Skin ADV
Martedì 14 Luglio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





08 Dicembre 2014, 06.35

Racconti del luned

Mai più il pennello

di Ezio Gamberini
L’avevo giurato: “Mai più il pennello!”, dopo il tour de force di qualche anno fa che mi vide impegnato a dipingere cancelli e ringhiere della nostra abitazione, dalle sei del mattino alle dieci di sera di un sabato estivo...

Insieme ai vicini avevamo acquistato la super-vernice metallizzata che avrebbe resistito per i prossimi dieci anni, e qualcuno finì il lavoro in qualche giorno, altri in due o tre settimane, mentre il sottoscritto, fuori il dente fuori il dolore, come annunciato all’inizio, in una sola giornata.
Le conseguenze si protrassero per una settimana intera: avevo dolori in ogni parte del corpo!

E’ perciò comprensibile la titubanza che avevamo Grazia ed io, quando, prima che giungesse l’inverno, pensammo di rinfrescare soffitto e quella porzione di pareti non piastrellate del bagno; in tutto neppure quindici metri quadrati.
“Come si fa a chiamare un pittore per una sciocchezza del genere?”, ci ripetevamo …
Ok, mi arrangio io. In un sabato mattina concludo la faccenda”, le comunicai persuaso.

Andai a comprare cinque chili di tempera, che sarebbero stati più che sufficienti, e due teli per ricoprire i sanitari.
Il sabato mattina mi alzai presto e non svegliai Grazia, perché volevo che trovasse tutto finito al suo risveglio: al massimo in due tre ore, ero convinto, avrei terminato.
Preparai la tempera in un secchio più grande, ricoprii i sanitari e salii sulla scala per cominciare a dipingere.

Filò tutto liscio, fin quando si trattava di spostare la scala accanto alla doccia, o in fianco al mobile; i problemi iniziarono quando si trattò di dover dipingere la parte di soffitto collocato proprio sopra la vasca.
La nostra vasca ha due lati della stessa lunghezza, con un’angolatura di novanta gradi, lungo le due pareti, mentre l’altro lato è costituito da un quarto di cerchio, che arriva al centro del bagno; la forma, in sostanza, è quella di un quarto di cilindro. Non potendo inserire la scala all’interno della vasca, a causa della sua concavità, ho pensato bene di incastrarla, tenendola chiusa, tra il bordo di quest’ultima e il wc, che è collocato a una trentina di centimetri.
In questo modo, la scala si sarebbe trovata in pendenza sulla vasca, ma saldamente ancorata al sanitario, ed io, facendo attenzione, avrei potuto sporgermi per riuscire comodamente a dipingere ogni parte del soffitto.

Affrontai timidamente il primo scalino, poi il secondo, infine il terzo: teneva! Allora salii sul quarto, poi sul quinto e allungai il braccio…
Non so cosa successe (cioè, lo so benissimo, rinco che non sono altro…), ma all’improvviso la scala scivolò via dalla sua posizione che reputavo salda e sicura, ed io mi ritrovai come Klaus Dibiasi e Giorgio Cagnotto, campioni olimpionici di tuffi, a fare un volo da un metro e mezzo all’interno della vasca (vuota!), con un frastuono infernale!

Grazia si destò all’improvviso e quando aprì la porta del bagno poté osservare la seguente scena: uno scemo giaceva immobile all’interno della vasca, steso come un baccalà e sovrastato da una scala, la quale, evidentemente perfida sin dalla nascita, prima di incombere minacciosa e precipitarmi addosso, facendo leva aveva ribaltato il secchio della tempera, che era lì accanto, e il lattiginoso liquido si era sparso per tutta la superficie del pavimento, inondandolo. Grazia, poverina, non poteva neanche raggiungermi, ma guardandoci negli occhi, che riaprii dopo qualche secondo, cominciammo a ridere come pazzi.

Prima di rialzarmi, feci la conta dei danni: schiena, ginocchio e costato mi dolevano parecchio, per il resto, tutto appariva normale.
Fu soltanto la mattina successiva, al risveglio, che mi accorsi di altre conseguenze: oltre a schiena, ginocchio e costato, mi facevano male polso e gomito.
Per fortuna era domenica, e potei “leccarmi le ferite”, perché da lunedì avrei dovuto comportarmi come se niente fosse successo: nulla doveva trapelare! Per un paio di settimane è stato un calvario, intervallato dai momenti in cui con Grazia, ripensando all’accaduto, ridevamo con gusto, anche perché lei, proprio in questo periodo, ha avuto un ritorno di fiamma per la scoliosi cha da ragazzina l’ha obbligata a eseguire ginnastica correttiva per anni, con dolori alla schiena persistenti e lancinanti; insomma, così malmessi entrambi, sembra di volersi più bene.

E soltanto adesso che “… ‘a nuttata” non “ha da passà, ma finalmente sembra proprio trascorsa, e i dolori sono soltanto un ricordo, sia per me, sia per Grazia, posso narrare della faccenda col sorriso sulle labbra.

Ah… la perfida scala ora riposa presso la discarica comunale, mentre l’altro giorno ho acquistato ventiquattro pastelli Giotto e trentasei pennarelli Faber-Castell, per quando avrò la voglia di dipingere: tutto ciò è certamente molto più sicuro e salutare, ma soprattutto bello e istruttivo, come diceva Giovannino Guareschi, che invito caldamente a leggere, per chi non l’ha mai fatto, o rileggere, per chi ha la fortuna di averlo già conosciuto.

Ezio Gamberini

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/08/2014 06:55:00
Galeotto fu... il racconto del lunedì Egregio Direttore, so che non è suo costume pubblicare lettere anonime, ma in questo caso particolarissimo le chiedo un’eccezione

13/10/2014 06:40:00
Chi è causa del mio mal… «Ahia, hai tenuto il tallone appoggiato sulla mia gamba, che male… mi metterei a piangere!» mi comunica al risveglio Grazia, che ultimamente ha le gambe un po’ “sifole”

25/05/2015 06:17:00
Una storia che non può funzionare Cecco ritornò a casa dopo sei mesi. Voleva cambiare una lampadina, in sala, così prese la scala e vi salì fino all’ultimo gradino...

03/12/2018 05:43:00
Il pimpinello Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso…

03/10/2013 10:08:00
Il Marocco raccontato da una cittadina navense Venerdì 4 ottobre alle ore 20.45 avrà inizio presso la sala civica "28 Maggio" l'incontro "Vi racconto il mio Marocco" supportato da un proiezione di immagini e dalla viva voce di una cittadina originaria proprio del Paese africano



Notizie da I racconti del lunedi
22/06/2015

Ortensie blu

Pensavo fosse una battuta, invece Grazia riesce sempre a stupirmi. In giardino abbiamo una pianta di ortensie, il cui colore oscilla tra il bianco e il rosa...

08/06/2015

Mai sgurlì 'na pianta de s'ciafù

Un paio di mesi fa abbiamo riesumato le antiche tabelle per iniziare a correre che utilizzai alla fine dello scorso millennio...

25/05/2015

Una storia che non può funzionare

Cecco ritornò a casa dopo sei mesi. Voleva cambiare una lampadina, in sala, così prese la scala e vi salì fino all’ultimo gradino...

20/04/2015

La botta

Alle sette e mezza mattutine, in una gradevole giornata di primavera ormai inoltrata, giacca e camicia per intenderci, basta maglioni, cappotti e giacconi, dopo aver estratto l’autovettura dal garage, attendo Grazia davanti alla cancellata...

06/04/2015

Il perdono

Arturo Pani conduceva con i genitori un piccolo bar, proprio a ridosso della grande fabbrica che dava lavoro a centinaia di persone...

30/03/2015

Sei eliminata!

Venerdì sera di metà marzo, terminata la giornata e settimana lavorativa, rientriamo a casa e affrontiamo l’ultima curva che conduce al nostro villaggio

16/03/2015

La bicicletta

Chiara, la nostra ultimogenita, da gennaio si trova in Olanda per il progetto Erasmus, dopo essersi laureata nel luglio scorso in Psicologia, e fino a giugno frequenterà la specialistica all’università di Groningen

23/02/2015

E alura si dei brocc

La seconda domenica di febbraio Grazia ed io abbiamo pranzato alle undici e trenta per essere presto al palazzetto dello sport di Pavone Mella

09/02/2015

Il segreto per vivere a lungo

Da qualche tempo, ormai, i patti sono stati definiti con chiarezza. Quella volta gli dissi: “Fino a quando avrò dei debiti, non puoi permettere che io me ne vada”. Non mi rispose. Chi tace acconsente, per cui secondo me l’accordo è valido.

26/01/2015

Se questo è un uomo

Dal 1996 al 2010 ho compiuto per lavoro numerosissimi viaggi all’estero. L’avvenimento curioso e singolare che voglio narrare oggi è avvenuto la sera del 16 marzo 1998 nella sala d’ingresso dell’Hotel Bucuresti, a Bucarest

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier