Skin ADV
Domenica 08 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






11 Maggio 2015, 08.00

Antivirus

Quale antivirus scegliere per il proprio pc?

di Roberto Berardi
Poosiamo fidarci di un prodotto gratuito oppure è meglio scegliere una suite a pagamento?


Per chi usa Windows la scelta di antivirus gratuiti è piuttosto abbondante, anche perché quasi tutte le società che offrono suite complete (a pagamento) hanno anche una versione gratuita che include il solo antivirus o poco più.
La stessa Microsoft propone Security Essentials (Windows Defender su Windows 8), che esamina il computer ed elimina molte minacce ma non costa un centesimo. Sull'efficacia, però, varrebbe la pena di aprire una parentesi.

I programmi a pagamento hanno funzioni aggiuntive, ma in molti casi ci si può limitare all'essenziale e non spendere nulla.

Limitandosi agli elementi fondamentali, quindi all'individuare infezioni, i test mostrano che gli antivirus gratuiti si comportano bene quanto quelli a pagamento.
Alcuni sono più veloci di altri, ma non sempre quelli a pagamento escono vincitori dal confronto.

L'unica differenza visibile tra i prodotti a pagamento e quelli gratuiti ha riguardato l'individuazione di nuove minacce, come per esempio un sito infettato da un nuovo malware.
In questi casi i prodotti a pagamento, grazie ai sistemi di controllo più sofisticati, hanno più probabilità di proteggere il PC con efficacia.

Un'altra differenza notevole può essere il fatto che i programmi gratuiti generalmente non hanno alcuna assistenza telefonica, un dettaglio che per un'azienda può essere anche molto rilevante.
Di solito mancano anche strumenti di parental control, quelli che si usano per limitare ciò che i ragazzi possono fare con il computer.

I programmi gratuiti inoltre sono spesso infarciti di pubblicità.
A volte è quasi invisibile, ma capita che sia estremamente fastidiosa e fonte di continua distrazione. I programmi a pagamento non hanno questo problema invece, e generalmente sono più facili da usare a installare.
I programmi a pagamento sono inoltre capaci (non tutti) di individuare i "comportamenti sospetti" di altri software, una protezione aggiuntiva che si può rivelare preziosa. Infine ma non ultimo, spesso le suite a pagamento controllano anche il Web e ci avvisano se un sito è potenzialmente pericoloso.

In una piccola azienda è meglio orientarsi su una suite completa soprattutto per via del supporto tecnico, che può davvero fare la differenza in caso di emergenza.
Le funzioni aggiuntive inoltre possono essere molto comode e aiutare concretamente a mantenere alta la produttività, anche tenendo lontano gli impiegati da certi siti.

In casa, invece, i genitori probabilmente troveranno interessante la possibilità di controllare, monitorare e limitare le attività online dei figli con gli strumenti di parental control inclusi nelle suite a pagamento.
Spesso questi strumenti offrono avvisi agli utenti che possono aiutare a educare i ragazzi all'uso della tecnologia.

Per tutte le altre categorie, probabilmente, i prodotti gratuiti sono più che adeguati.
Gli aggiornamenti di solito sono puntuali per quanto riguarda le definizioni dei virus, e la scansione è valida quanto quella dei prodotti a pagamento.

Sugli antivirus, in generale, come per ogni altro prodotto, ognuno ha le sue teorie sulla bontà o meno del pacchetto. Questo articolo, infatti, non ha citato nessun nome proprio per questo motivo, ma vuole essere un consiglio di verificare, con un esperto o meno, che il proprio pc sia sempre protetto.

Per qualsiasi domanda o dubbio potete scrivermi a info@brinformatica.it.
 

 

 


 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/05/2013 09:15:00
Un programma di criptazione per rendere sicuri i dati Si chiama Ncode.me ed è un programma gratuito di criptazione che occupa solo 500 kbyte e può essere utile per criptare un testo e poi recuperarlo tramite una password. Un programma che può essere usato anche soltanto online senza installare il software

29/04/2015 08:00:00
Cryptolocker ...questo sconosciuto! Apro o non apro questa mail? Consigli e suggerimenti importanti su questo nuovo virus molto diffuso


24/01/2012 08:04:00
Virus e batteri Può una influenza deragliare le nostre sicurezze?

08/06/2013 10:00:00
Condividere la sicurezza All'Olivieri di Brescia una tappa del percorso che intende realizzare un manuale da utilizzare nelle scuole per sensibilizzare alla sicurezza stradale

28/04/2013 09:45:00
Lodrino e le utili spese per la sicurezza Coi tempi che corrono le videocamere di sicurezza sono uno strumento pressoché necessario per primati ed enti pubblici e anche Lodrino, nel suo piccolo, vi ha investito per la sicurezza del territorio e della popolazione



Notizie da Tecnologia
23/06/2015

Ma lo smartphone è sicuro?

L'eterna divisione tra fan della mela morsicata e fedeli al marchio Google è sempre in prima linea, ma non sempre le convinzioni devono restare tali


22/06/2015

Da bollo a tagliandi

Ecco app per gestire scadenze dell'auto. Si chiama Veicoli ed è nata al Politecnico di Torino

10/06/2015

Un pc lento devo per forza sostituirlo?

La domanda è lecita, ma la risposta, spesso non è così scontata. Cerchiamo di capire il perchè


01/06/2015

Nuovo arrivo in casa Microsoft

Microsoft ha iniziato ad inviare un messaggio ai suoi utenti chiedendo loro di prenotare una copia di Windows 10 per consentire un upgrade più rapido



25/05/2015

Streaming o download?

Due parole difficili, ma oramai sulla bocca di tutti. Musica legale o illegale? Bella domanda!


19/05/2015

Perchè proteggere la nostra rete Wifi?

Vi siete mai chiesti perchè alcune reti wireless sono protette da password e altre no? Cerchiamo di capire l'importanza di una ottima protezione.


29/04/2015

Cryptolocker ...questo sconosciuto!

Apro o non apro questa mail? Consigli e suggerimenti importanti su questo nuovo virus molto diffuso


23/02/2015

Nuovo Aggiornamento o Rivoluzione?

Cosa proporrà Microsoft? Un nuovo e funzionante sistema operativo o solamente una rivoluzione di quello che si è rivelato un fallimento?

07/02/2015

Le traduzioni simultanee... di Eraclito

Oggi le tecnologie hanno decretato la fine dello studio delle lingue “straniere”, la fine si chiama “World Lens” e “Conversation mode”

14/01/2015

Chi ha inventato Wikipedia?

Wikipedia è un'enciclopedia online, aperta a tutti e gratuita. Per consultarla basta un pc, un tablet o uno smartphone.Ma da dove nasce?


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier