Skin ADV
Lunedì 28 Novembre 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






20 Dicembre 2014, 07.34

Terza pagina

Essere altro da sé significa essere nulla 1.2

di Dru
Pensare e dire intorno Qualcosa significa pensare e dire intorno Tutto. Perché allora dir di qualcosa non significa dir di tutte le cose?

Tutto non è tutte le cose, ma dell’aspetto formale che è il tutto, quello che il tutto contiene sostanzialmente non è il tutto, ma sono tutte le cose: lo sfondo perenne del mondo è il tutto, ma di tutte le cose in quanto transeunte.

Noi, ad un certo punto e precisamente con la filosofia greca, riconosciamo il tutto nella forma, ci appare (con Parmenide), ma nella sostanza lo neghiamo, ci scompare: lo riconosciamo nella forma, perché riconosciamo che qualcosa è tutto, lo neghiamo perché qualcosa non è tutte le cose, dunque non crediamo più che il tutto le abbia in sé.

Come per un uomo che, non essendo l’uomo non è tutto ciò che l’uomo può essere di quell’uomo, anche il tutto che riconosciamo  non è in grado di contenere tutte le cose.

Se il tutto, che riconosciamo, avesse in sé tutte le cose, per quale ragione a noi, in quanto “noi”,  è precluso il vederle?

Se il tutto fosse davvero ciò che è tutte le cose, allora ogni movimento che incominciasse, dal non essere in quel tutto, non sarebbe e dunque, od ogni movimento non sarebbe o a non essere sarebbe quel tutto che non lo comprendesse, ma appare che il tutto prima del movimento non è il tutto dopo, dunque se esiste il movimento e il movimento è evidente che esista, il tutto che c’era prima non è il tutto che appare poi, il tutto non è il tutto.

Questo modo di qualcosa di essere transeunte, caducho, effimero, temporale, storico porta il tutto a non essere il tutto, alla contraddizione:  basta che alzi un braccio e nel cerchio dell’apparire del tutto entra quel braccio alzato che non è parte di quel tutto, si che quel tutto, escluso del mio braccio alzato, non è il tutto comprendente il mio braccio alzato.

Noi riconosciamo il tutto nella forma ma nella sostanza lo percepiamo come contraddittorio, confondendo il tutto con tutte le cose.

Non potendo noi, in quanto “noi”, conoscere tutte le cose, allora rifiutiamo di riconoscere il tutto, ma il tutto, in quanto tutte le cose, è qui presente in ogni attimo della nostra esistenza.

Il limite di comprensione è dovuto alle  modalità dell’apparire.

Se le cose non apparissero allora non vi sarebbe alcun limite, che dell’apparire è il comparire e lo scomparire, e non vi sarebbe alcunché che appaia come transeunte.

L’apparire è il cerchio dove si manifestano “per noi” le cose del mondo, ricordando che il mondo è qualcosa e il suo non esser l’altro, essendo l’altro dell’altro il suo altro, qualcos’altro che non è che nulla di sé.

Questo comparire di esse, e questo scomparire, questo è il loro apparire, giustifica l’incertezza che ci domina.

Supporre un’esistenza al di là è il fondamento di quanto la proposizione precedente esige.

Ma se riflettiamo solo un attimo quell’al di là, ci appare che quell’al di là è ancora un al di qua in quanto  pensato, luogo in cui  scaturisce ogni cosa che appaia.

Ogni cosa che appare, appare nel pensiero e non in altro dal pensiero, quell’altro dal pensiero come cosa che appare in sé  è del qualcosa  l’altro da sé, è del qualcosa il nulla e come nulla che vuole essere è l’impensabile.

Continuerò… (forse ndr)


Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
12/12/2011 10:00
Parole più semplici, umore più leggero Esprimersi con troppe esagerazioni e iperboli pu innescare atteggiamenti superficiali e creare disagi; ci salva un linguaggio diretto e naturale

22/04/2014 09:29
Un ciclo di incontri sul linguaggio del corpo Nei fine settimana del 26-27 aprile e 17-18 maggio l'associazione "Con Sé" propone un corso intitolato "Osservare e comprendere il linguaggio segreto del corpo"

02/03/2014 09:07
La filosofia nasce grande con Anassimandro 1.4 Si tratta ora di comprendere che il significato del dolore e dell'angoscia, al quale si riferisce il pensiero filosofico, è essenzialmente connesso al modo in cui la filosofia, sin dall'inizio, pensa  l'"essere" , il "nulla", il "divenire"

08/02/2015 16:00
Essere nulla 2.1 Le cose sono altro da sé, questo  è il significato del "nulla": il pensiero Occidentale, fin dalle sue origini, così pensa le cose...

23/05/2013 09:00
La filosofia e il suo fondamento Ci che assolutamente scontato invece per la filosofia ci che messo in discussione. Filosofare altro dal sostenere una tesi, una fede, un'ideologia...



Notizie da Cultura
20/04/2022

È la lumezzanese Pierangela Donati la vincitrice della sezione dialettale

L'iniziativa promossa dai giornali della Rete Bresciana: BsNews.it, CalcioBresciano.it, GardaPost.it, ValleSabbiaNews.it, con il sostegno di Cassa Rurale. Il 10 giugno, a Sal, si terranno le premiazioni degli altri autori segnalati e del vincitore assoluto

02/12/2021

La trasparenza delle parole

Cosa potrebbe accadere durante una lezione di religione del 2121 in una classe di scuola primaria? Ecco quello che potrebbe realisticamente succedere qualora alcune attuali idee trovassero piena realizzazione


11/11/2021

Herman, la sua libertà e la mia

Da qualche giorno in casa nostra ha cominciato ad abitare un nuovo componente della famiglia: Herman. Si tratta di un simpatico criceto, di color bianco a macchie marrone chiaro

17/05/2021

Il sesso delle anime

Avete mai preso in considerazione la possibilit che siano le anime ad esser sessuate e non i corpi? Se la risposta negativa, questa filosoficheria fatta apposta per voi

07/05/2021

La nobile arte del copiare

Quella che segue è una delle storie di corridoio sorte fra le mura di una scuola

25/04/2021

Senza retorica o nostalgie

Pubblichiamo una riflessione sulla giornata del 25 aprile da parte del prof. Giuseppe Biati, Presidente del Centro Studi La Brigata Giacomo Perlasca delle Fiamme Verdi e la Resistenza Bresciana

23/04/2021

Il vecchio noce

Si avvicina il 25 aprile. Pubblichiamo volentieri questo bel racconto di Giuseppe Biati, uomo di scuola, storico e fine conoscitore dei sentimenti che animano i valsabbini

25/11/2020

Violenza sulle donne, emergenza non percepita

La pandemia, con il confinamento obbligato in casa, ha fatto aumentare i casi di violenza contro le donne, che nella maggioranza dei casi violenza domestica

01/07/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza


12/06/2020

Attenzione ai filtri d'amore

Nella nostra cultura sempre più dominata dal pensiero scientifico, matematico e sperimentale, le pratiche magiche sono generalmente considerate prive di fondamento, se non addirittura fraudolente


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier