Skin ADV
Venerdì 25 Settembre 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





29 Aprile 2014, 09.30

BLOG. Psicologia e benessere, Fumo/1

Contro il mito che sia difficile smettere di fumare

di Gianpiero Rossi
La prima parte di un post co cui Gianpiero Rossi passa in rassegna la dipendenza da nicotina, i passi per acquistare fiducia in se stessi e il fattore mentale legato al fumo
 
Nonostante l'impressione che è data dai mass media e che si crede sia sempre vera, la dipendenza dalla nicotina è molto più facile da trattare rispetto all'aspetto mentale dello smettere la tua abitudine di fumare.

La realtà è che il desiderio che senti quando decidi di smettere di fumare è abbastanza facile da affrontare. Il cambiamento più grande, e forse la parte più difficile, è cambiare le abitudini che si sono formate attorno alla convinzione che tu sei un fumatore.

Il seguente articolo ti darà un’idea su come affrontare il nuovo comportamento dell’essere un non-fumatore con suggerimenti e alcune informazioni su come smettere di fumare.

 
La dipendenza da nicotina
C'è senza dubbio un elemento di dipendenza al fumo che si presenta sotto forma di nicotina nel tabacco, come pure altre sostanze chimiche aggiunte alle sigarette che migliorano l'assorbimento all'interno del corpo. Ciò che è sopravvalutata è l'intensità della dipendenza.

Ad esempio, puoi stare senza fumare mentre dormi, non sei svegliato da un forte desiderio di avere una sigaretta a metà della notte. Se ti svegli puoi scegliere di fumare – ma non sei così fortemente dipendente da interferire con la tua vita al punto da svegliarti nel bel mezzo della notte solo per fumare.

Senza dubbio ci sono stati momenti nei quali l'unico motivo per cui avevi deciso di fumare era perché eri preoccupato per qualcos'altro, ma non per il bisogno di nicotina.

La realtà è che la nicotina è rimossa dal corpo abbastanza rapidamente, infatti, una persona è in grado di fumare 3-4 sigarette al giorno senza che il corpo abbia troppi problemi rimuovendo il veleno dal suo sistema. Entro 2-3 giorni da quando si è smesso di fumare, la nicotina sparisce, gli effetti cominciano a ridursi e spariscono completamente entro una settimana o poco più.
 
  
Passi nel guadagnare un sentimento di fiducia
Le voglie. Che cosa sono veramente? Ci è detto, e tendiamo a crederci, che la voglia di nicotina è simile alle più pesanti droghe – ma consentiamoci di esaminare questo mito ed essere onesti con noi stessi.

Di solito sai che è il momento di fumare perché noti la 'sensazione' o desiderio nel tuo stomaco e cominci a sentirti agitato. La sensazione non è molto diversa da una sensazione di fame. Sinceramente non c'è nessun dolore, nessuna intensa sensazione fisica, solo un fastidio come quando si ha fame.

L'agitazione è circa la stessa che provi se l'allarme dell’auto di qualcuno è scattato e hai notato che in qualche modo ti ha disturbato la pace della mente. Costantemente per tutta la tua vita sei riuscito ad evitare di mangiare quando avevi fame e hai resistito i pochi minuti da un fastidioso allarme dell’auto.

Così la verità è che puoi gestire questa situazione, lo hai sempre fatto prima – ma quando ci si riferisce al fumo sei convinto in qualche modo che non puoi gestire i leggeri 3 minuti di disagio.

E come sai – se tu sei in grado di agire su questa sensazione di desiderio – questo va via abbastanza rapidamente. Se non cedi alla tua 'dipendenza' tendi a dimenticartela senza alcuna conseguenza finché non accade nuovamente. Come abbiamo già stabilito – puoi trascorrere tutta la notte o un lungo viaggio in aereo senza che il desiderio ti preoccupi troppo, di là del disagio comprensibile.

 
Il fumo è soprattutto mentale
Se sei onesto con te stesso, l'ovvia risposta allo smettere di fumare sta nel migliorare la tua abilità mentale per combattere quella che è diventata un'abitudine. Nel corso del tempo il cervello cambiato persino la sua struttura per mantenere la tua convinzione che sei un fumatore.

Uno degli aspetti di questo è il subconscio della tua mente, che può darti migliori risposte ai tipi di domande che ti poni e sui tipi di convinzioni su chi sei. Se ti chiedi "Perché non riesco a smettere di fumare?" il tuo subconscio farà la cosa migliore per rispondere a questa domanda per te, creando pensieri automatici come "È coinvolgente, non ho alcun controllo" o "Semplicemente non ho la forza di volontà" o peggio ancora "Perché dovrei smettere qualcosa che mi piace fare?".

Fondamentalmente per un po' si sfida questa risposta automatica e inizi a dettare al tuo inconscio come invece desideri essere. La buona notizia è che non ci vuole molto tempo per il tuo subconscio a iniziare a fornirti le risposte automatiche che sostengono che tu sei un non-fumatore.

Venerdì la seconda parte dell'articolo con i consigli pratici per cercare di smettere di fumare.


Gianpiero Rossi
Psicoterapeuta presso Studio di Medicina Clinica
Lumezzane - tel. 030 82 64 09
Body Mind Center, Salò - tel. 0365 21 318
gprossi@intelligenza.it - www.psicologovaltrompia.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/05/2014 09:30
Quattro trucchi tentando di smettere di fumare La seconda parte dell'articolo di Gianpiero Rossi focalizzato sul fumo, qui in particolare con la proposta di quattro trucchi mentali per abbandonare le sigarette

04/03/2014 09:51
Consigli per perdere peso dopo la gravidanza Un post di Gianpiero Rossi che dà qualche consiglio pratico alle neomamme per riuscire a smaltire facilmente i chili in più accumulati per effetto della gravidanza

13/04/2014 12:07
Gli attacchi di panico (parte 1) L'analisi di un caso da parte dello psicoterapeuta Gianpiero Rossi attorno al fenomeno degli attacchi di panico. Venerdì il secondo post per sapere come gestirli

18/04/2014 09:24
Attacchi di panico (parte 2) La seconda parte dell'articolo di Gianpiero Rossi, che passando in rassegna un ipotetico caso fornisce sei consigli per contrastare gli attacchi di panico

17/05/2013 09:30
Quante voglie abbiamo? In questo primo articolo sul rapporto tra cibo e desiderio lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi passa in rassegna l'aspetto nascosto delle voglie che, ascoltate in profondo, spesso possono mandarci nella direzione di una sana scelta nutrizionale



Notizie da Psicologia e benessere
08/06/2015

Gestisci le abitudini, se vuoi dimagrire

Se sei un essere umano e non un robot, hai anche tu delle abitudini. Alcune di queste abitudini ci piacciono, mentre altre ci assillano perché sono nocive, non si perdono facilmente e fanno fallire moltissimi metodi per dimagrire

25/05/2015

La presenza mentale, non solo col cibo

La «presenza mentale» va sviluppata non solo a contatto con il cibo come rimedio per chi rischia di non percepire né la qualità né la corretta quantità

06/04/2015

Altri due nuovi consigli inaspettati per migliorare la digestione

Li definisco inaspettati perché molte volte i consigli relativi al miglioramento della digestione si concentrano sul prendere aiuti digestivi e integratori di vario genere. Questi sono un po' diversi

22/03/2015

Due consigli inaspettati per una digestione efficace

La buona digestione è sempre più difficile in questi tempi. Se non hai ancora colto le dimensioni di questo problema alimentare, allora è il momento di iniziare a seguire il programma. La salute comincia nel tratto digestivo.

03/01/2015

Il paradosso dell'abbondanza

L’abbondanza di cibo, che contraddistingue specialmente il periodo delle feste, contribuirà a peggiorare l'epidemia di obesità che colpisce anche noi italiani o a contribuire al nostro sovrappeso

01/01/2015

Che cosa fare se hai esagerato?

E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo


19/12/2014

Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno

Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


15/11/2014

Separazione: come ragiscono i figli?

La separazione si configura come evento protratto nel tempo e spesso molto conflittuale. Perché la separazione risulta difficile? I figli risentono della separazione?

18/05/2014

Aiuti e consigli per trattare la depressione/2

Si completa con altri quattro consigli l'articolo dello psicoterapeuta triumplino Gianpiero Rossi attorno al problematico fenomeno della depressione

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier