Skin ADV
Venerdì 29 Maggio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





14 Aprile 2012, 10.30

Lettere

Quel che si cela dietro la parola ¬ędebito¬Ľ

di Alberto Cartella
Nella riflessione/saggio del laureato in Filosofia Alberto Cartella si esaurisce il detto e non detto intorno al concetto di 'debito', vero e proprio pilastro linguistico e fattuale della nostra società moderna
 
Che cosa si nasconde dietro la parola “debito”? Si sente costantemente pronunciare da molte parti (non solo dagli economisti) e spesso √® data per scontata e ovvia; l’atteggiamento √® quello di chi pensa di sapere per certo una cosa, senza che venga messa in discussione. Spesso sentiamo dire che “bisogna ridurre il debito”.
 
Il debito economico ha a che fare con una manipolazione del tempo ed √® un impegno del tempo. L’immaginario monetarista (modo in cui inconsapevolmente ci rappresentiamo il mondo) fa leva sul debito per impegnare il futuro, cio√® per estendersi fino a quel tempo che non c’√® ancora.
 
Nell’Occidente infatti il futuro √® pensato come un continuum e come un vuoto da riempire con le proprie profezie monetarie. La prestazione fondamentale dell’ideologia monetarista (di cui tutti siamo parte) √® la neutralizzazione del tempo: il futuro √® visto come un tempo quantitativo, cio√® come il tempo che va da oggi al giorno in cui il debito sar√† saldato.
 
Ma vedere il tempo come riempito dalle rette del debito significa astrarre dal tempo nelle sue qualit√† caratteristiche, cio√® dal tempo come di fatto sar√†. Fare ci√≤ vuol dire inserire una forma di contabilit√† del tempo. La neutralizzazione del tempo va vista da un lato come risposta al timore originario dell’umanit√†, ovvero il timore dinanzi al non sapere; dall’altro lato vi √® il timore del monetarismo occidentale, che √® quello di perdere il controllo sul denaro (valore, rimborso, ritorno, interesse).
 
La parola 'finanza' rimanda al concetto di fine ed esprime la possibilit√† di porre fine a qualcosa e fare come se i fatti non esistessero. L’immaginario monetarista infatti √® l’immaginario della solvibilit√† del debito. Vi sono tre promesse legate al debito: la promessa del denaro, la promessa della sua restituzione e la promessa che il debito √® estinguibile per sua natura, cio√® sar√† estinto se mi attengo ai pagamenti. Vi √® quindi un diritto di porre fine, che √® un diritto immaginario nella misura in cui non esiste mai denaro sufficiente per pagare il debito. Il denaro vorrebbe essere la fine del debito, eppure √® sempre insufficiente a colmarlo.
 
Una delle implicazioni visibili legate alla finanza √® la realizzazione continua e costante di denaro liquido e un’emergenza che abbiamo sentito dichiarare pi√Ļ di una volta √®: “Le banche non hanno denaro!”. Analizzando questo fatto si vede che la produzione di merci e il reclutamento di forza lavoro, che dovrebbero essere centrali, passano in secondo piano, in quanto per essi ci sono le riserve di povert√† nel mondo; ci√≤ che √® centrale √® invece la produzione di denaro e la produzione di debito.
 
Questo vuol dire che i lavoratori potranno essere liquidati come vite in eccesso. Ci√≤ si pu√≤ vedere portando il pensiero al termine ‘crisi’, che dovrebbe essere impiegato per indicare un momento di eccezione, qualcosa che rompe la norma, limitato a un segmento breve e preciso di tempo. Negli ultimi decenni, invece, la crisi si √® trasformata da eccezione a normalit√† a cui siamo tenuti ad attenerci e a cui siamo vincolati.
 
La crisi √® un’eccezione e il divenire normale dell’eccezione √® la forma di sovranit√† economica che si esercita oggi sulla nostra vita. Essa passa attraverso la leva del debito ed √® una sospensione della normalit√†, a sua volta sospensione dei diritti vigenti. Si √® sentita spesso anche la frase “occorre fare sacrifici” e la parola sacrificio va vista in relazione alla possibilit√† di sospendere i diritti.
 
Essere richiamati alla necessit√† e all’obbligo di fare sacrifici vuol dire essere richiamati al fatto che i propri diritti (diritti di lavoratore o di risparmiatore) non valgono pi√Ļ; essi sono sospesi magari per un lasso di tempo, ma sono sospesi ed √® sempre per un atto di grazia che ritornano in vigore. Quando si usa la parola ‘debito’ in termini economici sarebbe meglio parlare di ‘stato di debito’, ovvero di un consolidarsi del debito; esso non √® pi√Ļ un’operazione ma una condizione vincolante.
 
Il debito economico diventa primariamente un’occasione di potere in nome di una sua risoluzione fittizia e il meccanismo funziona, perch√© il debito √® dichiarato solvibile; infatti, se fosse insolvibile tutto questo non funzionerebbe. Il debito √® uno strumento di manipolazione politica che aggrava la situazione di minorit√† in cui molti paesi gi√† si trovano e questa pratica di dominio esercitata attraverso il debito ha portato a un feroce squilibrio mondiale.
 
Un tempo la societ√† si prendeva carico dei poveri, i quali venivano considerati un peso per la societ√†: essi venivano messi in strutture indeterminate da un punto di vista giuridico, le quali erano un misto fra l’ospedale e il carcere (quindi non si sta dicendo che un tempo le cose andavano meglio). Oggi, invece, succede il contrario: √® la societ√† che rovescia sui poveri il debito mondiale chiedendo a loro di lavorare di pi√Ļ, in condizioni peggiori e con meno diritti perch√© la macchina possa andare avanti.
 
Gli indebitati sono legati alla necessit√† dell’estinzione stessa del debito, il quale funziona da un punto di vista immaginario. Esso in realt√† funziona solo se √® inestinguibile ed √® nell’interesse del creditore che il debito non si estingua mai. All’estinzione del debito corrisponde un’estinzione del potere sul debitore, il quale caratterizza e realizza il debito come infinito, ma affermando la sua fondamentale finitezza. La realt√† e l’operativit√† del denaro vanno congiunte alla realt√† del debito. La moneta non √® mai sufficiente per estinguere un debito e porta a far s√¨ che una condizione di eccezionalit√† (come il debito dovrebbe essere) diventi la norma.
 
La parola ‘debito’ indica originariamente qualcosa che si ha solo perch√© non la si possiede, perch√© la si possiede grazie ad altri. Questa parola va considerata anche al di l√† del suo aspetto economico e ci√≤ porta al pensiero dell’esistenza di qualcosa all’interno delle nostre vite che √® indisponibile all’appropriazione monetaria che viene impartita come unica appropriazione possibile.
 
C’√® una radice indisponibile all’interno delle vite umane che ci porta fondamentalmente al legame che noi intratteniamo con gli altri e che non ha nulla a che vedere con la solitudine dell’individualismo moderno. Per la finanza il debito √® una questione di rimborso, di moneta e di pagamenti. Non si fa altro che risolvere tecnicamente un problema, l’insolvibilit√† del debito. Vi √® una riduzione del debito a contabilit√† dovuta alla dimenticanza della vera essenza del debito che riguarda la nostra origine e la nostra provenienza, cio√® il nostro legame con gli altri, il quale ci precede.
 
√ą necessario quindi fare un tentativo linguistico: provare a ragionare sul debito separandolo dall’idea di pagamento. Il debito originario √® un debito che non si paga, inestinguibile e non riportabile alla contabilit√† del calcolo monetario. Esso √® un debito non per qualcosa, non nei confronti di qualcuno ma un debito per nulla. Esso √® un debito che ci precede e che non abbiamo deciso di contrarre, inseparabile dalle nostre vite. In varie manifestazioni in Spagna (e non solo) si √® innalzato un grido da parte delle generazioni pi√Ļ giovani: “Ci avete traditi, restituiteci la nostra vita!”.
 
L’immaginario monetarista finisce infatti per separare ciascuno dalla propria vita proprio nel momento in cui sembrava promettere l’accesso pi√Ļ opportuno, semplice e agevole a essa. La radice indisponibile √® una consumazione senza consumo che consiste nel riuscire a rigiocare il debito originario contro l’appropriazione calcolante della finanza, riappropriandosi della materialit√† delle esistenze annullate altrimenti in un’astrattezza universale in cui i diritti sono sospesi.
 
Queste considerazioni costituiscono il “guadagno” (senza consumo) che ho ricevuto da un’assemblea e da un convegno con il professor Gianluca Solla, docente di Filosofia teoretica all’universit√† di Verona e visiting professor presso il Center for Advanced Studies della Ludwig-Maximiliam-Universit√§t (M√ľnchen).
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/11/2011 07:00:00
Risolvere la crisi dal basso Sar√† un caso, ma le proposte pi√Ļ concrete e sensate per reagire alla crisi del debito sovrano, provengono dalla societ√† civile...

13/08/2012 10:30:00
Il problema della verità Nella dettagliata riflessione del giovane filosofo saretino è la filosofia a spiegarsi come disciplina che mette in relazione diversi punti di vista e chiave d'interpretazione sulla via di una verità che non possiede ma si manifesta nei rapporti

23/04/2012 11:00:00
L'università fuori dell'ordine della rappresentazione Riportiamo qui l'approfondimento curato dal fresco laureato in Filosofia Alberto Cartella, che riprende il tema dell'università e della percezione che di essa chi l'ha vissuta e chi la vede come una cosa esterna a se stesso

30/04/2012 10:00:00
La malattia e il potere medico Nella disquisizione del dottore in Filosofia Alberto Cartella l'approfondimento attorno al concetto di potere medico esercitato come estensione di un potere politico, partendo dalle considerazioni dei filosofi Deluze, Canghuilem, Foucault

03/06/2012 10:30:00
La fecondità del paradosso L'approfondimento di questa settimana fa perno sul concetto di paradosso e sulle potenzialità che da esso si dispiegano, sfruttando come esempio il parallelo tra filosofia e pittura



Notizie da Filosofia
23/03/2020

La quiete dopo la tempesta

Non avrei mai capito veramente cosa sia essere agli ¬ęarresti domiciliari¬Ľ, senza la crisi del Covid-19

17/08/2014

Nave, arrivano gli speed check

Verranno posati lungo il tratto di Provinciale che da Nave raggiunge la Mitria. Una decisione che registra anche qualche dissenso

31/05/2014

La seria comicità del rispetto

L’opinione suppone che la gelosia sia la triste conseguenza dell’amore. Ma la gelosia √® una finalit√†, una meta e, se bisogna amare, √® per poter essere gelosi

05/05/2014

La competizione degli amanti

Un'acuta riflessione di Alberto Cartella attorno alla muta latente violenza che in ogni rapporto s'insinua e che tutti gli uomini celano con la menzogna del linguaggio

17/04/2014

Il troppo diventa tossico

Alberto Cartella prende in considerazione quel "troppo" che quando diventa squilibrio estremo mette in crisi ogni aspetto della nostra vita

12/03/2014

La difficoltà della leggerezza dell'emozione

Il giovane filosofo Alberto Cartella conduce una profonda riflessione sul nostro quotidiano confronto emozionale, sia esso amicizia o amore. Eppure troppo spesso cristallizzato nel 'non detto'

01/03/2014

Vita e pensiero

Una profonda riflessione del giovane filosofo Alberto Cartella sulla vita come creazione e su quel "granello di follia" che contraddistingue il cammino di ciascuno di noi

29/01/2014

Divenire e realtà

L'analisi di ciò che è divenire, di quell'inquietudine che nasce dall'esperienza e produce coscienza ne post del giovane filosofo Alberto Cartella, pronto a rispondere ai dubbi e alle domande dei lettori appassionati di filosofia

28/12/2013

Educazione e masochismo

Una riflessione sul contratto masochista come espressione non soltanto della necessità del consenso della vittima, ma anche del dono della persuasione, la spinta pedagogica e giuridica mediante la quale la vittima educa il proprio carnefice

23/11/2013

Il gioco dell'amore e altre sciocchezze

Una riflessione che parte dal gioco del fare l'amore per parlare della leggerezza e della distrazione come inestricabilmente legate in un vincolo di opposizione alla pesantezza della vita quotidiana e usate come strumento protettivo

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier