Skin ADV
Martedì 14 Luglio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





26 Febbraio 2013, 11.15

Psicologia e benesssere

Perch ho ancora fame dopo aver mangiato?

di Gianpiero Rossi
Nel post di questa settimana lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi va alla radice di quella fama insaziabile che spesso ci assale, identificata come "fame emotiva": sintomo che il bisogno del corpo non pi il cibo ma un'altra forma di arricchimento
 
“I Can’t Get No ... Sa-tis-fac-tion” C’è chi non si sente mai pienamente soddisfatto/a del suo pasto.
 
Se hai familiarità con questa esperienza e la spiacevole sensazione di non averne mai abbastanza, anche dopo aver mangiato un antipasto, un piatto, un contorno e un dolce, allora ti puoi preoccupare per il persistere di tali voglie e chiederti: "Perché sento ancora fame, anche dopo mangiato?"
 
La ragione per cui il sentimento di soddisfazione continua a sfuggirti, è perché il tuo corpo sta usando la fame insaziabile con un significato ben preciso: come grido disperato per la tua attenzione. Non è più fame vera ma fame emotiva”.
 
La tua fame senza fine è segnalata dal tuo corpo che ti chiede di guardarti dentro, fino a scoprire quello che stai veramente perdendo. Chiediti: Quello per cui ho veramente fame è... ? E ascolta la risposta sincera.
 
Se hai ancora fame dopo aver mangiato un pasto abbondante, le probabilità sono che quello che hai veramente bisogno non è più cibo, ma piuttosto un'altra forma di arricchimento per la tua vita che ti darà sensazioni di soddisfazione, piacere e vero "riempimento”.
 
Il corpo utilizza sensazioni come un modo per comunicare i suoi messaggi. La sensazione di fame insaziabile è esattamente questo: un allarme specificamente progettato per riportarti alla realtà di un’insoddisfazione di fondo.
 
Per il nostro corpo e la mente, il piacere non è un optional: è un requisito biologico di sopravvivenza. E' una necessità. E se stai trascurando quel bisogno, non stupirti se dopo aver mangiato un pasto completo, ti senti ancora completamente vuoto/a.
 
Se hai trascorso un giorno intero completando in modo spiacevole lavori e obblighi e non hai una migliore alternativa, c'è una probabilità elevata che anche il pasto più sano e delizioso non basti per riempire la tua vita, se credi che dovrà essere sempre così. Hai bisogno di qualcosa di più.
 
Posso quasi sentirti dire: "Ma la vera soddisfazione è probabilmente impossibile. Come faccio a soddisfare veramente me stesso/a e portarla nella mia vita quotidiana?  Sai quante responsabilità ho, anche sul mio piatto?”
 
Se ti sembra impossibile portare maggiore soddisfazione nella tua vita, cambia questa convinzione o dubbio. Non solo è fattibile ma anche doveroso per te e per i tuoi cari. Uno dei risultati è che la voglia di mangiare troppo semplicemente cade e la perdita di peso diventa un naturale risultato collaterale. Nei training di psicologia della nutrizione puoi imparare i passi per gestire la fame emotiva.
 
Chi cede passivamente a questo impulso non credendo di poterlo gestire rischia di sfociare nel Disturbo da Alimentazione Incontrollata (DAI). Come riconoscerlo?
 
In questo disturbo le abbuffate sono associate al senso di perdita di controllo sul cibo in associazione a tre dei seguenti sintomi:
 
- Mangiare più rapidamente del normale
- Mangiare fino a sentirsi spiacevolmente pieni
- Mangiare grandi quantitativi di cibo anche se non ci si sente fisicamente affamati
- Mangiare da soli a causa dell'imbarazzo per quanto si sta mangiando
- Sentirsi disgustati verso se stessi, depressi, o molto in colpa dopo le abbuffate
 
Se queste abbuffate accadono per due giorni la settimana per un periodo di sei mesi si è in presenza del disturbo DAI. Il 20-30% dei soggetti che si rivolgono agli specialisti delle diete soffrono di questo disturbo.
 
E’ sorprendente come si insista nel cercare in questi casi una soluzione al sintomo (ingrassamento) e non sulla causa. Col risultato di perpetuare il problema e aggravarlo stressando ulteriormente il corpo e la mente che si ritroverà a ribellarsi ancora di più alle nuove privazioni.
 
 
Gianpiero Rossi
Psicoterapeuta presso Studio di Medicina Clinica
Lumezzane - tel. 030 82 64 09
Body Mind Center, Salò - tel. 0365 21 318
gprossi@intelligenza.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/12/2013 09:37:00
Perché non possiamo controllare la fame emotiva Lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi evidenzia alcune idee sbagliate che circondano spesso l'argomento del mangiare sotto la spinta di emozioni: l'effetto della dieta, l'insistere con più forza di volontà, la lotta con il cibo

21/04/2012 11:00:00
Fame nervosa Gli spuntini fuori pasto sono spesso uno strumento di consolazione per chi soffre di fame emotiva. La fame nervosa subentra in situazioni di stress, ansia, insicurezza, rabbia e frustrazione ed è nemica della linea

10/02/2013 10:00:00
Rispettare i segnali del corpo: fame, sazietà e piacere La restrizione calorica eccessiva è un altro vizio comune nel tentativo di perdere peso con la conseguenza che il corpo rallenterà il tasso metabolico per conservare la limitata quantità di energia disponibile, portando a un aumento del peso

18/12/2012 10:30:00
Perdere peso: cinque cose che non funzionano Il primo dei due articoli dello psicologo lumezzanese mettono in evidenza cinque classiche strategie che non vanno: diete decennali, accumulare fame, uso di dolcificanti artificiali, pensare di essere grassi, rimanere in disparte

18/01/2013 09:00:00
Quando Lumezzane conobbe la carestia e la fame Oggi pare lontano anni luce il 1783, ma sono trascorsi soltanto poco più di due secoli da quando la cittadina lumezzanese attraversò uno dei periodi più bui della sua storia, con provvidenze comunali che non bastavano a sfamare tutti gli abitanti



Notizie da Psicologia e benessere
08/06/2015

Gestisci le abitudini, se vuoi dimagrire

Se sei un essere umano e non un robot, hai anche tu delle abitudini. Alcune di queste abitudini ci piacciono, mentre altre ci assillano perché sono nocive, non si perdono facilmente e fanno fallire moltissimi metodi per dimagrire

25/05/2015

La presenza mentale, non solo col cibo

La «presenza mentale» va sviluppata non solo a contatto con il cibo come rimedio per chi rischia di non percepire né la qualità né la corretta quantità

06/04/2015

Altri due nuovi consigli inaspettati per migliorare la digestione

Li definisco inaspettati perché molte volte i consigli relativi al miglioramento della digestione si concentrano sul prendere aiuti digestivi e integratori di vario genere. Questi sono un po' diversi

22/03/2015

Due consigli inaspettati per una digestione efficace

La buona digestione è sempre più difficile in questi tempi. Se non hai ancora colto le dimensioni di questo problema alimentare, allora è il momento di iniziare a seguire il programma. La salute comincia nel tratto digestivo.

03/01/2015

Il paradosso dell'abbondanza

L’abbondanza di cibo, che contraddistingue specialmente il periodo delle feste, contribuirà a peggiorare l'epidemia di obesità che colpisce anche noi italiani o a contribuire al nostro sovrappeso

01/01/2015

Che cosa fare se hai esagerato?

E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo


19/12/2014

Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno

Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


15/11/2014

Separazione: come ragiscono i figli?

La separazione si configura come evento protratto nel tempo e spesso molto conflittuale. Perché la separazione risulta difficile? I figli risentono della separazione?

18/05/2014

Aiuti e consigli per trattare la depressione/2

Si completa con altri quattro consigli l'articolo dello psicoterapeuta triumplino Gianpiero Rossi attorno al problematico fenomeno della depressione

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier