Skin ADV
Martedì 26 Maggio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






24 Settembre 2019, 08.41

Blog - Genitori e figli

Dimenticare un bambino in auto. Perché?

di Giuseppe Maiolo
Ti sconvolge non poco la notizia di un bambino dimenticato in auto da un genitore, come è accaduto di recente a Catania

Ti invade subito un misto di stupore e rabbia e ti metti alla ricerca di una possibile spiegazione mentre affollano la mente domande del tipo: “Come può accadere di scordarsi un figlio?” e “Perché capita di non sapere di averlo lasciato per un lungo tempo chiuso nell’auto?”

Interrogativi inquietanti con poche risposte. Tantomeno esaurienti. Le prime che ti vengono dalla pancia sono piene di sdegno, di indignazione e hanno a che fare con un giudizio morale, ma non è quello che serve.

Serve sapere da dove origina questa terribile storia, non nuova ma che si ripete. Possiamo fare ipotesi, alcune generiche e altre meno perché prevale la difficoltà a dare spiegazioni certe in quanto è complesso indagare la mente e scrutare le profondità della psiche.

Le neuroscienze oggi ci danno una mano. Ci dicono che si tratta di amnesia dissociativa transitoria, una specie di black-out con il quale, unitamente alla percezione alterata del tempo, finisci per “cancellare” alcune delle azioni che hai fatto.

È un disturbo raro e complesso che adesso sembra manifestarsi con una frequenza maggiore di un tempo e porta a compiere attività consuete che poi, senza un apparente motivo, vengono rimosse dalla coscienza, dimenticate. Le cause potrebbero essere date da eventi traumatici subiti o da uno stato di stress persistente. 

Ma ci sono anche condizioni non catalogabili come patologiche. Sappiamo che può capitare a tutti di non essere sempre “connessi” alla realtà e agire senza renderci conto di quello che stiamo facendo.

Una gran parte di queste situazioni dagli esiti anche gravi, è imputabile allo stress che del resto è in aumento e origina dal modo frenetico con cui viviamo e dalla necessità di doverci adattare a continue situazioni nuove.

Si aggiunga nella nostra epoca un pesante sovraccarico cognitivo che in gran parte deriva dalle sollecitazioni di ogni tipo che riceviamo dalla tecnologia digitale.

Così è corretto, almeno in parte, imputare allo stress azioni inimmaginabili, come la dimenticanza di un figlio in auto sotto il sole cocente dell’estate. Però è bene ricordare che lo stress rappresenta solitamente la causa scatenante.

C’è da chiedersi, piuttosto, quanto siamo consapevoli del fatto che in questo nostro tempo ciò che appare maggiormente compromessa è l’attenzione e l’autocontrollo. Esserne coscienti ci potrebbe aiutare a tenere a bada l’utilizzo che facciamo dei vari dispositivi per la comunicazione.

Ci può servire, ad esempio, per riconoscere e arginare un nuovo e pericoloso comportamento che chiamiamo “phubbing”.  Fenomeno particolare, collegato all’uso dello smartphone, che ci porta a prestare più attenzione al nostro dispositivo che all’altro cui siamo di fronte. Il rischio che questo modo di agire prevalga è elevato e gli studi confermano che si tratta di una nuova forma di trascuratezza relazionale.

Allo stesso tempo servirebbe domandarsi se nella tramatura inconscia di alcuni comportamenti, come quella mortifera dimenticanza di un figlio, non vi sia proprio la rappresentazione estrema della trascuratezza genitoriale che, con la complicità dello stress, porta allo scoperto un acuto conflitto interno o una inconsapevole dimensione di violenza la cui origine può venire da un’adultità poco evoluta o da una genitorialità mancante.

Naturalmente si tratta di ipotesi che non possono essere generalizzate, ma potrebbero servirci non solo per attivare accorgimenti tecnologici di protezione dei bambini, quanto per attribuire significati possibili a quei comportamenti che a prima vista sembrano incomprensibili e che necessitano di altri interventi di aiuto e prevenzione.


Giuseppe Maiolo
Psicoanalista
Università di Trento
www.officina-benessere.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/11/2018 08:00:00
Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

11/02/2020 11:00:00
Per un'educazione digitale Il Safe Internet Day (SID) che si celebra quest’anno punta ancora alla sicurezza in Rete con lo slogan “Connessi e sicuri”


07/10/2019 16:32:00
Mamme tigri e figli stressati La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

03/03/2012 10:00:00
Due incontri per avvicinare genitori e figli Un miniciclo dal titolo "Problemi educativi tra genitori e figli, strategie di cambiamento" è stato promosso da Coordinamento genitori e Comune nelle serate del 6 e 13 marzo

06/05/2015 14:41:00
Mala Educaciòn Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto



Notizie da Cultura
12/05/2020

Una rilettura sapienziale dell'esperienza vissuta

È quanto chiede il Vescovo di Brescia, mons. Tremolada alle comunità della diocesi nel camino di ritorno alla normalità della vita delle parrocchie dopo la dura esperienza della pandemia

08/05/2020

Vota i tuoi Luoghi del Cuore

FAI e Intesa Sanpaolo invitano i cittadini a partecipare alla decima edizione del censimento che mira a premiare i luoghi più votati - per ora solo via web - e a promuoverne gli interventi e i progetti di valorizzazione

27/04/2020

«Libericomelaria», quasi sei ore di diretta no-stop che ci ha scaldato il cuore

Oltre ai tantissimi ospiti i contenuti straordinari che ci hanno voluto regalare Omar Pedrini, Cisco ed Irene Grandi hanno impreziosito la giornata.

23/04/2020

A chi non piace il 25 Aprile

C’è chi propone di abolirlo, perché lo ritiene divisivo, senza significato. C’è chi da sempre vorrebbe eliminarlo, per cancellarne la memoria, perché fastidioso o peggio ancora “di parte”. Quest’ultimo è l’unico vero motivo che ci porta a festeggiarlo ogni anno. La Liberazione è una festa “di parte”, ed a buon merito anche.

12/04/2020

Un augurio di Pasqua

La Pasqua non è semplicemente una festa tra le altre feste, è "la festa delle feste", è "la festa per eccellenza"

06/02/2020

Gli oracoli

Cos’è esattamente un oracolo? Strana domanda, la cui risposta è nascosta dai veli del tempo


14/01/2020

Al via la nuova stagione della Collezione Paolo VI

Dalla mostra di Floriano Bodini ai cicli di incontri di OperAperta, Lògos e Registi dello Spirito, dai nuovi progetti alla collettiva dei finalisti del Premio Paolo VI per l’arte contemporanea

13/01/2020

Parlare bene l'inglese conviene

C’era una volta la scuola delle 3 “i” (informatica, impresa, inglese). Molte le riforme tentate, poche le risorse investite. Che fine ha fatto la “i” dell’inglese?

11/01/2019

Dieci anni di arte contemporanea a Concesio

La Collezione Paolo VI cresce (e piace) sempre di più. Per il 2019 spazio alle mostre di Jean Guitton e Armida Gandini, al ritorno del Museo In-Visibile, di OperAperta e dei nuovi cicli di Lògos dedicati all’architettura, con una sempre maggiore attenzione alle scuole e ai ragazzi del territorio e alle famiglie

03/12/2018

Il pimpinello

Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso…

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier