Skin ADV
Lunedì 25 Maggio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






20 Dicembre 2014, 07.34

Terza pagina

Essere altro da sé significa essere nulla 1.2

di Dru
Pensare e dire intorno Qualcosa significa pensare e dire intorno Tutto. Perché allora dir di qualcosa non significa dir di tutte le cose?

Tutto non è tutte le cose, ma dell’aspetto formale che è il tutto, quello che il tutto contiene sostanzialmente non è il tutto, ma sono tutte le cose: lo sfondo perenne del mondo è il tutto, ma di tutte le cose in quanto transeunte.

Noi, ad un certo punto e precisamente con la filosofia greca, riconosciamo il tutto nella forma, ci appare (con Parmenide), ma nella sostanza lo neghiamo, ci scompare: lo riconosciamo nella forma, perché riconosciamo che qualcosa è tutto, lo neghiamo perché qualcosa non è tutte le cose, dunque non crediamo più che il tutto le abbia in sé.

Come per un uomo che, non essendo l’uomo non è tutto ciò che l’uomo può essere di quell’uomo, anche il tutto che riconosciamo  non è in grado di contenere tutte le cose.

Se il tutto, che riconosciamo, avesse in sé tutte le cose, per quale ragione a noi, in quanto “noi”,  è precluso il vederle?

Se il tutto fosse davvero ciò che è tutte le cose, allora ogni movimento che incominciasse, dal non essere in quel tutto, non sarebbe e dunque, od ogni movimento non sarebbe o a non essere sarebbe quel tutto che non lo comprendesse, ma appare che il tutto prima del movimento non è il tutto dopo, dunque se esiste il movimento e il movimento è evidente che esista, il tutto che c’era prima non è il tutto che appare poi, il tutto non è il tutto.

Questo modo di qualcosa di essere transeunte, caducho, effimero, temporale, storico porta il tutto a non essere il tutto, alla contraddizione:  basta che alzi un braccio e nel cerchio dell’apparire del tutto entra quel braccio alzato che non è parte di quel tutto, si che quel tutto, escluso del mio braccio alzato, non è il tutto comprendente il mio braccio alzato.

Noi riconosciamo il tutto nella forma ma nella sostanza lo percepiamo come contraddittorio, confondendo il tutto con tutte le cose.

Non potendo noi, in quanto “noi”, conoscere tutte le cose, allora rifiutiamo di riconoscere il tutto, ma il tutto, in quanto tutte le cose, è qui presente in ogni attimo della nostra esistenza.

Il limite di comprensione è dovuto alle  modalità dell’apparire.

Se le cose non apparissero allora non vi sarebbe alcun limite, che dell’apparire è il comparire e lo scomparire, e non vi sarebbe alcunché che appaia come transeunte.

L’apparire è il cerchio dove si manifestano “per noi” le cose del mondo, ricordando che il mondo è qualcosa e il suo non esser l’altro, essendo l’altro dell’altro il suo altro, qualcos’altro che non è che nulla di sé.

Questo comparire di esse, e questo scomparire, questo è il loro apparire, giustifica l’incertezza che ci domina.

Supporre un’esistenza al di là è il fondamento di quanto la proposizione precedente esige.

Ma se riflettiamo solo un attimo quell’al di là, ci appare che quell’al di là è ancora un al di qua in quanto  pensato, luogo in cui  scaturisce ogni cosa che appaia.

Ogni cosa che appare, appare nel pensiero e non in altro dal pensiero, quell’altro dal pensiero come cosa che appare in sé  è del qualcosa  l’altro da sé, è del qualcosa il nulla e come nulla che vuole essere è l’impensabile.

Continuerò… (forse ndr)


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
12/12/2011 10:00:00
Parole più semplici, umore più leggero Esprimersi con troppe esagerazioni e iperboli può innescare atteggiamenti superficiali e creare disagi; ci salva un linguaggio diretto e naturale

22/04/2014 09:29:00
Un ciclo di incontri sul linguaggio del corpo Nei fine settimana del 26-27 aprile e 17-18 maggio l'associazione "Con Sé" propone un corso intitolato "Osservare e comprendere il linguaggio segreto del corpo"

02/03/2014 09:07:00
La filosofia nasce grande con Anassimandro 1.4 Si tratta ora di comprendere che il significato del dolore e dell'angoscia, al quale si riferisce il pensiero filosofico, è essenzialmente connesso al modo in cui la filosofia, sin dall'inizio, pensa  l'"essere" , il "nulla", il "divenire"

08/02/2015 16:00:00
Essere nulla 2.1 Le cose sono altro da sé, questo  è il significato del "nulla": il pensiero Occidentale, fin dalle sue origini, così pensa le cose...

23/05/2013 09:00:00
La filosofia e il suo fondamento Ciò che è assolutamente scontato è invece per la filosofia ciò che è messo in discussione. Filosofare è altro dal sostenere una tesi, una fede, un'ideologia...



Notizie da Cultura
12/05/2020

Una rilettura sapienziale dell'esperienza vissuta

È quanto chiede il Vescovo di Brescia, mons. Tremolada alle comunità della diocesi nel camino di ritorno alla normalità della vita delle parrocchie dopo la dura esperienza della pandemia

08/05/2020

Vota i tuoi Luoghi del Cuore

FAI e Intesa Sanpaolo invitano i cittadini a partecipare alla decima edizione del censimento che mira a premiare i luoghi più votati - per ora solo via web - e a promuoverne gli interventi e i progetti di valorizzazione

27/04/2020

«Libericomelaria», quasi sei ore di diretta no-stop che ci ha scaldato il cuore

Oltre ai tantissimi ospiti i contenuti straordinari che ci hanno voluto regalare Omar Pedrini, Cisco ed Irene Grandi hanno impreziosito la giornata.

23/04/2020

A chi non piace il 25 Aprile

C’è chi propone di abolirlo, perché lo ritiene divisivo, senza significato. C’è chi da sempre vorrebbe eliminarlo, per cancellarne la memoria, perché fastidioso o peggio ancora “di parte”. Quest’ultimo è l’unico vero motivo che ci porta a festeggiarlo ogni anno. La Liberazione è una festa “di parte”, ed a buon merito anche.

12/04/2020

Un augurio di Pasqua

La Pasqua non è semplicemente una festa tra le altre feste, è "la festa delle feste", è "la festa per eccellenza"

06/02/2020

Gli oracoli

Cos’è esattamente un oracolo? Strana domanda, la cui risposta è nascosta dai veli del tempo


14/01/2020

Al via la nuova stagione della Collezione Paolo VI

Dalla mostra di Floriano Bodini ai cicli di incontri di OperAperta, Lògos e Registi dello Spirito, dai nuovi progetti alla collettiva dei finalisti del Premio Paolo VI per l’arte contemporanea

13/01/2020

Parlare bene l'inglese conviene

C’era una volta la scuola delle 3 “i” (informatica, impresa, inglese). Molte le riforme tentate, poche le risorse investite. Che fine ha fatto la “i” dell’inglese?

24/09/2019

Dimenticare un bambino in auto. Perché?

Ti sconvolge non poco la notizia di un bambino dimenticato in auto da un genitore, come è accaduto di recente a Catania


11/01/2019

Dieci anni di arte contemporanea a Concesio

La Collezione Paolo VI cresce (e piace) sempre di più. Per il 2019 spazio alle mostre di Jean Guitton e Armida Gandini, al ritorno del Museo In-Visibile, di OperAperta e dei nuovi cicli di Lògos dedicati all’architettura, con una sempre maggiore attenzione alle scuole e ai ragazzi del territorio e alle famiglie

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier