Skin ADV
Martedì 26 Maggio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



18 Luglio 2012, 09.00
Valtrompia
Ambiente

Il lavoro di Asvt per la depurazione di Valle

di Andrea Alesci
Il presidente Diego Toscani risponde alle polemiche sollevate la scorsa settimana da un comunicato stampa della Lega Nord nel quale l'azienda di Valle veniva sollecitata a fare di più e in maniera più celere per la realizzazione dei depuratori
 
Chiaro, deciso e fortemente determinato com’è tipico dei valtrumplini. Così si è dimostrato Diego Toscani, presidente di Asvt, nell’intervenire a seguito delle polemiche sollevate nei confronti dell’azienda di Valle dai vertici della Lega Nord nei giorni scorsi.
 
Asvt sta lavorando con grande impegno sul progetto della depurazione di Valle. Su questo non ci deve essere alcun dubbio, perché è un progetto che Asvt ha proposto per prima ai sindaci della Valle un anno e mezzo fa alla luce dell’evidente difficoltà nel risolvere il problema, conferendo al depuratore di Verziano i reflui”.
 
Una difficoltà non certo riconducibile ai comuni della Valle, che anzi si sono impegnati negli anni a realizzare il collettore investendo oltre 20 milioni di euro.
 
“La difficoltà – prosegue Diego Toscani – è stata della Provincia e della città di Brescia, entrambe amministrate dalla Lega. Asvt è passata in brevissimo tempo dalle parole ai fatti, come si conviene a un’attività imprenditoriale che è a tutti gli effetti il braccio armato della Valtrompia, dove l’operosità è sempre stata una caratteristica peculiare ben prima dell’avvento del Carroccio. L’Autorità d’ambito, guidata dal leghista Dotti, che si è sempre dimostrato molto disponibile, dopo gli studi di fattibilità realizzati dall’azienda a proprie spese e senza nessun tipo di certezze, ha confermato a novembre 2011 la possibilità concreta di spostare gli investimenti per la depurazione in Valle. E in soli sei mesi Asvt ha studiato 20 soluzioni diverse che sono state discusse e approfondite più volte con i sindaci”.
 
Ad oggi sul tavolo le soluzioni sono due o tre, e il lavoro di definizione tecnico di Asvt è pressoché terminato. Ora sta alla politica compiere la scelta e dare inizio all’iter operativo di un’opera che potrebbe comportare al massimo un investimento di 70 milioni di euro, di cui 23 già stanziati dalla Provincia, e che una volta dato l'ok sarà verosimilmente completato nell'arco di due anni.
 
“Noi ci abbiamo messo sei mesi – continua il presidente di Asvt – per risolvere un problema che la Lega Nord non ha risolto in dieci anni. Non compete poi ad Asvt la scelta finale, bensì ai comuni, ed è comprensibile la difficoltà di un amministratore locale ad accettare sul proprio territorio un’opera così significativa (vedi le resistenze del sindaco di Villa Carcina, ndr). Da questo punto di vista ci sentiamo di tranquillizzare amministratori e cittadini: le opere saranno a basso impatto ambientale, poco visibili, per niente udibili, sigillate per evitare cattivi odori. Le aree che stiamo prendendo in considerazione sono distanti dalle abitazioni (per legge almeno 100 metri) e non utilizzabili per scopi residenziali.
 
Tutto è stato finora fatto con la massima attenzione. Stupisce quindi che i vertici della Lega si accorgano solo ora del problema e lo facciano nel modo peggiore, cioè attaccando chi il problema lo sta risolvendo. Le vicende nazionali evidentemente non insegnano nulla: è ora di finirla con la speculazione politica, si devono dare risposte ai problemi, non fare campagna elettorale permanente. L’intervento leghista mira invece a dividere, critica, rompe e non costruisce nulla, non fornisce indicazioni né soluzioni, non aggiunge nulla a quanto già si sapeva, ed è ridicolo se si considera che viene da chi il problema non ha saputo risolverlo”.
 
Precisazioni doverose da parte dei vertici Asvt e un invito per le segreterie politiche al senso di responsabilità, perché nessuno si affanni ad accaparrarsi i meriti della soluzione prima che la soluzione sia operativa.
 
“Quello che mi sento di aggiungere – chiude Toscani – è di lasciare lavorare l’azienda e i suoi collaboratori, che hanno affrontato con entusiasmo e impegno la possibilità di restituire acque pulite alla Valle. Questa soluzione rappresenta anche un pezzo di futuro dell’azienda: ricordo anche che l’intervento porterà decine di milioni di euro di investimenti in Valle e mi auguro che il coordinamento di questi investimenti rimanga in Valle, nelle mani dei sindaci eletti dai cittadini, che ai cittadini rispondono direttamente”. 
 
Le possibili aree per i depuratori sono state individuate, così come quelle per la microdepurazione in Alta Valle. Ora la decisione rimane prettamente politica, con i sindaci chiamati a riunirsi e decidere entro la prima decade di agosto, per dare il la a un'opera troppo importante per la salute ambientale della Valtrompia e dei suoi abitanti.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
09/07/2012 08:00:00
La Lega Nord fa la voce grossa per i depuratori di Valle Nei giorni scorsi la sezione locale del Carroccio coordinata da Matteo Micheli ha fatto quadrato insieme ai propri vertici attorno alla questione depurazione, puntando il dito contro le prese di posizione del sindaco di Villa Carcina e sulla gestione adottata da Asvt

11/06/2012 09:45:00
La Valtrompia avrà due depuratori Positivo l'incontro di mercoledì 6 giugno in Comunità montana, con la presenza dei Comuni triumplini, Provincia, Asvt, Ato, A2A e la ferma intenzione di sfruttare i 23 milioni di euro provinciali per la depurazione. Entro agosto l'individuazione dei due siti per gli impianti

13/07/2012 08:49:00
Asvt al centro delle polemiche per il depuratore Una vicenda vecchia di 40 anni, quella del depuratore per la Valtrompia, che solleva nubi di polemiche: questa volta, al centro del polverone c'è Azienda servizi Valtrompia

25/03/2012 11:00:00
Differenziare è il diktat di Asvt Questo l'imperativo che sta dietro le linee guida dell'Azienda che ha in carico la gestione dei rifiuti per gran parte dei COmuni triumplini. Un piano che il presidente Diego Toscani ha ben chiaro in mente

28/05/2013 11:25:00
Un convegno per far luce sulla depurazione in Valtrompia Domenica Villa Glisenti ha ospitato il dibattito promosso dal "Comitato per la tutela di Gobbia e Mella" sullo stato di salute dei fiumi triumplini con interventi dei tecnici Arpa, di Marco Zemello (Aato) e di Diego Toscani di Asvt attorno a un depuratore che potrà divenire realtà



Notizie da Valtrompia
23/05/2020

Multinazionali estere a Brescia

L’analisi, realizzata dall’Ufficio Studi e Ricerche Aib, ha riguardato le realtà manifatturiere, società di capitali, con fatturato superiore a 1 milione di euro, comprendendo partecipazioni di controllo e minoritarie (ma sopra il 25%). In provincia sono 103 le imprese locali a partecipazione estera, con un volume d’affari di 3,6 miliardi di euro

18/05/2020

Fase 2 bis in pillole

Da questo lunedì 18 maggio riprendono in tutta Italia gran parte delle attività commerciali aperte al pubblico. In Lombardia permangono alcune restrizioni. Tornano anche le messe coi fedeli.

17/05/2020

«Uno sguardo sul territorio»

Dal Civile alla Poliambulanza, passando per AiutiAMOBrescia. Facciamo il punto coi protagonisti. E’ la proposta “Made in Caino” con uno sguardo sull’itera provincia. Questo lunedì sera in diretta su Youtube

12/05/2020

Ritornano le messe con i fedeli

A partire da lunedì 18 maggio sono di nuovo ammesse le celebrazioni con la presenza dei fedeli, rispettando le indicazioni del Protocollo firmato fra Governo e Cei. Ulteriori indicazioni dalla diocesi

12/05/2020

Una rilettura sapienziale dell'esperienza vissuta

È quanto chiede il Vescovo di Brescia, mons. Tremolada alle comunità della diocesi nel camino di ritorno alla normalità della vita delle parrocchie dopo la dura esperienza della pandemia

09/05/2020

Pasini: «Covid-19 e infortunio sul lavoro: una norma gravissima e anti-impresa»

La legislazione di emergenza epidemiologica da Covid-19 contiene una norma (art. 42, d.l. 18/2020) che equipara l’infezione da Coronavirus ad infortunio, se contratta in occasione di lavoro

09/05/2020

Ok a manutenzione e cura dei capanni da caccia

Una nota della Prefettura di Brescia conferma che fra le attività consentite nella Fase 2 rientrano anche quelle di pulizia delle aree degli appostamenti da caccia

09/05/2020

Sì agli sport individuali

La nuova ordinanza di Regione Lombardia consente fino al 17 maggio di praticare gli sport individuali all'aperto e all’interno di centri sportivi

08/05/2020

Vota i tuoi Luoghi del Cuore

FAI e Intesa Sanpaolo invitano i cittadini a partecipare alla decima edizione del censimento che mira a premiare i luoghi più votati - per ora solo via web - e a promuoverne gli interventi e i progetti di valorizzazione

04/05/2020

Fase 2 in pillole

Cosa cambia da questo lunedì 4 fino a domenica 17 maggio? Fra Dpcm e ordinanze di Regione Lombardia ecco un piccolo sunto delle disposizioni

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier