Skin ADV
Giovedì 05 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



11 Giugno 2014, 09.39

Pillole di Psicologia

Ordinati o disordinati?

di Red.
L’essere ordinati e prediligere ambienti precisi è sempre stato visto come qualcosa di positivo, che stimola e accentua caratteristiche psicologiche altruistiche, e l’accordo è unanime in letteratura; ma anche il disordine può esserlo?

Oppure il disordine è soltanto l’altra faccia della medaglia legata, quindi, ad aspetti maggiormente negativi come il non rispetto delle regole e delle convenzioni?

Un gruppo di ricercatori (Vohs, Redden, & Rahinel, 2013) si è posto questa domanda, conducendo tre esperimenti volti a capire quali stati psicologici e quali comportamenti vengono attivati da un ambiente ordinato e quali da uno in confusione.

La ricerca ed i lavori passati sembrano essere d’accordo nel descrivere le persone che preferiscono l’ordine come persone che attribuiscono valore alle tradizioni, alle convenzioni e al conservazionismo (Dollinger, 2007).
Da un punto di vista antropologico sembra che l’ambiente fisico ordinato sia spesso legato alla moralità e alla correttezza, mentre il disordine si leghi maggiormente alla devianza e i taboo.
Analogamente alcuni studi dimostrano che un concetto simile, e in parte legato all’ordine, come quello della pulizia conduca a buoni comportamenti morali come la reciprocità (Liljenquist, Zhong & Galisky, 2010).

Non c’è niente di buono nell’essere o nel preferire ambienti disordinati?

O magari ci sono conseguenze positive anche nell’avere una scrivania in confusione?

Gli studiosi sono partiti dall’ipotesi
che un ambiente ordinato, in linea con quanto viene riportato dai lavori precedenti, possa incoraggiare l’aderenza alle convenzioni sociali mentre un ambiente disordinato possa comunque favorire la ricerca di novità.

Nello specifico hanno deciso di valutare se una stanza in ordine potesse predirre comportamenti che in letteratura sono associati con le convenzioni come il mangiare sano (Roberts, et al. 2009) e l’essere generosi (Lilijenquist, et. Al, 2010).
In più hanno cercato di indagare se, invece, una stanza in disordine, potesse stimolare la creatività e la novità.

Nel primo esperimento 34 studenti sono stati assegnati casualmente ad una delle due condizioni previste, stanza ordinata o disordinata ricevendo un piccolo compenso per la partecipazione.
Le stanze in questione erano adiacenti e della stessa dimensione e configurazione in modo da tenere sotto controllo ogni altra variabile compresa l’esposizione alla luce e la grandezza degli spazi.
All’interno di questi ambienti ai soggetti è stato chiesto di compilare un questionario in modo da rendere omogeneo anche il tempo trascorso nell’ambiente. Successivamente i partecipanti venivano informati circa un iniziativa promossa dal Dipartimento in supporto a bambini in difficoltà. Pertanto è stato chiesto loro se e in che misura volessero prendere parte al contributo scrivendo su un pezzo di carta l’importo che avrebbero donato. Infine i ricercatori, nel momento di discutere con i soggetti quanto compilato nel questionario, invitavano gli stessi a prendere una mela od uno snack.

I risultati supportano quanto previsto.
I soggetti che avevano preso parte all’esperimento e avevano trascorto tempo nella stanza ordinata hanno donato circa il doppio rispetto agli altri prediligendo lo spuntino sano piuttosto che quello al cioccolato in misura maggiore rispetto a coloro che erano stati assegnati alla stanza disordinata.
Pertanto stare seduti in una stanza ordinata porta a comportamenti maggiormente desiderabili come mangiare cibi sani ed essere maggiormente generosi.

Nel secondo esperimento i ricercatori hanno cercato di valutare gli effetti potenzialmente positivi di una stanza in disodine.
Se il caos incoraggia il rompere le regole e le convezioni questo dovrebbe favorire la creatività, così analogalmente all’esperimento precedente 44 soggetti hanno preso parte ad una delle due condizioni in 2 stanze uguali in tutto eccetto che per il grado di disordine e il compito al quale sono stati sottoposti è stato quello di inventare 10 nuovi usi per una pallina da ping pong. 
Giudici indipendenti hanno valutato tali idee arrivando al risultato che supporta l’ipotesi iniziale, cioè coloro che hanno svolto il compito nella stanza disordinata sono risultati maggiormente creativi sia in qualità che in quantità di idee.

Infine l’ultimo esperimento è stato condotto in modo da verificare se un ambiente disordinato o ordinato tendesse a portare a scelte “nuove” piuttosto che “classiche”.
Anche l’ultimo esperimento conferma quanto previsto.
I soggetti assegnati alla condizione di disordine tendevano a prediligere l’etichetta “nuovo” al contrario del gruppo assegnato alla stanza ordinata che tendeva ad effettuare scelte più conservative.

In conclusione gli esperimenti condotti dagli studiosi supportano un corpo di dati già presenti in letteratura sugli ambienti ordinati che stimolano qualità altrustische, comportamenti convenzionali nel rispetto delle norme e delle tradizioni, aggiungendo però anche un punto in più per coloro che preferiscono ambienti disordinati e scrivanie piene di fogli; ciò non significa essere necessariamente devianti o avere comportamenti fuori dalle regole, ma potrebbe essere uno stimolo per cercare di vedere oltre, incoraggiando il pensiero creativo e l’insight.

D’altronde come disse il genio, e sicuramente creativo, Einsten:
«Se una scrivania in disordine è segno di una mente disordinata, di cosa sarà segno allora una scrivania vuota?»

da stateofmind.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
30/03/2012 11:30:00
Il lavoro di squadra Se al lavoro si lavora bene in team la fatica si attenua e l’impegno collettivo diventa fonte di armonia e creatività senza mortificare le doti di ciascuno

17/08/2014 07:43:00
La depressione La depressione è un disturbo del tono dell'umore con conseguenze importanti sulla vita di chi ne è colpito a livello  lavorativo, sociale e familiare

26/12/2012 09:00:00
Un regalo che vale Si avvicinano le feste e i negozi sono pieni di belle cose da regalare; oggetti con tanti lustrini e carte colorate ci invogliano ad entrare e ad acquistare qualcosa per i nostri cari.

09/11/2014 07:00:00
Il Potere Metabolico dell'Integratore C – Consapevolezza La Consapevolezza ha un profondo impatto sul corpo umano


15/06/2012 11:00:00
Lo sconosciuto che abita in noi Ci sono delle domande che ci terranno impegnati per un po' di tempo: cosa ci porta a prendere una strada piuttosto che un'altra? Cosa ci sostiene nella scelta? Quali sono le nostre radici?



Notizie da Pillole di psicologia
07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

27/03/2015

Dall'uso di Internet alla dipendenza da Internet

Oggi l’accesso alla rete è sempre più facile e frequente, riguarda adolescenti, adulti e persino bambini. Come riconoscerne gli eccessi?


20/02/2015

Gli uomini pensano solo al sesso? E' colpa dell'evoluzione

A spiegare perché è uno studio che arriva dalla Norvegia

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


09/11/2014

Il Potere Metabolico dell'Integratore C - Consapevolezza

La Consapevolezza ha un profondo impatto sul corpo umano


28/10/2014

No alla coppia «sfogatoio»

Evita di riversare sul partner tutti i tuoi problemi di lavoro e proteggi la coppia dai fatti che non la riguardano, o la magia della relazione verrà meno

18/09/2014

La donna in menopausa

La menopausa indica il termine della fertilità e della capacità di concepire, è associata generalmente a cambiamenti importanti del fisico e del benessere psicologico, che possono alterare la routine della vita quotidiana

28/08/2014

Dai spazio alle intuizioni: «illuminano» il cervello

Le intuizioni sono "doni" del cervello che spesso vengono ignorati; se ascoltate possono migliorare la qualità della nostra vita



17/08/2014

La depressione

La depressione è un disturbo del tono dell'umore con conseguenze importanti sulla vita di chi ne è colpito a livello  lavorativo, sociale e familiare

02/08/2014

Come aiutare i nostri ragazzi a fare i compiti

Lo studio e i compiti a casa dei nostri figli rappresentano spesso un problema per noi genitori, tanto che a volte diventano perfino un fertile territorio di scontro. Quali gli atteggimenti da adottare


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier