Skin ADV
Mercoledì 05 Agosto 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





24 Dicembre 2012, 09.50

Psicologia - Cibo/2

Perdere peso: cinque cose che funzionano

di Gianpiero Rossi
Dopo le cinque strategie sbagliate per dimagrire ecco le cinque che possono aiutare a ritrovare l'equilibrio con il proprio corpo: mangiare, mangiare rilassati, appagare il piacere, essere amati, ispirarsi alle persone magre
 
Dopo l’articolo precedente “Perdere peso: 5 cose frequenti che non funzionano”, consideriamo ora queste cinque strategie che funzionano, alcune di queste a lungo testate nell’ambito della psicologia della nutrizione a livello internazionale.
 
1. Mangiare
Stranamente, un modo per sostenere a lungo termine la perdita di peso è quello di... mangiare! Quando dico "mangiare", intendo creare un rapporto con il cibo che ti fa amare, non temere, sentendoti nutrito/a da esso, ricevere piacere, mangiare con soddisfazione per celebrare la vita. Fidati del tuo corpo.
 
Concedi a ogni cellula il nutrimento di cibo gustoso non appena senti fame, anche leggera (la fame vera, fisiologica, non quella emotiva). Con la disponibilità a contattare il tuo appetito naturale e il tuo “nutrizionista” interiore, il tuo corpo inizierà a trovare la sua strada di casa. E' così semplice. Se aspetti troppo a mangiare, si sa che invece di nutrirti, rischi di ingozzarti.
 
2. Mangiare rilassati, piacevolmente lenti e con piccoli bocconi
Chi mangia veloce ingurgita considerevolmente più calorie e paradossalmente si sente meno sazio subito dopo il pasto e persino un’ora dopo. In uno studio è emerso che mangia meno chi usa bocconi piccoli rispetto a chi ne usa più grandi. L’apporto medio su un pasto di budino al cioccolato è stato di 100 calorie in meno (una riduzione del 23%).
 
Più a lungo rimane in bocca il cibo, meno se ne mangia. A ciò contribuisce la lentezza. Oltre ad appagare il piacere, la calma ci fa prendere meglio contatto anche le sensazioni dello stomaco, fino ad avvertire prima la leggera sazietà. Mettere giù le posate durante la masticazione ci permette di allentarla più facilmente.
 
3. Appagare il piacere
Chi mangia distrattamente i pasti avverte a malapena il sapore e la quantità che ingerisce. Non farsi distrarre troppo spesso ci permette di appagarci prima e meglio, soprattutto per quei cibi gustosi che spesso sono anche i più calorici. Chi si concede con attenzione un cibo, anche se proibito, questo perde la sua tentazione. La consapevolezza si sposa con la giusta quantità. Se si apprezza ciò che si mangia non se ne avverte il bisogno continuo.
 
L’istinto di sopravvivenza si basa non solo sul tenerci lontano dal dolore ma soprattutto sul principio del piacere, che ci spinge verso il cibo, la sessualità, il benessere. Contraddire questa regola biologica significa remare contro natura, contro se stessi. E la frustrazione conseguente ci prepara la ribellione di un piacere smodato, incontrollato e quindi temuto. In pace col cibo e in pace col proprio corpo. E’ su questi principi base che ci si esercita nei training di psicologia della nutrizione.
 
4. Essere amati
Sappiamo che l’ideale è amarsi per essere amati. Ma non tutti ci riescono con questa premessa. Molte persone, in particolare donne, sanno razionalmente che sarebbe meglio accettare il proprio corpo esattamente com’è, anche in vista di miglioramenti. Anche quando è già accettabile non lo amano comunque e vivono in costante autocritica e combattono col cibo come se fosse l’unico modo per restituire bellezza. A chi è troppo difficile amare il proprio corpo c’è bisogno di chiamare i rinforzi.
 
Se una persona non può amare il suo corpo, ma ha un compagno/a in grado di farlo, allora può prendere in consegna per un po’ questo compito. Massaggi, carezze, apprezzamenti. Ognuno ha il proprio stile. Il corpo ha bisogno di essere amato, ma non esclusivamente da chi lo abita. Se proprio non riesci ad amare il tuo corpo così com'è, cerca di trovare qualcuno che possa amarlo e vedi cosa succede. Accettarsi ci restituisce una energia positiva che possiamo utilizzare per qualsiasi miglioramento desiderabile. Il conflitto con sé ci restituisce solo stress. E lo stomaco lo sente.
 
5 .Ispirarsi alle persone magre
Alcune donne sono abbastanza competitive con le altre quando si tratta di peso corporeo. Si guardano le une con le altre per confrontare, criticare, attaccare in silenzio e sembrano andare contro le stesse persone che vogliono emulare. Non solo si tratta di un colpo basso quando siamo ingiustamente critici con le persone grasse, così come è altrettanto ingiusto giudicare quelle magre. In generale, la sentenza tende a cadere quando stiamo per ottenere quello che vogliamo.
 
La prossima volta che vedi qualcuno che ha il corpo o il peso che desideri, invia loro una benedizione silenziosa. Ciò che si manda, ritorna. E se vuoi farlo ritornare meno passivamente, scopri come fanno a mangiare e a muoversi i magri. Ispirati. Non mangiare solo con chi ti da un cattivo esempio.
 
Gianpiero Rossi
Psicoterapeuta presso Studio di Medicina Clinica, Lumezzane. 030.826409
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/12/2012 10:30
Perdere peso: cinque cose che non funzionano Il primo dei due articoli dello psicologo lumezzanese mettono in evidenza cinque classiche strategie che non vanno: diete decennali, accumulare fame, uso di dolcificanti artificiali, pensare di essere grassi, rimanere in disparte

17/05/2013 09:30
Quante voglie abbiamo? In questo primo articolo sul rapporto tra cibo e desiderio lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi passa in rassegna l'aspetto nascosto delle voglie che, ascoltate in profondo, spesso possono mandarci nella direzione di una sana scelta nutrizionale

03/12/2012 09:45
Dieci passi per fare pace col cibo e smettere di eccedere In questo secondo articolo sul modo di mangiare lo psicologo lumezzanese Gianpiero Rossi enuncia un decalogo per riuscire a mangiare con calma e meditazione in una situazione di assoluta e lenta consapevolezza dei propri gesti

05/06/2013 09:00
Lo stress ingrassa, il rilassamento dimagrisce In questo secondo post sulle relazioni tra psicologia e metabolismo Gianpiero Rossi chiarisce come ansia, paura, stress limitino il dimagrimento, che invece favorito da un rilassamento fisiologico e da un saper mangiare lentamente

27/12/2012 09:15
Quattro modi per stare leggeri nelle feste ... e anche dopo Dallo psicologo Gianpiero Rossi quattro consigli buoni per gustarsi i piaceri culinari delle feste senza rinunciare poi al proprio benessere: assaporare i gusti, fare attivit rilassanti per se stessi, muoversi, focalizzarsi sulle cose positivee



Notizie da Psicologia e benessere
08/06/2015

Gestisci le abitudini, se vuoi dimagrire

Se sei un essere umano e non un robot, hai anche tu delle abitudini. Alcune di queste abitudini ci piacciono, mentre altre ci assillano perché sono nocive, non si perdono facilmente e fanno fallire moltissimi metodi per dimagrire

25/05/2015

La presenza mentale, non solo col cibo

La «presenza mentale» va sviluppata non solo a contatto con il cibo come rimedio per chi rischia di non percepire né la qualità né la corretta quantità

06/04/2015

Altri due nuovi consigli inaspettati per migliorare la digestione

Li definisco inaspettati perché molte volte i consigli relativi al miglioramento della digestione si concentrano sul prendere aiuti digestivi e integratori di vario genere. Questi sono un po' diversi

22/03/2015

Due consigli inaspettati per una digestione efficace

La buona digestione è sempre più difficile in questi tempi. Se non hai ancora colto le dimensioni di questo problema alimentare, allora è il momento di iniziare a seguire il programma. La salute comincia nel tratto digestivo.

03/01/2015

Il paradosso dell'abbondanza

L’abbondanza di cibo, che contraddistingue specialmente il periodo delle feste, contribuirà a peggiorare l'epidemia di obesità che colpisce anche noi italiani o a contribuire al nostro sovrappeso

01/01/2015

Che cosa fare se hai esagerato?

E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo


19/12/2014

Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno

Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


15/11/2014

Separazione: come ragiscono i figli?

La separazione si configura come evento protratto nel tempo e spesso molto conflittuale. Perché la separazione risulta difficile? I figli risentono della separazione?

18/05/2014

Aiuti e consigli per trattare la depressione/2

Si completa con altri quattro consigli l'articolo dello psicoterapeuta triumplino Gianpiero Rossi attorno al problematico fenomeno della depressione

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier