Skin ADV
Martedì 24 Novembre 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





10 Febbraio 2013, 10.00

Psicologia - Cibo/4

Rispettare i segnali del corpo: fame, sazietà e piacere

di Gianpiero Rossi
La restrizione calorica eccessiva un altro vizio comune nel tentativo di perdere peso con la conseguenza che il corpo rallenter il tasso metabolico per conservare la limitata quantit di energia disponibile, portando a un aumento del peso
 
Proseguiamo gli articoli precedenti su “Come perdere perso e rimanere in salute mangiando con piacere”.
 
La definizione poco simpatica di “morto di fame” la si dà a chi mangia eccessivamente o voracemente, come se venisse sottratto loro il cibo. Questa è spesso la conseguenza della privazione eccessiva e poco piacevole a vedersi a tavola.
 
La restrizione calorica eccessiva è in effetti un’altro vizio molto comune nel tentativo di perdita di peso. Quante volte si sente dire “basta che non mangi, o saltare dei pasti per calare”. Anche se la privazione può essere efficace a breve termine, il corpo si adatta alla fine della restrizione e la maggior parte delle persone finiscono per ottenere indietro tutto quello che hanno perso, a volte di più.
 
Quando le calorie sono limitate, meno sostanze nutritive sono disponibili per le esigenze quotidiane del corpo. Questo può provocare sbalzi d'umore e stanchezza e può alla fine portare a carenze nutrizionali e problemi di salute gravi.
 
Inoltre, il corpo finirà per rallentare il tasso metabolico per conservare la limitata quantità di energia disponibile, e come molti sanno, un metabolismo più lento riduce la perdita di peso. Ma non finisce qui: poiché il metabolismo è rallentato, questo creerà un aumento di peso ancora più del normale, non essendo in grado di smaltire adeguatamente il nuovo cibo fornito. Il corpo, per principio di sopravvivenza, lo userà come protezione per difendersi dalla prossima privazione.
 
Il corpo si allarma come “morto di fame” ovvero carente di sostanze nutritive, l'appetito è dunque destinato ad aumentare e quando la tentazione di mangiare diventa troppo forte ecco servito a poco a poco anche il piatto del “binge eating”, il disturbo da alimentazione incontrollata.
 
Si fa incetta di quantità di cibo esagerate, velocemente e con la sensazione di perdere il controllo dell’atto del mangiare. Il piacere e altre sensazioni corporee come la sazietà non vengono riconosciute e rispettate.
 
Queste situazioni possono ripetersi anche più volte la settimana e purtroppo anche in momenti in cui non si ha una sensazione fisica di fame. Il disturbo si configura in bulimia se all’abbuffata seguono comportamenti di eliminazione come vomito autoindotto od uso di lassativi.
 
Anche se non si sfocia nel circolo vizioso di questi disturbi, privarsi del cibo causa emozioni negative che sono una fonte di stress, che a sua volta compromette la digestione e ciò costituisce un altro fattore di aumento del peso.
 
Rispettiamo il corpo nei suoi sottili segnali sia di fame, di sazietà e di piacere consapevole invece che di schiavizzarlo con modi a dir poco masochistici. 
 
 
Gianpiero Rossi
Psicoterapeuta presso Studio di Medicina Clinica
Lumezzane - tel. 030 82 64 09
Body Mind Center, Salò - tel. 0365 21 318
gprossi@intelligenza.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
21/01/2013 11:00
Perdere peso ed essere in salute mangiando con piacere La seconda parte dell'articolo con il quale lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi riflette su quanto spesso ciascuno vuole rallentare rispetto a un ritmo di vita insostenibile. Una serie di motivi per farlo almeno a tavola, quindi pi volte il giorno: per digerire meglio e perdere peso

14/01/2013 11:00
Perdere peso ed essere in salute mangiando con piacere La prima di due parti a cura dello psicologo lumezzanese Gianpiero Rossi sul fondamentale legame tra percezione e assimilazione del cibo, con alcuni consigli su come riuscire a mangiare con piacere con effetti positivi sulla digestione

26/02/2013 11:15
Perché ho ancora fame dopo aver mangiato? Nel post di questa settimana lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi va alla radice di quella fama insaziabile che spesso ci assale, identificata come "fame emotiva": sintomo che il bisogno del corpo non pi il cibo ma un'altra forma di arricchimento

16/06/2013 09:00
Eccesso di cibo? Ecco le soluzioni più naturali Lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi ci ricorda che il mangiare in modo incontrollato non dovuto alla mancanza di volont ma al modo di affrontare un pasto, che troppo spesso avviene senza respirare, rilassarsi e gustare appieno quello che stiamo mangiando

24/12/2012 09:50
Perdere peso: cinque cose che funzionano Dopo le cinque strategie sbagliate per dimagrire ecco le cinque che possono aiutare a ritrovare l'equilibrio con il proprio corpo: mangiare, mangiare rilassati, appagare il piacere, essere amati, ispirarsi alle persone magre



Notizie da Psicologia e benessere
08/06/2015

Gestisci le abitudini, se vuoi dimagrire

Se sei un essere umano e non un robot, hai anche tu delle abitudini. Alcune di queste abitudini ci piacciono, mentre altre ci assillano perché sono nocive, non si perdono facilmente e fanno fallire moltissimi metodi per dimagrire

25/05/2015

La presenza mentale, non solo col cibo

La «presenza mentale» va sviluppata non solo a contatto con il cibo come rimedio per chi rischia di non percepire né la qualità né la corretta quantità

06/04/2015

Altri due nuovi consigli inaspettati per migliorare la digestione

Li definisco inaspettati perché molte volte i consigli relativi al miglioramento della digestione si concentrano sul prendere aiuti digestivi e integratori di vario genere. Questi sono un po' diversi

22/03/2015

Due consigli inaspettati per una digestione efficace

La buona digestione è sempre più difficile in questi tempi. Se non hai ancora colto le dimensioni di questo problema alimentare, allora è il momento di iniziare a seguire il programma. La salute comincia nel tratto digestivo.

03/01/2015

Il paradosso dell'abbondanza

L’abbondanza di cibo, che contraddistingue specialmente il periodo delle feste, contribuirà a peggiorare l'epidemia di obesità che colpisce anche noi italiani o a contribuire al nostro sovrappeso

01/01/2015

Che cosa fare se hai esagerato?

E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo


19/12/2014

Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno

Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


15/11/2014

Separazione: come ragiscono i figli?

La separazione si configura come evento protratto nel tempo e spesso molto conflittuale. Perché la separazione risulta difficile? I figli risentono della separazione?

18/05/2014

Aiuti e consigli per trattare la depressione/2

Si completa con altri quattro consigli l'articolo dello psicoterapeuta triumplino Gianpiero Rossi attorno al problematico fenomeno della depressione

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier