Skin ADV
Mercoledì 03 Giugno 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





19 Maggio 2013, 09.10

Psicologia e benessere - Cibo e desiderio /2

Voglie dispersive e associative

di Gianpiero Rossi
In questo secondo articolo lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi passa in rassegna voglie che drenano la salute e diminuiscono l'energia e voglie associative con le quali scopriamo qualcosa di più profondo
 
Prosegue con questo secondo articolo l'articolata riflessione di Gianpiero Rossi sulle voglie legate al cibo.
 
VOGLIE DISPERSIVE
Un desiderio dispersivo è un desiderio di un cibo che drena la salute e diminuisce la nostra energia. Anche se l'intensità di un desiderio dispersivo può essere forte come l'intensità delle Voglie di Supporto (per vedere il precedente articolo clicca qui), gli effetti di cedere a tali voglie conducono a sensazioni di pesantezza, assenza di energia e senso di colpa.
 
Abbiamo tutti il sospetto che a lungo certi cibi produrranno una reazione avversa, soprattutto se consumati in eccesso: zucchero, alcool, cibi fritti e cibo spazzatura sono alcuni esempi evidenti. Com’è possibile che non riusciamo a desiderare qualcosa di utile, ma bramiamo per qualcosa di nocivo? Se il corpo è così naturalmente saggio, basti vedere la sua inimitabile capacità biologica, come può essere ingannato in modo così stupido dalla mente? La risposta sta nella natura del desiderio.
 
La vita stessa è un anelito continuo. Abbiamo voglia di senso, di scopo, di amore, di realizzare i nostri desideri. Attraverso le numerose difficoltà e gli ostacoli che abbiamo di fronte, i nostri desideri possono diventare distorti. Il desiderio naturale per la forza interiore può diventare una costrizione per il potere sugli altri. L'anelito di amore può essere trasformato in un tentativo disperato di ottenere l'approvazione da tutti quelli che incontriamo. Il desiderio di autorealizzazione può diventare un'ossessione per accumulare denaro e prestigio.
 
Anche il corpo brama. Brama per il cibo, l'acqua, il tatto, la sensualità. Si desidera vitalità attraverso le cose dolci, gustose e qualunque cibo che stimoli ed ecciti i sensi per avere un'esperienza intensa.
 
E proprio come i desideri psicologici possono distorcersi, così pure quelli biologici. Un desiderio dispersivo è un desiderio distorto nel corpo. Il corpo è letteralmente indotto al consumo eccessivo di sostanze nocive per un immediato sollievo, come se fosse utile. Come chi fuma per l’idea di calmarsi. O di ricorrere ai dolci per lo stesso motivo.
 
Il corpo si acceca di fronte a sostanze o esperienze potenti che promettono piacere, come la forte quantità di alcool, zucchero, e altro ancora. La linea di fondo è questa: proprio come il cuore può cercare l'amore in tutti i posti sbagliati, può farlo anche il corpo. Entrambi si possono facilmente sedurre.
 
 
VOGLIE ASSOCIATIVE
Un desiderio associativo è un incrocio tra gli altri due. Accade quando abbiamo nostalgia per un alimento che ha una ricca, profonda e significativa associazione con il nostro passato. Per esempio, molte persone riferiscono che durante la visita ai genitori o ai nonni, improvvisamente rivogliono gli alimenti dalla loro infanzia.
 
Una donna di mezza età desidera gli spaghetti col ragù e polpette di carne ogni volta che visita la sua madre anziana. Se lei non vede sua madre, non penserebbe nemmeno a questi piatti. Eppure, ogni volta che i suoi ricordi d'infanzia sono scatenati, spiega che "sente come se le sue papille gustative passassero dentro una macchina del tempo".
 
Mangiare questo cibo è come ricongiungersi con la madre e il suo ambiente di sempre. Le voglie associative sono spesso le più difficili da affrontare perché siamo incerti sul fatto che siano utili o no. Per esempio, gli alimenti della nostra infanzia possono essere di valore nutritivo discutibile, ma mangiarli ci fa sentire bene. Cedendo a un tale desiderio si può visitare il nostro passato e rivivere sentimenti che possono portare un sollievo o guarigione affettiva, indipendentemente dalla inferiorità nutrizionale degli alimenti. La biologia e la nostalgia possono fare di un pasto un momento affascinante.
 
Credo che spesso, quando ci muoviamo attraverso i nostri attaccamenti, non importa quanto gustosi e innocui possano sembrare, scopriamo qualcosa di più profondo. Potremmo essere costretti a passare attraverso qualche disagio o dolore, o lacrime inspiegabili e forse anche un po’ di rabbia. Al di là della terra del disagio, il posto che perdiamo quando ci si blocca sulle nostre voglie preferite, è un luogo chiamato pace interiore. E’ un posto che vive in ognuno di noi, ma a volte non è raggiungibile.
 
Non possiamo sempre ottenere la pace interiore in un colpo solo. A volte, abbiamo solo bisogno di prendere il sentiero più sinuoso e imprevedibile attraverso i nostri desideri, le nostre aspirazioni, stare in contatto per qualche minuto prima di cedere a essi, per sentirli e decidere in sintonia con la saggezza del nostro corpo sul da farsi. Questa potrebbe essere la strada delle maggiori scoperte.
 
 
Gianpiero Rossi
Psicoterapeuta presso Studio di Medicina Clinica
Lumezzane - tel. 030 82 64 09
Body Mind Center, Salò - tel. 0365 21 318
gprossi@intelligenza.it 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/05/2013 09:30:00
Quante voglie abbiamo? In questo primo articolo sul rapporto tra cibo e desiderio lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi passa in rassegna l'aspetto nascosto delle voglie che, ascoltate in profondo, spesso possono mandarci nella direzione di una sana scelta nutrizionale

31/10/2013 09:46:00
Come dimagrire usando la consapevolezza Nella prima parte di questo articolo (la seconda sabato 2 novembre) lo psicoterapeuta Gianpiero Rossi riflette sul "come fare" per non eccedere nel nel mangiare, ascoltando in profondità ciò che l'eccesso di cibo ci sta dicendo

01/01/2015 12:02:00
Che cosa fare se hai esagerato? E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo


02/10/2013 09:30:00
Il potere del mangiare consapevoli "Come dimagrire con la vera soddisfazione" è il sottotitolo del post settimanale di Gianpiero Rossi, poiché la digestione inizia nella mente, requisito nutrizionale completo per avere più consapevolezza e quindi meno appetito

07/12/2014 08:39:00
Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione? Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali




Notizie da Psicologia e benessere
08/06/2015

Gestisci le abitudini, se vuoi dimagrire

Se sei un essere umano e non un robot, hai anche tu delle abitudini. Alcune di queste abitudini ci piacciono, mentre altre ci assillano perché sono nocive, non si perdono facilmente e fanno fallire moltissimi metodi per dimagrire

25/05/2015

La presenza mentale, non solo col cibo

La «presenza mentale» va sviluppata non solo a contatto con il cibo come rimedio per chi rischia di non percepire né la qualità né la corretta quantità

06/04/2015

Altri due nuovi consigli inaspettati per migliorare la digestione

Li definisco inaspettati perché molte volte i consigli relativi al miglioramento della digestione si concentrano sul prendere aiuti digestivi e integratori di vario genere. Questi sono un po' diversi

22/03/2015

Due consigli inaspettati per una digestione efficace

La buona digestione è sempre più difficile in questi tempi. Se non hai ancora colto le dimensioni di questo problema alimentare, allora è il momento di iniziare a seguire il programma. La salute comincia nel tratto digestivo.

03/01/2015

Il paradosso dell'abbondanza

L’abbondanza di cibo, che contraddistingue specialmente il periodo delle feste, contribuirà a peggiorare l'epidemia di obesità che colpisce anche noi italiani o a contribuire al nostro sovrappeso

01/01/2015

Che cosa fare se hai esagerato?

E adesso? Importante è non colpevolizzarsi e prestare attenzione a quello che ci dice il nostro corpo


19/12/2014

Come superare indenni le gozzoviglie di fine anno

Nessuno vuole la polizia sul cibo nelle feste natalizie e di fine anno. E, francamente, io per primo non sono interessato a messaggi di moderazione proprio in questi giorni

07/12/2014

Nutrizione ed evoluzione personale, quale connessione?

Gianpiero Rossi ci ha già accompagnato nell'analisi del nostro rapporto di tipo emozionale col cibo. In questo caso si sofferma invece sugli aspetti più propriamente nutrizionali


15/11/2014

Separazione: come ragiscono i figli?

La separazione si configura come evento protratto nel tempo e spesso molto conflittuale. Perché la separazione risulta difficile? I figli risentono della separazione?

18/05/2014

Aiuti e consigli per trattare la depressione/2

Si completa con altri quattro consigli l'articolo dello psicoterapeuta triumplino Gianpiero Rossi attorno al problematico fenomeno della depressione

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier