Skin ADV
Martedì 11 Agosto 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





21 Gennaio 2013, 11.00

Parte 2

Perdere peso ed essere in salute mangiando con piacere

di Gianpiero Rossi
La seconda parte dell'articolo con il quale lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi riflette su quanto spesso ciascuno vuole rallentare rispetto a un ritmo di vita insostenibile. Una serie di motivi per farlo almeno a tavola, quindi pi volte il giorno: per digerire meglio e perdere peso
 
Perché mangiare in un ambiente rilassante
La digestione è controllata dal ramo parasimpatico del sistema nervoso autonomo che è associato con il relax e la rigenerazione. L'altra metà del sistema nervoso autonomo, il ramo simpatico, ci permette di far fronte allo stress e reagire al pericolo. Ci vuole solo una moderata quantità di stimoli per attivare il sistema nervoso simpatico e tutto ciò che attiva il ramo simpatico pregiudica anche la digestione.
 
Con il ritmo frenetico della vita moderna, molti di noi sono sotto tremendo stress e quando inviti lo stress a tavola, comprometti la digestione di ciò che mangi sotto questo stato emotivo. La maggior parte di noi peggiora questo problema provocando emozioni negative per il cattivo rapporto col cibo o mangiando in un ambiente troppo stimolato o di distrazione che include guardare la televisione o di un computer.
 
In uno studio del dipartimento di Psicologia dell’Università di Bologna hanno misurato l’attività digestiva dei soggetti prima e durante la visione di un film. Come previsto, l'attività digestiva si è ridotta nei soggetti che hanno mangiato durante la visione del film, anche se la trama era emotivamente neutra.
 
Se vuoi favorire la digestione completa, è meglio mangiare mentre sei in uno stato d'animo calmo, concentrato, dunque in un ambiente rilassato. La respirazione lenta e moderatamente profonda stimola il sistema nervoso parasimpatico e contribuirà a creare questo stato d’animo. Il consumo di ossigeno maggiore aiuterà ad aumentare il metabolismo.
 
Qualsiasi tipo di stimolazione che attiva il sistema nervoso simpatico può anche causare il rilascio d’insulina e cortisolo, entrambi i quali promuovono lo stoccaggio dei grassi. L’insulina è rilasciata anche quando lo zucchero nel sangue aumenta a causa del consumo di carboidrati.
 
In conclusione, alimentarti mentre sei sotto stress, mangiare in un ambiente troppo stimolante e confortarti per lo stress con una quantità eccessiva di carboidrati contribuisce all'aumento di peso proporzionalmente alla combinazione di questi fattori.
 
 
Gianpiero Rossi
Psicoterapeuta presso
Studio di Medicina Clinica, Lumezzane - tel. 030 82 64 09
Body Mind Center, Salò - tel. 0365 21 318
gprossi@intelligenza.it

 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
14/01/2013 11:00
Perdere peso ed essere in salute mangiando con piacere La prima di due parti a cura dello psicologo lumezzanese Gianpiero Rossi sul fondamentale legame tra percezione e assimilazione del cibo, con alcuni consigli su come riuscire a mangiare con piacere con effetti positivi sulla digestione

24/12/2012 09:50
Perdere peso: cinque cose che funzionano Dopo le cinque strategie sbagliate per dimagrire ecco le cinque che possono aiutare a ritrovare l'equilibrio con il proprio corpo: mangiare, mangiare rilassati, appagare il piacere, essere amati, ispirarsi alle persone magre

01/01/2015 12:02
Che cosa fare se hai esagerato? E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo


30/11/2012 10:00
La pratica sacra del mangiare Lo psicologo lumezzanese affronta in una prima puntata le implicazioni del mangiare e le motivazioni che ci spingono ad andare oltre la semplice nutrizione, continuando a ingurgitare cibo per digerire e placare certe emozioni

07/12/2014 08:39
Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione? Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali




Notizie da Psicologia e benessere
08/06/2015

Gestisci le abitudini, se vuoi dimagrire

Se sei un essere umano e non un robot, hai anche tu delle abitudini. Alcune di queste abitudini ci piacciono, mentre altre ci assillano perché sono nocive, non si perdono facilmente e fanno fallire moltissimi metodi per dimagrire

25/05/2015

La presenza mentale, non solo col cibo

La «presenza mentale» va sviluppata non solo a contatto con il cibo come rimedio per chi rischia di non percepire né la qualità né la corretta quantità

06/04/2015

Altri due nuovi consigli inaspettati per migliorare la digestione

Li definisco inaspettati perché molte volte i consigli relativi al miglioramento della digestione si concentrano sul prendere aiuti digestivi e integratori di vario genere. Questi sono un po' diversi

22/03/2015

Due consigli inaspettati per una digestione efficace

La buona digestione è sempre più difficile in questi tempi. Se non hai ancora colto le dimensioni di questo problema alimentare, allora è il momento di iniziare a seguire il programma. La salute comincia nel tratto digestivo.

03/01/2015

Il paradosso dell'abbondanza

L’abbondanza di cibo, che contraddistingue specialmente il periodo delle feste, contribuirà a peggiorare l'epidemia di obesità che colpisce anche noi italiani o a contribuire al nostro sovrappeso

01/01/2015

Che cosa fare se hai esagerato?

E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo


19/12/2014

Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno

Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


15/11/2014

Separazione: come ragiscono i figli?

La separazione si configura come evento protratto nel tempo e spesso molto conflittuale. Perché la separazione risulta difficile? I figli risentono della separazione?

18/05/2014

Aiuti e consigli per trattare la depressione/2

Si completa con altri quattro consigli l'articolo dello psicoterapeuta triumplino Gianpiero Rossi attorno al problematico fenomeno della depressione

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier