Skin ADV
Venerdì 10 Luglio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



04 Ottobre 2019, 09.11

L'opinione

Pagare tutti, pagare meno

di Ernesto Cadenelli
Dopo l’estate festaiola al Papetee, la cruda realtà presenta il conto. Il neo governo è alle prese con un’eredità pesante nel far quadrare i conti pubblici e contenere il debito senza ricorrere a nuove tasse

Immaginate per un attimo se si fosse andati avanti le roboanti promesse dei gialloverdi, quale fardello oggi e domani graverebbe, ancor più dell’attuale, sui cittadini italiani e sopratutto i giovani.

Si perché la manovra cui si pensava era tutta prodotta in deficit, che tradotto in dialetto avrebbe portato il Paese, già in piena crisi economica, al default (fallimento).

Al momento le priorità del governo giallorosso sarebbero impedire l’aumento dell’IVA, che graverebbe pesantemente sulle famiglie, e aumentare il reddito netto in busta paga dei lavoratori, taglio del cuneo fiscale.

Viene poi dichiarato un impegno per contrastare e ridurre la mole di evasione fiscale, Iva e contributi che oggi supera abbondantemente i 100 miliardi di euro.

Non si pretende l’azzeramento totale dell’evasione (magari), ma pare a me evidente che il recupero del 30-40% di questi soldi, consentirebbe di risolvere molti dei problemi italiani.

Si potrebbero ridurre in maniera significativa le tasse a chi le paga (onesti) e garantire quote di investimento per servizi essenziali, scuola, sanità, l’assistenza alle persone, ricerca e economia green.
Per questo ritengo che questa battaglia debba diventare il punto primo del programma del Governo. Tutto il resto è subordinato.

Fallire in questo obiettivo
, dopo anni che se ne parla, significherebbe mettere una pietra tombale sulle possibilità di ripresa del Paese e sulla possibilità di offrire un futuro di speranza  alle giovani generazioni.

Occorre uno scatto anche culturale e di mentalità per convincerci che chi fa il furbo frega chi le tasse le paga.
Infatti sovente costoro accedono gratuitamente ai servizi essenziali che lo Stato garantisce scaricando sugli onesti l’onere della loro copertura finanziaria. Per questo vanno isolati nel sentire comune e non invece considerati furbi e bravi (come sovente si sente!).

Badate bene che siamo tutti interessati a questa battaglia, a prescindere dal come votiamo.

Sono convinto che il fenomeno, sia pure con graduazione diverse, sia trasversale nella società italiana.
Esistono certamente i grandi evasori, ma anche i medio-piccoli che messi insieme fanno cifre enormi.
Oggi giorno gli strumenti per il controllo e la denuncia di reati di evasione sono molto affinati e possono dare risultati certi nel breve-medio periodo.

Ci sono però alcune pre-condizioni importanti per l’esito positivo di questa battaglia.

La prima
è che non esiste che il lavoratore dipendente paghi più tasse del proprio datore di lavoro, la seconda che a tutti i cittadini venga data la possibilità di detrarre con benefici significativi, le spese per la manutenzione della casa, dell’automobile e del tempo libero.
 
La terza è che il recuperato, sopratutto nella prima fase, venga destinato al  calo delle tasse sia per lavoratori che per pensionati (che sono tassati due volte avendo già pagato le tasse a suo tempo).

Infine ad affiancare gli organismi ispettivi dello Stato, ci devono essere gli Enti Locali.
I Comuni infatti hanno la possibilità concreta di segnalare situazioni abormi di tenore di vita o quant’altro riguarda i loro cittadini. Tra l’altro la legge Tremonti consente ai Comuni di vedersi ristornato il 100% dell’evasione introitata. Vedere i dati ufficiali.
Certamente è fondamentale che ci sia la volontà politica di andare in questa direzione anche da parte delle Amministrazioni.

Calerà il consenso ai partiti? Io credo di no se ci sarà chiarezza di obiettivi e di mezzi, se ci saranno risultati, ma sopratutto se noi cittadini ci renderemo sempre più consapevoli dell’importanza vitale che assume la sconfitta di questo fenomeno negativo.

Ernesto Cadenelli
Vobarno ottobre 2019

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/02/2012 09:30:00
Movimenti bancari liberamente accessibili al fisco La lotta all’evasione fiscale si avvale anche di un nuovo provvedimento che consente al fisco di conoscere i movimenti bancari dei contribuenti.

24/04/2014 09:00:00
Due per mille ai partiti
Da quest'anno i contribuenti che presentano il 730 o il mod. Unico Pf, possono scegliere di destinare il 2 per mille dell'Irpef ad un partito politico


29/11/2011 18:10:00
Acconti ridotti: irpef e cedolare secca ridotte di 17 punti Il governo porta dal 99 all'82 per cento l'importo della seconda rata dell'acconto Irpef 2011 da versare entro domani 30 novembre.

19/07/2014 08:13:00
Il Governo non cambia verso! Ci scrive Emanuele Vezzola, sindaco di Gavardo e presidente dell'Associazione Comuni Bresciani, esprimendo il suo rammarico per la scarsa attenzione manifestata dal Governo nei riguardi dei Comuni


26/05/2015 07:00:00
IMU, TASI, TARI, IUC.....???!!!! Si avvicina la scadenza del 16 giugno per le prime rate  delle  imposte relative agli immobili residenziali e non, e con esse già si prevede qualche difficoltà.





Notizie da Politica e territorio
01/07/2020

Mascherina ancora per due settimane

In Lombardia obbligo di mascherina fino al 14 luglio. Dal 10 luglio via libera a calcetto e discoteche. Fontana: “Fa caldo ma parere dei virologi è mantenere precauzioni”

17/06/2020

Bando Distretti del Commercio e ricostruzione economica urbana

Da Regione Lombardia 22 milioni per sostenere i Distretti del commercio, uno sforzo per rilanciare l’economia post-Covid

12/06/2020

Maniva, si passa

E’ stato riaperto al traffico, dopo la pausa invernale, il tratto della 345 “Tre Valli” fra il Maniva e Crocedomini.
VIDEO


11/06/2020

Pacchi alimentari ai Comuni bresciani

Supera quota 1000 la fornitura di Coldiretti alle amministrazioni comunali bresciane, un’alleanza con il territorio per fornire prodotti agroalimentari made in Italy alle famiglie in difficoltà

05/06/2020

Tamponi gratis per tutti

E’ quello che hanno chiesto 65 sindaci bresciani scrivendo a Fontana e Gallera. Al massimo il pagamento del tiket. Quattro i firmatari valtrumplini

03/06/2020

Rilancio della montagna bresciana

Visit Brescia promuove tre incontri online per ciascuna delle Valli Bresciane per elaborare piani di rilancio “su misura” per promuovere il territorio e attrarre turisti

28/05/2020

I sette di Montagna che avanza

“Montagna che Avanza è il gruppo, prendersi cura è il motto!” così si presentano su Instagram, social su cui è molto vivo il progetto

18/05/2020

Fase 2 bis in pillole

Da questo lunedì 18 maggio riprendono in tutta Italia gran parte delle attività commerciali aperte al pubblico. In Lombardia permangono alcune restrizioni. Tornano anche le messe coi fedeli.

17/05/2020

«Uno sguardo sul territorio»

Dal Civile alla Poliambulanza, passando per AiutiAMOBrescia. Facciamo il punto coi protagonisti. E’ la proposta “Made in Caino” con uno sguardo sull’itera provincia. Questo lunedì sera in diretta su Youtube

09/05/2020

Ok a manutenzione e cura dei capanni da caccia

Una nota della Prefettura di Brescia conferma che fra le attività consentite nella Fase 2 rientrano anche quelle di pulizia delle aree degli appostamenti da caccia

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier