Skin ADV
Mercoledì 14 Novembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






26 Giugno 2014, 09.10

Lettere

La speranza di cambiare il Paese

di Celso Vassalini
La lettera di un lettore rifeltte sul risultato elettorale dello scorso 25 maggio e sulla speranza che le riforme (in italia e in Europa) possano finalmente cambiare il destino del Paese 

Cortese Direttore,

il successo ottenuto dai democratici alle elezioni del 25 maggio scorso è un risultato bellissimo ma è anche un investimento su ciascuno di noi: ci carica di una responsabilità spaventosa.

Un’attestazione di speranza da parte dei cittadini nei confronti delle nostre città, che vogliono cambiare l’Italia. Nel 40,8% dei consensi non c’è solo un buon risultato del Pd-pse, del governo, di un singolo o gruppo dirigente. È molto di più: un’attestazione di speranza sconvolgente.

Sulle battaglie in Europa o contro burocrazia, ma come lettura del voto, l’unica carta che il Pd-pse deve giocare nei prossimi mille giorni è una gigantesca sfida educativa, culturale, di rilancio di Brescia e del Paese che parta dalla scuola, la cultura, l’innovazione-ricerca. 

Se lo consideriamo come un investimento per provare a cambiare l’Italia, diventa il modo per ripartire consapevoli di ciò che è accaduto. Sul breve periodo in Italia si deve combattere la disoccupazione giovanile sconvolgente e recuperare speranza, entusiasmo, perché c’è tanta domanda di bella Italia nel mondo, c’è tanta voglia di un’Italia che torni a correre ed esprimere speranza.

Su tre temi dovranno giocare i dirigenti del partito, la battaglia delle prossime settimane: l’Europa, la disoccupazione «sconvolgente» giovanile e una «gigantesca campagna» per l’educazione e la scuola. Siamo a un bivio. Basta col piccolo cabotaggio e la tribuna da offrire al politico di turno. 

Avanti, Avanti con le “RIFORME”… entriamo nella Terza Repubblica.. una nuova primavera per l’Italia… con orgoglio. Nel breve periodo, prima del semestre europeo, c’è un elenco imbarazzante di cose da fare: la riforma pubblica amministrazione, che si collega alla riforma del terzo settore, e la riforma della Giustizia. Il risultato elettorale è un investimento per cambiare l’Italia.

Ma se non siamo nelle condizioni di modificare l’impostazione dell’Europa, è una delle più grandi occasioni che abbiamo perduto. Nel 40,8%, non c’è solo un buon risultato del PD-pse, del governo, di un singolo o gruppo dirigente. È molto di più: un’attestazione di speranza sconvolgente si è in Europa non per farsi spiegare cosa dobbiamo fare.

Ma per proporre con rispetto delle soluzioni che parlino di più alle imprese e alle famiglie e un po’ meno a chi vive di rendita. Dalla crisi esci se prendi questo 40,8% e hai il coraggio di fare l’unica grande vera rivoluzione, che è quella educativa, partendo dalla scuola.

Quel 40,8% è davvero in buone mani”. “I Democratici hanno in mente un’Italia che cambia radicalmente, che mette al centro l’educazione, la formazione, il lavoro, la semplificazione burocratica. Mette al centro le riforme, quelle costituzionali, quella elettorale, quella della giustizia, del fisco”.

Avanti con le riforme. Adesso spetta a noi dimostrare di essere all’altezza della promessa di innovazione. Se condurremo questa battaglia insieme, ce la faremo”. Con il 40,8% possiamo e dobbiamo fare le riforme.
 
Celso Vassalini
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
10/07/2013 09:13:00
Una consultazione pubblica sulle riforme costituzionali C'è tempo fino al prossimo 8 ottobre per aderire all'iniziativa "Partecipa!" lanciata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, ossia la compilazione di un questionario online tramite il quale esprimere il proprio parere in vista delle riforme costituzionali da attuare

17/11/2011 14:00:00
Riforma elettorale, mafia voto di scambio e voto segreto Fra le riforme da fare, per garantire maggior democrazia nella scelta di chi governa, c'è quella della legge elettorale

06/03/2015 14:35:00
Anonimi? Basta! Caro Direttore, devo confidarti che non sono mai riuscito ad entrare in sintonia con la novità dell'anonimato...

07/09/2014 06:35:00
Attenti a quei rimborsi Una lettrice ci informa che le modalità per chiedere il rimborso della tariffa di depurazione non dovuta in alcuni casi sono poco chiare


11/08/2014 06:55:00
Galeotto fu... il racconto del lunedì Egregio Direttore, so che non è suo costume pubblicare lettere anonime, ma in questo caso particolarissimo le chiedo un’eccezione



Notizie da Lettere al direttore
19/06/2015

Giorinox e il concordato

Ci scrive Alessandro Franzini, affermando di una "manovra" della storica azienda, per levarsi da parecchi guai che la stanno assillando, con la complicità di una legge che "non sarebbe proprio uguale per tutti". Pubblicheremo volentieri eventuali posizioni diverse


24/05/2015

Quanto è importante lo screening

Caro direttore, alcuni giorni fa mi sono recato presso gli Spedali Civili di Brescia per effettuare il periodico controllo semestrale (follow-up in termine medico) che eseguo dal 2011 anno in cui mi operarono per un tumore al retto...

17/04/2015

Animalista o ecoterrorista?

Da un paio d’anni a questa parte stiamo assistendo ad un fenomeno piuttosto preoccupante, destinato a segnare una profonda spaccatura tra il mondo delle “città” e il mondo della “campagna”

30/03/2015

Quella settimana corta

Egr. Direttore, Le trasmetto una lettera che Le chiedo di pubblicare in merito ad un tema parecchio dibattuto in questi giorni: la eventualità di introdurre la settimana corta nelle scuole superiori bresciane a partire dal prossimo anno scolastico



06/03/2015

Anonimi? Basta!

Caro Direttore, devo confidarti che non sono mai riuscito ad entrare in sintonia con la novità dell'anonimato...

21/02/2015

«Serve l'arbitrato internazionale»

Un lettore di Bovezzo di invia questa "lettera aperta al Presidente della Repubblica" in nome del Movimento Famiglie Italiane, in merito alla vicenda dei due marò fatti prigionieri in India


15/02/2015

Doppia violazione a Tindouf

Ci scrive Sara Baresi, presidente di Protea, associazione che si occupa di diritti umani e che ci segnala delle incongruenze in merito all'utilizzo degli aiuti umanitari destinati al popolo saharawi, argomento che abbiamo qui più volte trattato


06/01/2015

Pino Daniele, tra Napoli e il Blues

Caro direttore, data la sua scomparsa, ho sentito il bisogno di scrivere queste righe su Pino Daniele, musicista che ho amato senza mezze misure. Me le pubblica?


07/10/2014

Quale «onore» per un prestito?

Il "Prestito d'onore", come ci segnala questo lettore, proposta per incentivare l'iniziativa privata, ha prestato il fianco a persone che senza troppi scrupoli ne hanno e ne stanno ancora approfittando


07/09/2014

Attenti a quei rimborsi

Una lettrice ci informa che le modalità per chiedere il rimborso della tariffa di depurazione non dovuta in alcuni casi sono poco chiare


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier