Skin ADV
Giovedì 05 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



02 Agosto 2014, 07.00

Pillole di psicologia

Come aiutare i nostri ragazzi a fare i compiti

di Redazione
Lo studio e i compiti a casa dei nostri figli rappresentano spesso un problema per noi genitori, tanto che a volte diventano perfino un fertile territorio di scontro. Quali gli atteggimenti da adottare

Riconoscete questi comportamenti?

Temporeggiare nel fare i compiti - rimandarli a più tardi - fantasticare ad occhi aperti sul libro - interrompere e frammentare lo studio con pretesti banali - opporsi apertamente - eseguire i compiti in modo frettoloso e impreciso.

Questi sono alcuni dei comportamenti che ci mettono in difficoltà. Spreco di tempo, ma anche di energie che non riescono ad essere canalizzate verso lo scopo.

In effetti, spesso per i ragazzi i compiti sono qualcosa che si deve fare perchè costretti, che sottraggono tempo al divertimento, mentre il loro fine è in realtà quello di consolidare l'apprendimento delle lezioni.

Ma, allora, in che modo possiamo intervenire?

L'IMPORTANZA DELLA MOTIVAZIONE

Uno degli aspetti fondamentali riguarda la motivazione allo studio.
Spesso i bambini fanno i compiti e studiano per evitare figuracce, brutti voti, sanzioni dai genitori o, all'opposto, per competere, assicurarsi la stima dei compagni, degli insegnanti, dei genitori.
Pur essendo motivazioni che producono effetti  pragmatici sullo studio, provengono dall'esterno e, se ci riflettiamo un poco, potrebbero avere anche risvolti non del tutto positivi.

Mentre le motivazioni che hanno più forza sono quelle che provengono dall'interno della persona e nel caso dello studio è la motivazione alla conoscenza, alla scoperta di cose nuove, la leva che funziona.

L'IMPORTANZA DEL METODO

In genere i bimbi preferiscono giocare e praticare sport e questo è fisiologico, naturale e sacrosanto. Per questo è importante suddividere il tempo dello studio e quello delle attività libere, facendo comprendere che la gestione del tempo, attuata in modo routinario, è una regola importante. E' bene quindi, suddividere l'orario pomeridiano in tempo per lo studio e tempo per il gioco e mantenere gli orari con fermezza.

Anche se all'inizio ci saranno difficoltà, avranno modo di rendersi conto da soli che così facendo le cose funzionano meglio.  E' inoltre importante che il luogo dello studio sia tranquillo, ben illuminato, senza fonti di distrazione, come musica, televisione o play-station.

L'IMPORTANZA DEL NOSTRO ATTEGGIAMENTO

Il nostro atteggiamento come genitori deve essere improntato al sostegno.
Sedersi accanto al bambino, essere pazienti, comunicargli la nostra fiducia nelle sue capacità. Se sbaglia non mettiamogli etichette, non umiliamolo mai.
Evitiamo di fornirgli soluzioni già confezionate, ma stimoliamolo, guidiamolo a trovarle  in modo autonomo. In effetti, il compito di noi genitori è proprio quelllo di aiutare i figli a divenire autonomi.

Non sottovalutiamo mai l'importanza del dialogo, mettiamo impegno ad ascolarlo, prestando attenzione non solo alle sue parole, ma anche alle sue emozioni; se si sente compreso è molto probabile che si sblocchi.

Nello studio ascoltiamolo nella ripetizione delle lezioni, la reiterazione dei contenuti aiuta a fissare le nozioni.

Facciamo in modo che non impari "a pappagallo", stimoliamolo quindi alla curiosità, a chiedersi i perché, a fare collegamenti, incoraggiamo l'interesse. Aiutiamolo ad inquadrare meglio l'argomento. Se ancora non lo fa, insegnamoli a sottolineare le parole chiave e a fare schemi.

Sforziamoci di essere autorevoli (non autoritari!), assertivi e mai lassisti. . Dare l'esempio, poi, è fondamentale, cerchiamo di essere coerenti con le nostre parole.

Soprattutto, non dimentichiamoci mai di ascoltare non solo con le orecchie, ma anche con il cuore.LinkClick.aspx

.fonte: psicologia-benessere.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
24/06/2014 09:04:00
Compiti estivi Nella scuola dell'obbligo il tempo didattico prosegue ad aule chiuse in "collaborazione" con genitori che per tre mesi cercheranno di spegnere i vari monitor di casa per favorire il consolidamento degli obiettivi raggiunti


01/01/2015 12:02:00
Che cosa fare se hai esagerato? E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo


12/05/2014 09:42:00
Aiuti e consigli per trattare la depressione/1 La prima parte di un articolo dello psicoterapeuta Gianpiero Rossi con alcuni pratici consigli lungo la strada del recupero dal male della depressione

07/12/2014 08:39:00
Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione? Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


19/12/2014 07:03:00
Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni



Notizie da Pillole di psicologia
07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

27/03/2015

Dall'uso di Internet alla dipendenza da Internet

Oggi l’accesso alla rete è sempre più facile e frequente, riguarda adolescenti, adulti e persino bambini. Come riconoscerne gli eccessi?


20/02/2015

Gli uomini pensano solo al sesso? E' colpa dell'evoluzione

A spiegare perché è uno studio che arriva dalla Norvegia

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


09/11/2014

Il Potere Metabolico dell'Integratore C - Consapevolezza

La Consapevolezza ha un profondo impatto sul corpo umano


28/10/2014

No alla coppia «sfogatoio»

Evita di riversare sul partner tutti i tuoi problemi di lavoro e proteggi la coppia dai fatti che non la riguardano, o la magia della relazione verrà meno

18/09/2014

La donna in menopausa

La menopausa indica il termine della fertilità e della capacità di concepire, è associata generalmente a cambiamenti importanti del fisico e del benessere psicologico, che possono alterare la routine della vita quotidiana

28/08/2014

Dai spazio alle intuizioni: «illuminano» il cervello

Le intuizioni sono "doni" del cervello che spesso vengono ignorati; se ascoltate possono migliorare la qualità della nostra vita



17/08/2014

La depressione

La depressione è un disturbo del tono dell'umore con conseguenze importanti sulla vita di chi ne è colpito a livello  lavorativo, sociale e familiare

11/06/2014

Ordinati o disordinati?

L’essere ordinati e prediligere ambienti precisi è sempre stato visto come qualcosa di positivo, che stimola e accentua caratteristiche psicologiche altruistiche, e l’accordo è unanime in letteratura; ma anche il disordine può esserlo?

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier