Skin ADV
Domenica 24 Gennaio 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



15 Ottobre 2012, 10.00

Pillole di psicologia

Paura del buio: come combatterla?

di Erregi
La paura del buio fa parte di quelle fobie che si sviluppano gi dal sesto mese di vita: i bambini si rendono conto dell'esistenza del mondo che gli circonda e riescono a sono in grado di distinguere fra situazioni sicure e di pericolo.
 
Anche se di pochi mesi, i bambini hanno già avuto delle esperienze: nel periodo della crescita si impara molto dall'osservazione dell'ambiente circostante e dalle altre persone e, da qui, viene la capacità di distinguere situazioni potenzialmente pericolose o di disagio.
 
Il buio, che porta con sé l’incapacità di distinguere segni o sintomi di eventuali pericoli, fa quindi nascere la paura: il bambino o, in molti casi, l’adulto, si sente vulnerabile, cieco e immobile davanti a…davanti a cosa? Questo dipende: nel buio le grandi paure dell’uomo prendono forma, specie se si tratta di soggetti adulti o bambini oltre i 5 anni.
 
E che fare, quindi? Innanzitutto dimenticate l’idea di lasciare al bambino la luce accesa: che succederà quanto diventerà più grande o quando deciderete che è pronto per dormire al buio? L’avrete ormai abituato al fatto che la lucetta sopra al letto sia la normalità e, di colpo, gli toglierete certezze, alimentando la paura stessa.
 
Non che ci sia qualcosa di sbagliato, nella paura, anzi: se l’uomo non  provasse timore si troverebbe in costante pericolo, sarebbe del tutto privo di istinto di sopravvivenza e conservazione e si caccerebbe nei guai inconsapevolmente e con grande frequenza.
 
Ma esistono soluzioni alla fobia del buio? La cosa importante, innanzitutto è non creare falsi timori nel bambino. Farlo dormire nel letto con mamma e papà non è sempre una buona idea: più a lungo i nostri figli dormiranno nel nostro letto più difficilmente riusciranno a dormire da soli.
 
Sarebbe meglio, quindi, abituarli da piccoli a dormire nella loro stanza in modo che prendano confidenza con l'ambiente, nei giorni in cui dovessero avere paura potrebbe essere più utile che uno dei due genitori andasse a dormire nella camera del figlio più che farlo andare a dormire nella camera dei genitori.
 
Quando il bambino ha paura e il genitore va a dormire nella sua stanza, un'altra cosa utile è dialogare con il bambino nel caso sentisse qualche rumore a lui sconosciuto, spiegandogli da cosa è causato si evita che associ i rumori a pensieri che potrebbero fargli paura.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
16/08/2012 08:00
Vacanze, mare e ... idrofobia In termini tecnici, la paura dell'acqua, idrofobia o talassofobia, l'avversione anomala ed ossessiva per i liquidi e, in particolare per l'acqua. Ne soffrono in maniera moderata in molti.

06/08/2012 08:00
E se l’aereo mette paura? L'aerofobia, insieme a pi leggere ansie da volo sono una realt pi che diffusa, che coinvolge oltre il 50% dei turisti che viaggiano in aereo. Molte sono le spiegazioni e, fortunatamente, anche le soluzioni

27/03/2015 14:22
Dall'uso di Internet alla dipendenza da Internet Oggi l’accesso alla rete è sempre più facile e frequente, riguarda adolescenti, adulti e persino bambini. Come riconoscerne gli eccessi?


22/11/2020 17:56
Bambini ancora senza diritti e infanzia inascoltata “Non riesco a immaginarmi come sarò da grande”. “Ci stanno mettendo paura. Ma tutti hanno paura del futuro”... E non sono i bambini del Covid


02/07/2012 09:00
Il pericoloso buio delle gallerie al Passo del Cavallo Nei tunnel che consentono di scavallare il passo tra Valtrompia e Valsabbia l'illuminazione troppo spesso manca, anche dopo le riparazioni effettuate dalla Provincia. Una situazione troppo pericolosa per automobilisti, centauri e ciclisti



Notizie da Pillole di psicologia
22/11/2020

Bambini ancora senza diritti e infanzia inascoltata

“Non riesco a immaginarmi come sarò da grande”. “Ci stanno mettendo paura. Ma tutti hanno paura del futuro”... E non sono i bambini del Covid


07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

27/03/2015

Dall'uso di Internet alla dipendenza da Internet

Oggi l’accesso alla rete è sempre più facile e frequente, riguarda adolescenti, adulti e persino bambini. Come riconoscerne gli eccessi?


20/02/2015

Gli uomini pensano solo al sesso? E' colpa dell'evoluzione

A spiegare perché è uno studio che arriva dalla Norvegia

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


09/11/2014

Il Potere Metabolico dell'Integratore C - Consapevolezza

La Consapevolezza ha un profondo impatto sul corpo umano


28/10/2014

No alla coppia «sfogatoio»

Evita di riversare sul partner tutti i tuoi problemi di lavoro e proteggi la coppia dai fatti che non la riguardano, o la magia della relazione verrà meno

18/09/2014

La donna in menopausa

La menopausa indica il termine della fertilità e della capacità di concepire, è associata generalmente a cambiamenti importanti del fisico e del benessere psicologico, che possono alterare la routine della vita quotidiana

28/08/2014

Dai spazio alle intuizioni: «illuminano» il cervello

Le intuizioni sono "doni" del cervello che spesso vengono ignorati; se ascoltate possono migliorare la qualità della nostra vita



17/08/2014

La depressione

La depressione è un disturbo del tono dell'umore con conseguenze importanti sulla vita di chi ne è colpito a livello  lavorativo, sociale e familiare

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier