Skin ADV
Martedì 14 Luglio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





13 Ottobre 2014, 06.40

Racconti del luned

Chi è causa del mio mal...

di Ezio Gamberini
«Ahia, hai tenuto il tallone appoggiato sulla mia gamba, che male… mi metterei a piangere!» mi comunica al risveglio Grazia, che ultimamente ha le gambe un po’ “sifole”

Ci penso un po’ su e poi mi viene spontanea la citazione che resterà imperitura nella memoria, eterno e immortale monito per i posteri, incancellabile esortazione che si fisserà in modo indelebile nella mente di chiunque avrà la fortuna di poterla apprendere:

“Chi è causa del mio mal… pianga se stesso”.


Non riesco a immaginare la mia vita senza Grazia; a fine settembre abbiamo festeggiato il trentatreesimo anniversario di matrimonio, che assommati ai quattro di fidanzamento, porta alla bella percentuale del 68,51% della propria vita trascorsa insieme (abbiamo la stessa età).

Quando festeggeremo il sessantesimo anniversario, e sicuramente saremo ancora due bei giovanotti di ottantuno anni, la percentuale sarà del 74,07% .
Insomma, per arrivare a una percentuale decente del 90% vissuto insieme, dovremo aspettare il duecentesimo anniversario di matrimonio, quando ne avremo duecentoventuno.

La matematica non è un’opinione, perciò avevo calcolato che il mio melograno, il quale non ha generato frutti per i primi due anni, dopo averne prodotto uno il terzo anno, tre il quarto, nove il quinto e ventisette il sesto (è proprio così, ve lo posso assicurare!), nel settimo, secondo una semplicissima logica esponenziale, avrebbe dovuto produrne ottantuno, duecentoquarantatre l’ottavo, settecentoventinove il nono e oggi, raggiunto il tredicesimo anno, avrei dovuto raccogliere cinquantanovemilaquarantanove melograni: insomma, uno per ogni abitante della Valle Sabbia, da Serle a Bagolino!

Un po’ troppi, allora ho deciso di tagliare qualche ramo così il raccolto è più gestibile.
Ho cominciato una cura dimagrante, ma non voglio tirarmi troppo il collo.
D’accordo, non si vive per ingerire cibo, ma, al contrario, ci si alimenta per vivere; però mangiare, e soprattutto mangiare bene, è davvero piacevolissimo.

E poi mi fanno paura quelli che calano troppo precipitosamente.
Così, con questa dieta, mi sono ripromesso di calare non più di due grammi a settimana; sono certo che ci riuscirò, senza fare troppa fatica.
Amici, nel 2033 sarò diminuito di due chilogrammi! E saranno chilogrammi che non recupererò mai più, essendo frutto di un percorso lento e ragionato, anche perché m’impegnerò a fondo per non tornare come prima.

E vi prometto che, come sempre, anche allora vi terrò informati: fra diciannove anni, virus Ebola permettendo, farò sapere a tutti com’è andata!


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/08/2014 06:55:00
Galeotto fu... il racconto del lunedì Egregio Direttore, so che non è suo costume pubblicare lettere anonime, ma in questo caso particolarissimo le chiedo un’eccezione

25/05/2015 06:17:00
Una storia che non può funzionare Cecco ritornò a casa dopo sei mesi. Voleva cambiare una lampadina, in sala, così prese la scala e vi salì fino all’ultimo gradino...

08/12/2014 06:35:00
Mai più il pennello L’avevo giurato: “Mai più il pennello!”, dopo il tour de force di qualche anno fa che mi vide impegnato a dipingere cancelli e ringhiere della nostra abitazione, dalle sei del mattino alle dieci di sera di un sabato estivo...

03/12/2018 05:43:00
Il pimpinello Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso…

03/10/2013 10:08:00
Il Marocco raccontato da una cittadina navense Venerdì 4 ottobre alle ore 20.45 avrà inizio presso la sala civica "28 Maggio" l'incontro "Vi racconto il mio Marocco" supportato da un proiezione di immagini e dalla viva voce di una cittadina originaria proprio del Paese africano



Notizie da I racconti del lunedi
22/06/2015

Ortensie blu

Pensavo fosse una battuta, invece Grazia riesce sempre a stupirmi. In giardino abbiamo una pianta di ortensie, il cui colore oscilla tra il bianco e il rosa...

08/06/2015

Mai sgurlì 'na pianta de s'ciafù

Un paio di mesi fa abbiamo riesumato le antiche tabelle per iniziare a correre che utilizzai alla fine dello scorso millennio...

25/05/2015

Una storia che non può funzionare

Cecco ritornò a casa dopo sei mesi. Voleva cambiare una lampadina, in sala, così prese la scala e vi salì fino all’ultimo gradino...

20/04/2015

La botta

Alle sette e mezza mattutine, in una gradevole giornata di primavera ormai inoltrata, giacca e camicia per intenderci, basta maglioni, cappotti e giacconi, dopo aver estratto l’autovettura dal garage, attendo Grazia davanti alla cancellata...

06/04/2015

Il perdono

Arturo Pani conduceva con i genitori un piccolo bar, proprio a ridosso della grande fabbrica che dava lavoro a centinaia di persone...

30/03/2015

Sei eliminata!

Venerdì sera di metà marzo, terminata la giornata e settimana lavorativa, rientriamo a casa e affrontiamo l’ultima curva che conduce al nostro villaggio

16/03/2015

La bicicletta

Chiara, la nostra ultimogenita, da gennaio si trova in Olanda per il progetto Erasmus, dopo essersi laureata nel luglio scorso in Psicologia, e fino a giugno frequenterà la specialistica all’università di Groningen

23/02/2015

E alura si dei brocc

La seconda domenica di febbraio Grazia ed io abbiamo pranzato alle undici e trenta per essere presto al palazzetto dello sport di Pavone Mella

09/02/2015

Il segreto per vivere a lungo

Da qualche tempo, ormai, i patti sono stati definiti con chiarezza. Quella volta gli dissi: “Fino a quando avrò dei debiti, non puoi permettere che io me ne vada”. Non mi rispose. Chi tace acconsente, per cui secondo me l’accordo è valido.

26/01/2015

Se questo è un uomo

Dal 1996 al 2010 ho compiuto per lavoro numerosissimi viaggi all’estero. L’avvenimento curioso e singolare che voglio narrare oggi è avvenuto la sera del 16 marzo 1998 nella sala d’ingresso dell’Hotel Bucuresti, a Bucarest

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier