Skin ADV
Venerdì 10 Luglio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






13 Gennaio 2020, 11.09

Blog - Glocal

Parlare bene l'inglese conviene

di Valerio Corradi
C’era una volta la scuola delle 3 “i” (informatica, impresa, inglese). Molte le riforme tentate, poche le risorse investite. Che fine ha fatto la “i” dell’inglese?

Nell’impianto della scuola delle tre “i”, insieme all’informatica e all’impresa, l’inglese doveva essere uno dei caposaldi di un sistema d’istruzione e formazione innovativo e aperto all’internazionalizzazione.

Di recente la società d’istruzione internazionale EF Education First ha elaborato una graduatoria tra 100 nazioni, in base ai risultati dell’indice di abilità nell’uso della lingua inglese.
Ai primi posti si sono collocati Paesi Bassi, Svezia, Norvegia e Danimarca, agli ultimi Libia, Arabia Saudita e Iraq.

L’Italia è al 36esimo posto, ed è il fanalino di coda dei paesi europei presi in considerazione.
Meglio del Bel Paese fanno, tra gli altri, Grecia, Spagna, Croazia.
Per quel che riguarda l’Italia, la città nella quale si parla di più e meglio l’inglese è Milano che tuttavia è preceduta da ben 36 città, le prime della quali sono del nord Europa.

Una conferma
della sofferenza nell’uso e nell’apprendimento della lingua da parte degli italiani arriva anche dalle discusse prove Invalsi che mostrano che la maggior parte degli studenti di quinta superiore fatica a raggiungere il livello B1 previsto dai programmi.

Sul piano generale è utile ricordare la correlazione tra livello di conoscenza dell’inglese e livello di reddito.
Secondo la Banca mondiale, chi parla un livello d’inglese elevato ha un reddito medio più alto, e nei Paesi dove si conosce meglio l’inglese si innova di più, tanto che la conoscenza di tale lingua è uno dei presupposti per la creazione di ricchezza.

In un quadro sociale ed economico che vede crescere gli scambi con i paesi esteri è fondamentale possedere abilità linguistiche di alto livello.
Per questo, è indispensabile rilanciare gli investimenti nel sistema educativo per l’insegnamento dell’inglese (lingua parlata da 1,5 mld di persone nel mondo), favorendo sempre più scambi formativi con l’estero.

Negli ultimi anni, molti Istituti scolastici
hanno intensificato il proprio impegno per la creazione di opportunità di apprendimento della lingua per i propri studenti anzitutto in ambito curricolare (potenziamento delle ore, creazione di laboratori, introduzione di esperti).
Si sono poi moltiplicate le possibilità di fare esperienze all’estero con progetti di scambio e di confronto con scuole di altri paesi europei.

Da ricordare il programma Erasmus
(European Region Action Scheme for the Mobility of University Students) che dal momento della sua istituzione (fine anni ’80) a oggi è stato seguito da oltre 2 milioni di studenti (in continua crescita) con 33 Paesi coinvolti e oltre 2.200 Università aderenti.

Erasmus (dal 2014 Erasmus+) offre la possibilità a uno studente europeo di formarsi o effettuare un tirocinio in un paese dell’Unione per un periodo che va dai 3 ai 12 mesi.
Il programma è una delle azioni più impegnative promosse dall’Unione Europea e sta avendo il merito di far crescere e migliorare le competenze linguistiche e relazionali di molti giovani europei ma anche di fornire loro occasioni per imparare a convivere con culture diverse.

La situazione di stallo che sta attraversando l’Italia
dovrebbe ulteriormente incentivare percorsi formativi di questo tipo ponendo attenzione alle positive connessioni tra internazionalizzazione della formazione, miglioramento delle competenze linguistiche e valorizzazione dell’accresciuto capitale socio-culturale dei giovani.
Per questo è doveroso chiedere uno sforzo aggiuntivo per sostenere in tal senso i progetti degli Istituti scolastici e per incentivare gli studenti alla mobilità internazionale

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
25/10/2012 10:00:00
Al via le vaccinazioni Prenderà il via il prossimo 5 novembre, con alcune importanti novità, la campagna vaccinale per l'influenza stagionale promossa dall'Asl di Brescia

19/05/2015 10:53:00
Nell'Abbioccolo, sulla cresta dell'onda Decido di affrontare il torrente Abbioccolo a Lavenone, in Val Sabbia, una meta che mi sono prefissato da qualche tempo

04/05/2015 08:13:00
«Child 44»: spazio al thriller melodrammatico Sdoppiando la narrazione su due trame parallele, il regista ottiene un buon risultato senza appesantire la visione

03/10/2019 15:28:00
Seconda edizione del laboratorio gastronomico In Valle Trompia e la Valle Sabbia un'offerta gastronomica di cooperazione ed inclusione sociale: dal 5 ottobre al 12 dicembre un ricco calendario con 10 cene a ritmo slow

02/07/2020 15:00:00
Biker caduto a Sant'Onofrio Intervento congiunto del Soccorso Alpino della Valle Sabbia e della Valle Trompia per soccorrere un biker caduto sul sentiero 434 fra Nave e Lumezzane



Notizie da Cultura
01/07/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza


12/06/2020

Attenzione ai filtri d'amore

Nella nostra cultura sempre più dominata dal pensiero scientifico, matematico e sperimentale, le pratiche magiche sono generalmente considerate prive di fondamento, se non addirittura fraudolente


12/05/2020

Una rilettura sapienziale dell'esperienza vissuta

È quanto chiede il Vescovo di Brescia, mons. Tremolada alle comunità della diocesi nel camino di ritorno alla normalità della vita delle parrocchie dopo la dura esperienza della pandemia

08/05/2020

Vota i tuoi Luoghi del Cuore

FAI e Intesa Sanpaolo invitano i cittadini a partecipare alla decima edizione del censimento che mira a premiare i luoghi più votati - per ora solo via web - e a promuoverne gli interventi e i progetti di valorizzazione

27/04/2020

«Libericomelaria», quasi sei ore di diretta no-stop che ci ha scaldato il cuore

Oltre ai tantissimi ospiti i contenuti straordinari che ci hanno voluto regalare Omar Pedrini, Cisco ed Irene Grandi hanno impreziosito la giornata.

23/04/2020

A chi non piace il 25 Aprile

C’è chi propone di abolirlo, perché lo ritiene divisivo, senza significato. C’è chi da sempre vorrebbe eliminarlo, per cancellarne la memoria, perché fastidioso o peggio ancora “di parte”. Quest’ultimo è l’unico vero motivo che ci porta a festeggiarlo ogni anno. La Liberazione è una festa “di parte”, ed a buon merito anche.

12/04/2020

Un augurio di Pasqua

La Pasqua non è semplicemente una festa tra le altre feste, è "la festa delle feste", è "la festa per eccellenza"

06/02/2020

Gli oracoli

Cos’è esattamente un oracolo? Strana domanda, la cui risposta è nascosta dai veli del tempo


14/01/2020

Al via la nuova stagione della Collezione Paolo VI

Dalla mostra di Floriano Bodini ai cicli di incontri di OperAperta, Lògos e Registi dello Spirito, dai nuovi progetti alla collettiva dei finalisti del Premio Paolo VI per l’arte contemporanea

24/09/2019

Dimenticare un bambino in auto. Perché?

Ti sconvolge non poco la notizia di un bambino dimenticato in auto da un genitore, come è accaduto di recente a Catania


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier