

Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/11/2012 09:15
Don Eugenio Panelli da Inzino alle sponde dell'Eridio Dopo essere stato per sei anni parroco della frazione gardonese il 68enne don Panelli sarà presbitero collaboratore nell'unità pastorale di S. Maria ad Undas. In Valtrompia arriverà il 49enne don Gabriele Banderini, parroco di Collio e Degagna di Vobarno

10/12/2013 09:30
Cento E con questo fanno cento! Cento racconti, da lunedì 23 maggio 2011 a oggi, pubblicati sul sito nella rubrica "I racconti del lunedì"

03/03/2014 08:30
La scopa leopardata Gilda era una bidella volenterosa e tenace, infaticabile nel suo lavoro, ma un po’ “strana”, diciamo così...

08/06/2015 06:46
Mai sgurlì ‘na pianta de s’ciafù Un paio di mesi fa abbiamo riesumato le antiche tabelle per iniziare a correre che utilizzai alla fine dello scorso millennio...

02/06/2014 08:00
Una «i» di cinquanta metri Quanta pioggia in questo maggio. Non c’è tregua: ogni giorno, uno spruzzo il mattino e/o un temporale nel pomeriggio non mancano mai!



Notizie da I racconti del lunedi
22/06/2015

Ortensie blu

Pensavo fosse una battuta, invece Grazia riesce sempre a stupirmi. In giardino abbiamo una pianta di ortensie, il cui colore oscilla tra il bianco e il rosa...

08/06/2015

Mai sgurlì 'na pianta de s'ciafù

Un paio di mesi fa abbiamo riesumato le antiche tabelle per iniziare a correre che utilizzai alla fine dello scorso millennio...

25/05/2015

Una storia che non può funzionare

Cecco ritornò a casa dopo sei mesi. Voleva cambiare una lampadina, in sala, così prese la scala e vi salì fino all’ultimo gradino...

20/04/2015

La botta

Alle sette e mezza mattutine, in una gradevole giornata di primavera ormai inoltrata, giacca e camicia per intenderci, basta maglioni, cappotti e giacconi, dopo aver estratto l’autovettura dal garage, attendo Grazia davanti alla cancellata...

06/04/2015

Il perdono

Arturo Pani conduceva con i genitori un piccolo bar, proprio a ridosso della grande fabbrica che dava lavoro a centinaia di persone...

30/03/2015

Sei eliminata!

Venerdì sera di metà marzo, terminata la giornata e settimana lavorativa, rientriamo a casa e affrontiamo l’ultima curva che conduce al nostro villaggio

16/03/2015

La bicicletta

Chiara, la nostra ultimogenita, da gennaio si trova in Olanda per il progetto Erasmus, dopo essersi laureata nel luglio scorso in Psicologia, e fino a giugno frequenterà la specialistica all’università di Groningen

23/02/2015

E alura si dei brocc

La seconda domenica di febbraio Grazia ed io abbiamo pranzato alle undici e trenta per essere presto al palazzetto dello sport di Pavone Mella

09/02/2015

Il segreto per vivere a lungo

Da qualche tempo, ormai, i patti sono stati definiti con chiarezza. Quella volta gli dissi: “Fino a quando avrò dei debiti, non puoi permettere che io me ne vada”. Non mi rispose. Chi tace acconsente, per cui secondo me l’accordo è valido.

26/01/2015

Se questo è un uomo

Dal 1996 al 2010 ho compiuto per lavoro numerosissimi viaggi all’estero. L’avvenimento curioso e singolare che voglio narrare oggi è avvenuto la sera del 16 marzo 1998 nella sala d’ingresso dell’Hotel Bucuresti, a Bucarest

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier