Skin ADV
Venerdì 12 Agosto 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






11 Dicembre 2012, 09.20

Terza pagina

Eresie e altri difetti

di Leretico
Una statua campeggia sin dal 1882 in una piazza bresciana. Adesso in restauro, i fumi e le piogge acide non vanno d'accordo con gli eretici. E neanche la Chiesa cattolica, sembra.
 
Il motivo per cui la statua di Arnaldo sia riuscita a prendere posto nella piazza omonima di una città così cattolica come Brescia, si spiega con l'evento storico che ebbe luogo a Roma il 20 settembre 1870: la breccia di Porta Pia.
L'Italia, quel giorno, si prese Roma e la sottrasse ai Papi, decretando la fine dello Stato Pontificio e quindi del potere temporale della Chiesa.
Il principio "libera Chiesa in libero Stato" cominciò da lì la sua pratica applicazione e non c'è oggi in Italia una città che non abbia intitolata via o piazza a quel famoso giorno di conquista.
 
Il Papa Pio IX non dovette essere molto allegro quando ricevette la lettera da Vittorio Emanuele II che gli preannunciava l'invasione delle truppe italiane che sarebbero passate successivamente per Porta Pia.
Arnaldo da Brescia invece ne sarebbe stato compiaciuto, lui che voleva la fine del potere temporale papalino già nel XII secolo. Per questo Arnaldo fu ucciso per impiccagione e poi bruciato il 18 giugno 1155, le sue ceneri sparse sul Tevere.
A quei tempi non andavano tanto per il sottile, chi sfidava il potere guadagnava, oltre ad un fine vita molto accelerato, una cremazione gratuita con annesso servizio di poetico spargimento delle ceneri nei luoghi maggiormente amati.
 
Un'altra famosa statua di eretico si trova a Roma, in Campo dei Fiori: è il bronzo di Giordano Bruno, il coltissimo frate nolano che nella seconda metà del Cinquecento viaggiò, fuggitivo, in tutta Europa, risiedendo e lavorando in numerose corti reali.
Morì bruciato il 17 febbraio del 1600 a Roma e aggiunse le proprie ceneri a quelle di Arnaldo, anch'esse sparse sul Tevere. Sembra infatti che il servizio di poetico spargimento delle ceneri fosse ormai diventato uno dei servizi extra più popolari.
 
Il vero nome di Giordano Bruno era Filippo.
Nonostante tutti dicessero, anche allora, che la metafisica fa veramente male alla salute, la storia racconta che Filippo Bruno non ne volle sapere di questo monito e si innamorò a tal punto della filosofia da voler cambiare il proprio nome in Giordano, in onore del proprio insegnante Giordano Crispo.
Allora, come oggi, tutti quelli che amavano la metafisica non godevano di grande considerazione e, per quel che mi concerne, già sento un certo odore di bruciato nell'aria.
 
La statua di Giordano Bruno guarda verso San Pietro e tiene in mano un libro.
Anche lui però, con tutti quei libri che scrisse, con tutti quei discorsi sulla scienza, rompeva un po' le scatole agli uomini della Chiesa del suo tempo.
Non sapeva che quest'ultimi avevano il cerino facile? Sicuramente lo sapeva e, da uomo tenace, non abbandonò mai la speranza di un mondo migliore. Non si arrese nemmeno durante le torture che fu costretto a subire nelle carceri romane.
I preti di allora pensavano infatti che il dolore fosse viatico di conoscenza e di verità. Non lesinavano quindi di distribuirne a piene mani, non appena gli si presentava l'occasione.
 
Un altro eretico che non volle accettare i modi e le richieste degli inquisitori fu un certo fra Diego La Matina, eroe del bel libro di Leonardo Sciascia intitolato "Morte dell'inquisitore" (1964).
Fra Diego fu l'unico, tra gli uomini di "tenace concetto" caduti nelle mani della "Santa Inquisizione", ad uccidere il proprio inquisitore: Juan Lopez de Cisneros.
Per questo fu bruciato in piazza a Palermo il 17 marzo 1658, davanti a tutta la nobiltà cittadina e al popolo accorsi al grandioso spettacolo di quell'atto di fede. Lo portarono legato ad una sedia per impedirgli di aggredire altri inquisitori e lo bruciarono con grande soddisfazione su un palco tipo quelli da stadio dei giorni nostri, con il vantaggio, però, dell'illuminazione gratuita.
 
Sciascia ebbe a dire una volta che "appena si dà di tocco all'Inquisizione, molti galantuomini si sentono chiamare per nome, cognome e numero di tessera del partito cui sono iscritti".
Come a significare che i modi del potere sono ancora i modi dell'Inquisizione, a cui non si possono che opporre i modi della ragione, della ricerca della verità, della difesa della dignità dell'uomo per l'uomo.
 
Non ho dubbi che scegliere di percorrere questa strada sia come andar a raccogliere le fascine che saranno usate per il proprio ineluttabile rogo, ma tant'è ognuno lavora come può al proprio destino.
Mi accontenterei comunque di venire un giorno a sapere quanto in profondità l'eloquio di Arnaldo da Brescia, l'amore per la scienza di Giordano Bruno e la dignità di fra Diego La Matina siano riusciti a marcare quel confine, nella nostra società, che il potere non potrebbe e non dovrebbe mai superare.

Leretico
Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
23/01/2014 09:45
Il vaccino anti-Aids supera i primi test clinici Una buona notizia tutta bresciana, quella diffusa in queste ore riguardo i primi test clinici condotti sul vaccino anti-Aids. Fondamentale la messa a punto del professor Arnaldo Caruso, direttore della sezione di microbiologia dell'Universit di Brescia

19/08/2014 13:12
Non ci resta che andare a Rimini Il conte zio, anonimo e malefico di mazoniana memoria, ben si presta a rappreesntare la realtà odierna, in questa interpretazione che ne dà il nostrro Leretico


12/07/2014 06:22
Aspettative Mondiali, delusioni bestiali E' il gioco delle aspettative a rendere più o meno bruciante una delusione calcistica come quella subita dai brasiliani. Ed è sempre l'impatto emotivo a generare conseguenze macroeconomiche


03/11/2012 08:30
Pruderie Tra sesso e amore, riti e strumenti per viaggiare nel mare dei sensi. Impressioni dopo la lettura di "L'amore coi calzini" di Leretico

23/11/2012 09:15
Di Pietro e lo gnommero Oggi Leretico si scapicolla in un paragone politico-letterario gustoso: da una parte il "don Ciccio" di Gadda, dall'altra il politico fondatore dell'Italia dei Valori. Valori di chi?



Notizie da Cultura
20/04/2022

È la lumezzanese Pierangela Donati la vincitrice della sezione dialettale

L'iniziativa promossa dai giornali della Rete Bresciana: BsNews.it, CalcioBresciano.it, GardaPost.it, ValleSabbiaNews.it, con il sostegno di Cassa Rurale. Il 10 giugno, a Sal, si terranno le premiazioni degli altri autori segnalati e del vincitore assoluto

02/12/2021

La trasparenza delle parole

Cosa potrebbe accadere durante una lezione di religione del 2121 in una classe di scuola primaria? Ecco quello che potrebbe realisticamente succedere qualora alcune attuali idee trovassero piena realizzazione


11/11/2021

Herman, la sua libertà e la mia

Da qualche giorno in casa nostra ha cominciato ad abitare un nuovo componente della famiglia: Herman. Si tratta di un simpatico criceto, di color bianco a macchie marrone chiaro

17/05/2021

Il sesso delle anime

Avete mai preso in considerazione la possibilit che siano le anime ad esser sessuate e non i corpi? Se la risposta negativa, questa filosoficheria fatta apposta per voi

07/05/2021

La nobile arte del copiare

Quella che segue una delle storie di corridoio sorte fra le mura di una scuola

25/04/2021

Senza retorica o nostalgie

Pubblichiamo una riflessione sulla giornata del 25 aprile da parte del prof. Giuseppe Biati, Presidente del Centro Studi La Brigata Giacomo Perlasca delle Fiamme Verdi e la Resistenza Bresciana

23/04/2021

Il vecchio noce

Si avvicina il 25 aprile. Pubblichiamo volentieri questo bel racconto di Giuseppe Biati, uomo di scuola, storico e fine conoscitore dei sentimenti che animano i valsabbini

25/11/2020

Violenza sulle donne, emergenza non percepita

La pandemia, con il confinamento obbligato in casa, ha fatto aumentare i casi di violenza contro le donne, che nella maggioranza dei casi violenza domestica

01/07/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza


12/06/2020

Attenzione ai filtri d'amore

Nella nostra cultura sempre più dominata dal pensiero scientifico, matematico e sperimentale, le pratiche magiche sono generalmente considerate prive di fondamento, se non addirittura fraudolente


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier