Skin ADV
Sabato 24 Ottobre 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



28 Ottobre 2014, 10.00

Pillole di psicologia

No alla coppia «sfogatoio»

di www.riza.it
Evita di riversare sul partner tutti i tuoi problemi di lavoro e proteggi la coppia dai fatti che non la riguardano, o la magia della relazione verrà meno

All’inizio la coppia è un “luogo sacro e inviolabile” che viene prima di tutto; poi spesso, col tempo, diventa un grande contenitore di qualsiasi tipo di frustrazione, rabbia e contrarietà, riversate lì da entrambi i partner. Litigi e incomprensioni con i genitori? Il capufficio ci sta vessando e non possiamo reagire altrimenti perdiamo il posto? Un progetto non riesce a realizzarsi perché qualcuno ci sta ostacolando e non possiamo farci niente? La relazione di coppia diventa lo “sfogatoio” e il partner una sorta di capro espiatorio. E ciò accade proprio alle coppie migliori, quelle dove c’è più comprensione reciproca, che così si ritrovano sommerse da quintali di “spazzatura” capaci di soverchiare anche gli amori più forti.

Una coppia deve saper affrontare le difficoltà della vita, non può vivere in un mondo incantato. Ma a volte davvero esageriamo: troviamo in essa così tanta capacità di accogliere che finiamo per viverla come un “Genitore Superbuono” che tutto sopporta e tutto supporta, e non ci accorgiamo che, così facendo, stiamo ponendo le basi per perderla.
Diventiamo davvero come quei figli adolescenti che, scontrandosi con le difficoltà del mondo, tornano a casa arrabbiati e se la prendono con i genitori, ben sapendo che, in ogni caso, accetteranno tutte queste manifestazioni eccessive. Ma la coppia non è un genitore. È un luogo che, già di suo, ha degli equilibri delicati che vanno seguiti nel tempo, rinnovati, rielaborati.
Figuriamoci quanto essa può soffrire se la maggior parte del tempo e delle energie vengono usate per affrontare le beghe (e le conseguenze emotive delle beghe) che arrivano da fuori a getto continuo.

Tipico è il caso del partner che ha un rapporto irrisolto e molto conflittuale con un genitore. Egli sa che questo conflitto gli crea tensione, malumore, frustrazione, e si accorge di portare tutto ciò all’interno della coppia, non come consapevole tentativo di affrontarlo meglio (magari insieme) ma come semplice sfogo: l’arrabbiatura che si ha verso il genitore diventa aggressività verso il partner, impazienza e anche giudizio pesante di inadeguatezza.
La relazione e il partner pagano quel che dovrebbe pagare il genitore. E forse proprio perché la persona ha trovato qualcuno disponibile ad accogliere “maternamente” le sue difficoltà, il conflitto col genitore ristagna per anni, mentre porta la rovina nella coppia. Non poche separazioni provengono da schemi come questo, e lasciano tanto amaro in bocca perché entrambi i partner percepiscono che qualcosa di estraneo ha rovinato quel che poteva invece funzionare.
 
Mettersi insieme significa dar vita a una nuova creatura: la coppia, che va considerata come un organismo a tutti gli effetti. Va nutrita e protetta come un figlio. Si può dire che la coppia sia una sorta di “primo figlio” dei due partner che la costituiscono. E, come ben sappiamo, verso i figli ci vuole il massimo di senso di responsabilità: non li si può esporre senza filtri ai pericoli e alle “scorie” che arrivano dal mondo esterno. Ecco quindi l’indicazione fondamentale: entrambi i componenti dovrebbero trattare la coppia come trattano i propri figli.
Se ognuno dei due si prende la responsabilità di risolvere almeno una parte delle proprie questioni in modo autonomo oppure in modo serenamente condiviso col partner, la coppia resta quel punto di riferimento dinamico - e non un contenitore passivo - che era all’inizio.

(Articolo tratto da www.riza.it)
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
31/05/2013 09:00
Coppia in tuta...addio eros Se nella coppia lui e lei si abbandonano a comode routine, aprono le porte alla trascuratezza e rischiano di mettere in crisi il loro rapporto; perché accade e come evitarlo

13/09/2012 10:00
Fare il mammo «spegne» l'eros... Capita sempre più spesso che in una coppia il padre assuma un ruolo troppo "materno": il rischio è che si spenga l'attrazione fra marito e moglie...

17/08/2014 07:43
La depressione La depressione è un disturbo del tono dell'umore con conseguenze importanti sulla vita di chi ne è colpito a livello  lavorativo, sociale e familiare

15/06/2012 11:00
Lo sconosciuto che abita in noi Ci sono delle domande che ci terranno impegnati per un po' di tempo: cosa ci porta a prendere una strada piuttosto che un'altra? Cosa ci sostiene nella scelta? Quali sono le nostre radici?

26/12/2012 09:00
Un regalo che vale Si avvicinano le feste e i negozi sono pieni di belle cose da regalare; oggetti con tanti lustrini e carte colorate ci invogliano ad entrare e ad acquistare qualcosa per i nostri cari.



Notizie da Pillole di psicologia
07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

27/03/2015

Dall'uso di Internet alla dipendenza da Internet

Oggi l’accesso alla rete è sempre più facile e frequente, riguarda adolescenti, adulti e persino bambini. Come riconoscerne gli eccessi?


20/02/2015

Gli uomini pensano solo al sesso? E' colpa dell'evoluzione

A spiegare perché è uno studio che arriva dalla Norvegia

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


09/11/2014

Il Potere Metabolico dell'Integratore C - Consapevolezza

La Consapevolezza ha un profondo impatto sul corpo umano


18/09/2014

La donna in menopausa

La menopausa indica il termine della fertilità e della capacità di concepire, è associata generalmente a cambiamenti importanti del fisico e del benessere psicologico, che possono alterare la routine della vita quotidiana

28/08/2014

Dai spazio alle intuizioni: «illuminano» il cervello

Le intuizioni sono "doni" del cervello che spesso vengono ignorati; se ascoltate possono migliorare la qualità della nostra vita



17/08/2014

La depressione

La depressione è un disturbo del tono dell'umore con conseguenze importanti sulla vita di chi ne è colpito a livello  lavorativo, sociale e familiare

02/08/2014

Come aiutare i nostri ragazzi a fare i compiti

Lo studio e i compiti a casa dei nostri figli rappresentano spesso un problema per noi genitori, tanto che a volte diventano perfino un fertile territorio di scontro. Quali gli atteggimenti da adottare


11/06/2014

Ordinati o disordinati?

L’essere ordinati e prediligere ambienti precisi è sempre stato visto come qualcosa di positivo, che stimola e accentua caratteristiche psicologiche altruistiche, e l’accordo è unanime in letteratura; ma anche il disordine può esserlo?

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier