Skin ADV
Giovedì 12 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



27 Novembre 2019, 16.02

L'opinione

L'Italia sostiene la guerra

di Valsabbin* Refrattar*
Missioni militari in paesi dai quali partono poi le migrazioni degli ultimi decenni e vendita di armi e fornitura di tecnologie militare a paesi in guerra colpevoli di crimini contro l'umanità. Ecco come l'Italia disattende l'articolo 11 della Costituzione

"L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo."

L'Italia, oggi, ha impiegato più di 6000 militari in 40 missioni militari tra cui 24 di occupazione di stati liberi delle quali Libia, Somalia, Niger, Afganistan, Iraq e Libano, missioni causa delle migrazioni degli ultimi decenni.

Il costo annuo per le spese militari
è pari a 27 miliardi di euro ovvero un obolo di 70 milioni al giorno, spese in costante aumento in questi ultimi anni. Una cifra astronomica, che equivale al costo di una manovra economica, pari a vari multipli del costo sostenuto per la manovra degli 80 euro, il cosiddetto reddito di cittadinanza o la quota 100.

Un costo anche sociale, che inquina l'economia e le imprese costringendole alla produzione di armamenti e bloccandola poi con la scusa del ricatto occupazionale, ci si informi sull'attività degli stabilimenti della Leonardo o della RWM in Sardegna e Ghedi, e sulle recenti mobilitazioni portuali a Genova, e che inquina anche la scuola, con le università che si trasformano in fucine finalizzate alla programmazione e progettazione dei più raffinati sistemi tecnologici di morte,

Basterebbe solo questo stillicidio di dati per farci rendere conto di quanto la costituzione venga puntualmente disattesa per degli interessi economici e l'articolo 11 non fa certo eccezione.

L'Italia promuove la vendita di armi e la fornitura di tecnologie militare a paesi in guerra e colpevoli di crimini contro l'umanità come l'Arabia Saudita impiegata in un terribile guerra in Yemen, e la Turchia, con la fornitura dei micidiali elicotteri A129 Mangusta, fiore all'occhiello della Leonardo,  in grado di sparare più di 600 colpi al minuto e che proprio in questi giorni sta portando avanti un offensiva contro le popolazioni del Rojava, il territorio curdo nel nord est della Siria.

Proprio la Turchia che grazie anche alle armi italiane sta attuando una pulizia etnica contro un territorio impotente e con l'ennesima minoranza, quella dei curdi.

Vittime come sempre, civili e bambini.

I curdi sono popolazione multietnica che negli anni recenti oltre ad aver combattuto e sconfitto daesh  ha dato prova della capacità di costruire una società diversa, nella quale l'uguaglianza delle diversità è elemento fondante e la democrazia qualcosa di tangibile, tanto da mettere in vita molteplici progetti umanitari e ugualitari all'interno del confederalismo democratico.

L'Italia di fronte a questa ennesima guerra ha cercato di salvare la faccia dichiarando, successivamente ad altri stati europei, di avere sospeso la vendita forniture militari alla Turchia, embargo tardivo e ipocrita che ci fa davvero riflettere sulle responsabilità e sui reali interessi che muovono queste scelte.

Perché gli interessi economici impongono costante espansione, impongono avanzamento oltre ogni sentimento, umanità, senso, oltre ogni vita e la guerra è il modo migliore per fare avanzare sempre questa crescita.

Potrebbe essere per questo che sostenere la guerra Turca contro una società impotente venga giustificato come chissà quale progetto politico internazionale o con la lotta a dei fantomatici terroristi, come vengono definiti i curdi dai turchi nonostante abbiamo contribuito a sconfiggere i veri terroristi dell'isis in quei territori.

Perché la ragion di stato, direzionata dalla ragione economica prevale su ogni senso di umanità, facendoci chiaramente comprendere la realtà, che l'Italia sostiene la guerra, l'ha sempre sostenuta e senza una chiara presa di posizione individuale la sosterrà, alla faccia di tutte le leggi, le morali e di tutti i pezzi di carta tra cui la costituzione...

Valsabbin* Refrattar*
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/12/2018 04:07:00
Arsenale casalingo Prosegue e allarga i suoi “orizzonti” l’indagine sulla compravendita di armamenti militari avviata dai carabinieri di Vestone. Scattano le manette anche per un 60 enne della Bassa


19/09/2014 13:13:00
a Gardone le armi della Prima guerra mondiale Il Museo delle Armi e della Tradizione Armiera presenta la mostra "Le armi della Prima Guerra Mondiale. Gardone e la Valle Trompia nella Grande Guerra 1915-1918". Inaugurazione questo venerdì alle 18

15/06/2013 10:08:00
I diritti umani delle donne africane in scena a Concesio Stasera alle 20.30 presso l'auditorium delle medie di Sant'Andrea Nella Bozzano mette in scena "The Cut - Lo strappo. Voci nella notte" scritto dalla giornalista Valentina Acava Mmaka, nata a Roma ma in Africa dall'età di otto mesi

10/12/2013 10:30:00
Il 'Primo Levi' partecipa al progetto mondiale 'Inside Out' Per le vie di Sarezzo e Lumezzane campeggiano poster in bianco e nero con visi di persone comuni fotografate dagli studenti dell'istituto "Primo Levi" per il progetto "Inside Out" sui diritti di cittadinanza dei minori nati in Italia da genitori stranieri

28/06/2014 09:30:00
Il Tar: 'No all'importazione di armi tipo guerra' Anche se finalizzata al collezionismo, l’arma qualificabile come "da guerra" non può essere immessa sul mercato civile italiano. Corretta dunque l'interpretazione del Banco di prova di Gardone VT




Notizie da Politica e territorio
06/12/2019

Santa Lucia del bilancio

Seduta interessante quella del Consiglio comunale attesa a Lumezzane per il 13 dicembre

04/12/2019

Nuovo Linfa Point, un negozio multifunzione

A Bovegno rinascono gli spazi della ex caserma della Forestale: apre i battenti il Curtense Beerstrò. Sabato 7 dicembre l’inaugurazione del negozio multifunzione e nuovo punto vendita dei prodotti locali del Circuito delle Valli Accoglienti e Solidali

25/11/2019

«Non credere che sia colpa tua, non sei sola»

La Polizia di Stato insieme alle donne per abbattere la violenza. I numeri delle denunce nel bresciano

22/11/2019

Al via i 3 nuovi Linfa Point

Inaugurazioni in programma sabato 23 novembre a San Colombano (Collio), il 30 a Livemmo (Pertica Alta) e il 7 dicembre a Bovegno per i nuovi negozi multifunzione che aumenteranno i servizi di Valle Trompia e Valle Sabbia

20/11/2019

Una nuova rete di assistenza agli anziani

L’invecchiamento della popolazione e la riduzione delle persone che forniscono assistenza aprono alcuni interrogativi sul futuro dei servizi per anziani


09/11/2019

A scuola di enogastronomia

Al Museo "Il Forno" continua la formazione per operatori turistici delle Valli Resilienti. Il prossimo appuntamento sarà dedicato all’enogastronomia

30/10/2019

Attentato nazista

Le associazioni partigiane di Brescia condannano l'attentato nazista di Collebeato


25/10/2019

Da sperone roccioso a collina erbosa

Prosegue l’opera di sistemazione dello smottamento avvenuto nei giorni scorsi sulla sommità del Colle di Sant’Eusebio

25/10/2019

A Matera una giornata evento sull'Italia delle aree interne

Le Valli Resilienti saranno protagoniste a Matera, Capitale Europea della Cultura 2019, in una giornata dedicata alle aree interne, per promuovere i modelli di intervento adottati attraverso il Programma AttivAree di Fondazione Cariplo per rilanciare le Valli Trompia e Sabbia.

16/10/2019

L'ipocrisia dell'ennesima guerra

Come avrete sicuramente letto proprio pochi giorni fa la Turchia ha dato il via alle operazioni militari, sia via terra che aria, contro la zona curda del Rojava, l'amministrazione autonoma conosciuta come curdistan siriano

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier