Skin ADV
Martedì 06 Dicembre 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






11 Novembre 2021, 17.54

Filosoficheria di Pseudosofos

Herman, la sua libertà e la mia

di Pseudosofos
Da qualche giorno in casa nostra ha cominciato ad abitare un nuovo componente della famiglia: Herman. Si tratta di un simpatico criceto, di color bianco a macchie marrone chiaro

Il nome glielo ha assegnato una delle mie figlie, la più piccola. Abbiamo deciso di farlo abitare nella bella taverna di casa nostra. Lì c’è sempre un clima piuttosto caldo, anche in inverno.

Herman si è mostrato subito un animaletto assai astuto.
Non accontentandosi della gabbia in cui lo abbiamo messo, nella quale oltre ad una bella casetta c’è anche una ruota su cui può circolare quanto vuole, ha pensato bene di trovare una via d’uscita.
Infatti, proprio ieri sera, ci siamo accorti della sua evasione: lo abbiamo trovato gironzolare per la taverna con un certo brio nelle zampette. Così, dopo una serie di fallimentari tentativi per catturarlo, abbiamo pensato di lasciare la porta della gabbia aperta. “Magari ci rientrerà da solo” - ci siamo detti! E così è stato, miracolosamente: qualche ora dopo siamo tornati a dare un’occhiata e Herman si era riaccomodato di sua spontanea volontà nella casetta da noi predispostagli.

Tuttavia, il cricevaso
ha pensato bene di sbalordirci ulteriormente. Stamattina, lo abbiamo trovato che stava trasportando il cotone posto nella sua mini cuccia, in un angolo sperduto della cucina, esattamente sotto il lavello. Luogo angusto per noi da raggiungere: sa che lo vogliamo catturare. Lo ha verificato nell’esperienza. L’ha appreso stando con noi. E’ un criceto scientifico!

Meravigliosa creatura.
So bene di non essere un criceto, ma è difficile immaginare che Herman non sia espressione di una certa intelligenza e libertà. Egli ha percepito che la gabbia così opportunamente da noi preparatagli, non è a sua misura... secondo lui. Certo, questa sua pretesa libertà è fastidiosa per noi. Ciò nonostante testimonia di un naturale desiderio di movimento di cui egli dà contezza nel suo modo di agire.

Ora stiamo pensando alle soluzioni da adottare.
Nel senso che non ci piacerebbe affatto ritrovarci bagolette di criceto per tutta la taverna: sebbene siano molto piccole, puzzano assai, come ogni forma di topastra defecazione. Nel frattempo, intanto che io e mia moglie ci ingegniamo, ho pensato di prendere spunto dal modo di agire di Herman per riflettere su quali possano essere le gabbie da cui noi umani cerchiamo di scappare, così come sta facendo lui rispetto alla sua.

Certamente sono molte.
Una in particolare, però, mi viene alla mente con più immediatezza: la gabbia del pensiero unico, espresso nel cosiddetto “politicamente corretto”. Le sbarre di questa gabbia, in cui ci stiamo rinchiudendo, sono fatte di parole: parole proibite, che non si possono dire... perché altrimenti significa che sei un brutto e cattivo animaletto umano. Non so se anche a cricetolandia pensino che esistano i cricetofobi!

Il problema, appunto, è che non a tutti sta bene essere rinchiusi in una gabbia di parole per quanto d’oro appaiano: parole gentili, corrette, affettate.
In particolare non sta bene ai criceti della ragione, noi filosofi, a cui proprio non va a genio l’impossibilità di spaziare nella taverna del linguaggio, solo perché sono scomodi alcuni nostri pensieri, che ad altri potranno apparire anche di merda!

Anzi, in ogni epoca, noi che siamo attenti al rispetto e al potenziamento della libertà di parola nostra e altrui, cerchiamo ogni modo di evadere dall’illusione che la fraternità umana possa essere costruita sul fatto che tutti la pensino su ogni cosa allo stesso modo. Sappiamo infatti che ogni ideologia, cioè ogni potere costituito per mettere in gabbia l’anima di noi umani (e tenerla buona e al sicuro) si è costruita cercando di fare in modo che tutti la pensino allo stesso modo.

E se facciamo faticare la società che vorrebbe rimetterci in gabbia, siamo orgogliosi di farlo: è davvero divertente e ci dà tanta gioia e voglia di vivere. Oserei dire che lo sentiamo addirittura come una vocazione! Ma non perché vogliamo fare del male a qualcuno. L’unico nostro intento è far vedere che c’è la possibilità di costruire una casa per il pensiero fuori dalla gabbia che qualcuno ci ha predisposto a puntino.

E, simili ad Herman, spostiamo i fili di cotone che la cultura ci ha preparato perché potessimo solo stare al sicuro, in posti in cui noi ci sentiamo davvero più al sicuro. Ciò che chiediamo è solo una certa tolleranza per le manovre che facciamo con la mente. Infatti, nostro intento è solo uno: mostrare in atto che cosa significa pensare da esseri liberi e, per quanto possibile, intelligenti.

Agendo in libertà di pensiero, speriamo ancora di testimoniare che la Filosofia, cioè l’amore verso la verità, dà fastidio solo a chi coltiva l’ambizione del potere. Ebbene, a loro mi rivolgo nel ricordare simpaticamente che il nostro Signore e Creatore ha dato a tutti noi suoi criceti pensanti, la vita, il movimento, l’intelligenza e la libertà; ed Egli non è dispiaciuto quando ne facciamo uso.

Anzi: Egli è appunto capace di meravigliarsi del nostro zizzagare qua e là con la ragione, perché ci guarda con gli occhi della Sua Sapienza.
Una Sapienza che non ha alcuna intenzione di incarcerarci in un luogo in cui c’è una comoda casetta per far dormire il pensiero ed una ruota su cui farlo roteare sempre allo stesso modo. E di certo non approva coloro che, fuori dalle sbarre in cui ci ha costretti, si compiace di ciò che ha fatto per noi, mentre sorride beatamente, pago della sua potenza.

Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/05/2021 10:26
Il sesso delle anime Avete mai preso in considerazione la possibilità che siano le anime ad esser sessuate e non i corpi? Se la risposta è negativa, questa filosoficheria è fatta apposta per voi

02/12/2021 17:04
La trasparenza delle parole Cosa potrebbe accadere durante una lezione di religione del 2121 in una classe di scuola primaria? Ecco quello che potrebbe realisticamente succedere qualora alcune attuali idee trovassero piena realizzazione


09/11/2013 09:30
La piazza al centro del consiglio comunale di Tavernole Solo due i punti all'ordine del giorno del prossimo consiglio comunale che si riunirà il 15 novembre a Tavernole ed entrambi riguardano la piazza Martiri della Libertà e un suo piano di recupero, compreso l'immobile ex casa Mineni

25/02/2013 09:00
Senzaslot.it Il sito, in chiaro da qualche giorno, nasce per quelli che pensano che il caffè è più buono se il bar è senza slot! Anche voi potete contribuire ad arricchire la mappa di locali con queste caratteristiche

17/11/2014 07:00
Can che abbaia... Grazia ed io non abbiamo mai ospitato animali in casa. Al massimo qualche pesciolino rosso o un criceto, che abbiamo liberato dopo due mesi sul greto del fiume.



Notizie da Cultura
20/04/2022

È la lumezzanese Pierangela Donati la vincitrice della sezione dialettale

L'iniziativa promossa dai giornali della Rete Bresciana: BsNews.it, CalcioBresciano.it, GardaPost.it, ValleSabbiaNews.it, con il sostegno di Cassa Rurale. Il 10 giugno, a Sal, si terranno le premiazioni degli altri autori segnalati e del vincitore assoluto

02/12/2021

La trasparenza delle parole

Cosa potrebbe accadere durante una lezione di religione del 2121 in una classe di scuola primaria? Ecco quello che potrebbe realisticamente succedere qualora alcune attuali idee trovassero piena realizzazione


17/05/2021

Il sesso delle anime

Avete mai preso in considerazione la possibilit che siano le anime ad esser sessuate e non i corpi? Se la risposta negativa, questa filosoficheria fatta apposta per voi

07/05/2021

La nobile arte del copiare

Quella che segue è una delle storie di corridoio sorte fra le mura di una scuola

25/04/2021

Senza retorica o nostalgie

Pubblichiamo una riflessione sulla giornata del 25 aprile da parte del prof. Giuseppe Biati, Presidente del Centro Studi La Brigata Giacomo Perlasca delle Fiamme Verdi e la Resistenza Bresciana

23/04/2021

Il vecchio noce

Si avvicina il 25 aprile. Pubblichiamo volentieri questo bel racconto di Giuseppe Biati, uomo di scuola, storico e fine conoscitore dei sentimenti che animano i valsabbini

25/11/2020

Violenza sulle donne, emergenza non percepita

La pandemia, con il confinamento obbligato in casa, ha fatto aumentare i casi di violenza contro le donne, che nella maggioranza dei casi violenza domestica

01/07/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza


12/06/2020

Attenzione ai filtri d'amore

Nella nostra cultura sempre più dominata dal pensiero scientifico, matematico e sperimentale, le pratiche magiche sono generalmente considerate prive di fondamento, se non addirittura fraudolente


12/05/2020

Una rilettura sapienziale dell'esperienza vissuta

È quanto chiede il Vescovo di Brescia, mons. Tremolada alle comunità della diocesi nel camino di ritorno alla normalità della vita delle parrocchie dopo la dura esperienza della pandemia

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier