Skin ADV
Lunedì 25 Maggio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



27 Novembre 2019, 16.02

L'opinione

L'Italia sostiene la guerra

di Valsabbin* Refrattar*
Missioni militari in paesi dai quali partono poi le migrazioni degli ultimi decenni e vendita di armi e fornitura di tecnologie militare a paesi in guerra colpevoli di crimini contro l'umanità. Ecco come l'Italia disattende l'articolo 11 della Costituzione

"L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo."

L'Italia, oggi, ha impiegato più di 6000 militari in 40 missioni militari tra cui 24 di occupazione di stati liberi delle quali Libia, Somalia, Niger, Afganistan, Iraq e Libano, missioni causa delle migrazioni degli ultimi decenni.

Il costo annuo per le spese militari
è pari a 27 miliardi di euro ovvero un obolo di 70 milioni al giorno, spese in costante aumento in questi ultimi anni. Una cifra astronomica, che equivale al costo di una manovra economica, pari a vari multipli del costo sostenuto per la manovra degli 80 euro, il cosiddetto reddito di cittadinanza o la quota 100.

Un costo anche sociale, che inquina l'economia e le imprese costringendole alla produzione di armamenti e bloccandola poi con la scusa del ricatto occupazionale, ci si informi sull'attività degli stabilimenti della Leonardo o della RWM in Sardegna e Ghedi, e sulle recenti mobilitazioni portuali a Genova, e che inquina anche la scuola, con le università che si trasformano in fucine finalizzate alla programmazione e progettazione dei più raffinati sistemi tecnologici di morte,

Basterebbe solo questo stillicidio di dati per farci rendere conto di quanto la costituzione venga puntualmente disattesa per degli interessi economici e l'articolo 11 non fa certo eccezione.

L'Italia promuove la vendita di armi e la fornitura di tecnologie militare a paesi in guerra e colpevoli di crimini contro l'umanità come l'Arabia Saudita impiegata in un terribile guerra in Yemen, e la Turchia, con la fornitura dei micidiali elicotteri A129 Mangusta, fiore all'occhiello della Leonardo,  in grado di sparare più di 600 colpi al minuto e che proprio in questi giorni sta portando avanti un offensiva contro le popolazioni del Rojava, il territorio curdo nel nord est della Siria.

Proprio la Turchia che grazie anche alle armi italiane sta attuando una pulizia etnica contro un territorio impotente e con l'ennesima minoranza, quella dei curdi.

Vittime come sempre, civili e bambini.

I curdi sono popolazione multietnica che negli anni recenti oltre ad aver combattuto e sconfitto daesh  ha dato prova della capacità di costruire una società diversa, nella quale l'uguaglianza delle diversità è elemento fondante e la democrazia qualcosa di tangibile, tanto da mettere in vita molteplici progetti umanitari e ugualitari all'interno del confederalismo democratico.

L'Italia di fronte a questa ennesima guerra ha cercato di salvare la faccia dichiarando, successivamente ad altri stati europei, di avere sospeso la vendita forniture militari alla Turchia, embargo tardivo e ipocrita che ci fa davvero riflettere sulle responsabilità e sui reali interessi che muovono queste scelte.

Perché gli interessi economici impongono costante espansione, impongono avanzamento oltre ogni sentimento, umanità, senso, oltre ogni vita e la guerra è il modo migliore per fare avanzare sempre questa crescita.

Potrebbe essere per questo che sostenere la guerra Turca contro una società impotente venga giustificato come chissà quale progetto politico internazionale o con la lotta a dei fantomatici terroristi, come vengono definiti i curdi dai turchi nonostante abbiamo contribuito a sconfiggere i veri terroristi dell'isis in quei territori.

Perché la ragion di stato, direzionata dalla ragione economica prevale su ogni senso di umanità, facendoci chiaramente comprendere la realtà, che l'Italia sostiene la guerra, l'ha sempre sostenuta e senza una chiara presa di posizione individuale la sosterrà, alla faccia di tutte le leggi, le morali e di tutti i pezzi di carta tra cui la costituzione...

Valsabbin* Refrattar*
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/12/2018 04:07:00
Arsenale casalingo Prosegue e allarga i suoi “orizzonti” l’indagine sulla compravendita di armamenti militari avviata dai carabinieri di Vestone. Scattano le manette anche per un 60 enne della Bassa


15/06/2013 10:08:00
I diritti umani delle donne africane in scena a Concesio Stasera alle 20.30 presso l'auditorium delle medie di Sant'Andrea Nella Bozzano mette in scena "The Cut - Lo strappo. Voci nella notte" scritto dalla giornalista Valentina Acava Mmaka, nata a Roma ma in Africa dall'età di otto mesi

19/09/2014 13:13:00
a Gardone le armi della Prima guerra mondiale Il Museo delle Armi e della Tradizione Armiera presenta la mostra "Le armi della Prima Guerra Mondiale. Gardone e la Valle Trompia nella Grande Guerra 1915-1918". Inaugurazione questo venerdì alle 18

10/12/2013 10:30:00
Il 'Primo Levi' partecipa al progetto mondiale 'Inside Out' Per le vie di Sarezzo e Lumezzane campeggiano poster in bianco e nero con visi di persone comuni fotografate dagli studenti dell'istituto "Primo Levi" per il progetto "Inside Out" sui diritti di cittadinanza dei minori nati in Italia da genitori stranieri

28/06/2014 09:30:00
Il Tar: 'No all'importazione di armi tipo guerra' Anche se finalizzata al collezionismo, l’arma qualificabile come "da guerra" non può essere immessa sul mercato civile italiano. Corretta dunque l'interpretazione del Banco di prova di Gardone VT




Notizie da Politica e territorio
18/05/2020

Fase 2 bis in pillole

Da questo lunedì 18 maggio riprendono in tutta Italia gran parte delle attività commerciali aperte al pubblico. In Lombardia permangono alcune restrizioni. Tornano anche le messe coi fedeli.

17/05/2020

«Uno sguardo sul territorio»

Dal Civile alla Poliambulanza, passando per AiutiAMOBrescia. Facciamo il punto coi protagonisti. E’ la proposta “Made in Caino” con uno sguardo sull’itera provincia. Questo lunedì sera in diretta su Youtube

09/05/2020

Ok a manutenzione e cura dei capanni da caccia

Una nota della Prefettura di Brescia conferma che fra le attività consentite nella Fase 2 rientrano anche quelle di pulizia delle aree degli appostamenti da caccia

09/05/2020

Sì agli sport individuali

La nuova ordinanza di Regione Lombardia consente fino al 17 maggio di praticare gli sport individuali all'aperto e all’interno di centri sportivi

04/05/2020

Fase 2 in pillole

Cosa cambia da questo lunedì 4 fino a domenica 17 maggio? Fra Dpcm e ordinanze di Regione Lombardia ecco un piccolo sunto delle disposizioni

01/05/2020

Buona Festa del Lavoro

Dal Prefetto di Brescia, Attilio Visconti, gli auguri ai rappresentanti del mondo sindacale e ai lavoratori bresciani per la ricorrenza del Primo Maggio in questo periodo di pandemia


01/05/2020

«Se vai dai nonni», da Regione decalogo per visita agli anziani

A partire da lunedì 4 maggio si potranno effettuare visite ai parenti. Per quanto riguardo la visita ai propri nonni, Regione Lombardia ha pubblicato una sorta di decalogo perchè avvengano in sicurezza

30/04/2020

Comunità montane, richieste per la Fase 2

Anche gli enti comprensoriali della montagna bresciana hanno affidato all'Uncem le richieste da presentare al governo per la ripartenza

30/04/2020

Pasini: «Dal 4 maggio il via verso una nuova normalità»

Il Presidente dell’Associazione Industriale Bresciana, Giuseppe Pasini, in una nota esprime tutte le preoccupazioni per la ripartenza delle attività produttive

28/04/2020

«Pacchetto famiglia», contributi straordinari per l'emergenza coronavirus

Regione Lombardia ha approvato la concessione di contributi straordinari a fondo perduto a favore di famiglie in situazione di temporanea difficoltà a seguito dell’emergenza COVID-19, finanziati con una dotazione complessiva di 16.500.000 euro

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier