Skin ADV
Sabato 03 Dicembre 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE






30 Aprile 2012, 10.00

Lettere

La malattia e il potere medico

di Alberto Cartella
Nella disquisizione del dottore in Filosofia Alberto Cartella l'approfondimento attorno al concetto di potere medico esercitato come estensione di un potere politico, partendo dalle considerazioni dei filosofi Deluze, Canghuilem, Foucault
 
Le idee di salute e malattia sono il frutto di una rappresentazione che precede la loro stessa concettualizzazione. Come suggerisce Georges Canguilhem, fisiologia e patologia ricevono tali nozioni da un’esperienza del tutto prescientifica delle stesse: “La patologia, sia essa anatomica o fisiologica, analizza per conoscere meglio, ma essa non può considerarsi patologia, vale a dire studio dei meccanismi della malattia, se non in quanto riceve dalla clinica la nozione di malattia, la cui origine va ricercata nell’esperienza che gli uomini hanno dei loro rapporti d’insieme con l’ambiente”.
 
Lo studio dei fenomeni patologici non è in grado di imporre al suo presunto oggetto di studio, la malattia, alcuna forma di dominio, poiché - sostiene Canguilhem - “non vi è niente nella scienza che prima non sia apparso alla coscienza”. Il sapere medico-biologico deve accettare di non potersi confrontare con un dato oggettivo, ma di avere a che fare con dei malati concreti, soggettivamente definitisi e socialmente definiti tali.
 
Al di sotto del discorso scientifico sulla malattia come negazione della salute vi è dunque l’esperienza fondamentale di una sofferenza, di un mal vivre. La condizione di una salute cagionevole è favorevole, ma questo non vuol dire che attraverso la malattia si sia all’ascolto della propria vita. È il pensiero ad essere legato al prestare ascolto alla vita e non a quello che sta accadendo a se stessi.
 
Prestare ascolto alla vita è completamente un’altra cosa dal pensare alla propria salute, ma una salute cagionevole può agevolare questo tipo di ascolto. I grandi autori come Spinoza in un certo senso hanno visto qualcosa di troppo grande, di così grande che per loro era troppo.
 
Rimane comunque vero che non si può pensare se non si è già in un ambito che eccede le proprie forze, che ci rende fragili. Inoltre, si acquisiscono i diritti di una salute fragile. Per quanto riguarda i medici ne esistono tantissimi di incantevoli e gentili, ma il loro è un tipo di potere o un modo di maneggiare il potere.
 
Abbiamo l’abitudine, almeno nella società europea, di pensare che il potere sia localizzato nelle mani del governo e che si eserciti tramite particolari istituzioni: l’amministrazione locale, la polizia, l’esercito. Esse sono istituzioni che sembrano fatte per trasmettere gli ordini, farli rispettare e punire chi non obbedisce. Ma il potere politico si esercita anche e soprattutto tramite alcune istituzioni che sembrano non aver nulla a che fare con il potere politico, che dovrebbero essere indipendenti e che in realtà non lo sono.
 
La psichiatria, che in apparenza è destinata al bene dell’umanità e alla conoscenza degli psichiatri è essa stessa un modo per imporre un potere politico su un gruppo sociale. L’obiettivo politico, in una società come la nostra, deve essere quello di criticare il ruolo delle istituzioni, apparentemente neutre e indipendenti (come nel caso del potere medico); di criticarle e di attaccarle al punto che la violenza politica che si esercita oscuramente in esse emerga e di conseguenza possa essere combattuta.
 
A volte il medico in quanto medico risulta odioso. È importante però chiarire che non si sta parlando qui del medico in quanto persona, che spesso è incantevole, ma si sta parlando del potere medico e del modo in cui i medici fanno uso del loro potere.  La malattia non è un nemico e non dà il sentimento della morte. Acuisce il sentimento della vita. Non nel senso di coloro che dicono: “Ah quando sarò guarito ricomincerò a vivere”.
 
Le persone che hanno vissuto alla grande sono persone di salute molto fragile. La malattia acuisce una specie di visione della vita. La malattia acuisce la vita in tutta la sua potenza, in tutta la sua bellezza. Questo (anche se non c’è il bisogno di dirlo) non vuol dire che allora le malattie non devono più essere curate (i farmaci servono eccome!). Bisogna sempre cercare di servirsi della malattia, la malattia serve sempre a qualcosa. Bisogna servirsene per essere un po’ più liberi. La libertà non intesa come liberazione da chi ci sta vicino, ma dagli obblighi sociali. Bisogna chiarire, però, che la malattia non è mai fonte di ispirazione.
 
La filosofia, per esempio, non può derivare dalla sofferenza, dalla malattia o dall’angoscia, anche se il tipo di filosofo che ha vissuto alla grande conosce un eccesso di sofferenza. Ma la malattia non può essere concepita come un avvenimento che colpisce dal di fuori un corpo-oggetto o un cervello-oggetto. La malattia è, piuttosto, un punto di vista sulla salute; e la salute un punto di vista sulla malattia.
 
La malattia non è un impulso per il soggetto pensante, ma tanto meno è un oggetto per il pensiero: essa costituisce piuttosto una intersoggettività segreta in seno ad uno stesso individuo. La malattia come valutazione della salute, i momenti di salute come valutazione della malattia: tale è il rovesciamento, lo spostare le prospettive.
 
Malgrado le apparenze, non c’è reciprocità tra i due punti di vista, tra le due valutazioni. Dalla salute alla malattia, dalla malattia alla salute, questa mobilità esiste solo idealmente, è una salute superiore: questo spostamento è il segno della grande salute. La mobilità, quest’arte dello spostamento di cui si è parlato sopra, può essere persa e quindi può smettere di fare, per la salute, della malattia un punto di vista sulla salute, facendo così cadere chi la perde in una condizione di fissità mortifera.
 
Gli spunti per queste considerazioni sono venuti dalla lettura di alcune interviste fatte a due filosofi molto importanti per me in questo momento: Gilles Deleuze (foto 3) e Michel Foucault (foto 4). Mentre Georges Canguilhem (citato all’inizio dell’articolo) è un epistemologo francese morto nel ’95.
Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/05/2012 09:30
Intorno al concetto di anarchia La riflessione settimanale del filosofo saretino si domanda che cosa significhi essere anarchici e come si leghino a questo concetto quelli di storia e libertà assoluta, prendendo a modello il pensiero e le considerazioni di Gilles Deleuze

08/05/2013 10:00
La filosofia non è un sapere umanistico Una riflessione del giovane filosofo Alberto Cartella per scardinare l'unilateralità del pensiero in favore di due modi guardare alla filosofia come si legge Aristotele: comprendendo ciò che pensava e ponendo problemi politici in rapporto al presente

23/04/2013 09:30
L'esercizio della stanchezza La riflessione che ci porta questa settimana il filosofo Alberto Cartella riguarda la rappresentazione come riflesso delle nostre paure: un impulso subitaneo a rispondere alle aspettative che la filosofia può curare con la pazienza di far venire le cose a sé

31/07/2012 10:30
L'imperialismo economico come maschera di scontri Nella riflessione del giovane filosofo saretino si concentra sugli strumenti economici di potere, sulla confusione che spesso viene fatta tra i concetti di 'governo' e di 'politica' e sull'idea di conformismo

23/04/2012 11:00
L'università fuori dell'ordine della rappresentazione Riportiamo qui l'approfondimento curato dal fresco laureato in Filosofia Alberto Cartella, che riprende il tema dell'università e della percezione che di essa chi l'ha vissuta e chi la vede come una cosa esterna a se stesso



Notizie da Lettere al direttore
02/05/2022

Casa delle Donne: «Non stiamo raccogliendo fondi porta a porta»

A farlo, con le stesse motivazioni, l'associazione "scarpette rosse" con sede a Milano, che non opera in provincia di Brescia

24/09/2021

Velocità in eccesso di 0,1 km orari

Si badi bene: 0,1 e non la pericolosissima esagerazione di un intero chilometro orario in più. E scatta la multa. La segnalazione di un lettore

04/08/2021

Dal DDL Zan all'educazione e alla prevenzione dell'omofobia

Il grande dibattito attorno al DDL Zan evidenzia lo scontro politico in atto ma anche quanto ci sia ancora da fare per contrastare la violenza nei confronti delle diversit e in particolare quelle riguardanti la sessualit

02/08/2021

Green Pass: malgrado il fanatismo

Doveva essere la liberazione dopo la chiusura, la fine di un incubo collettivo, invece la vaccinazione anti-covid sembra per alcuni, forse troppi, il male assoluto

19/01/2021

In ricordo di Luigi Agostini

Le comunit di Nave e di Vallio Terme ieri hanno reso l'ultimo saluto al dr. Luigi Agostini, con un omaggio come uomo delle istitutuzioni e insigne storico locale


14/12/2020

«Ho fatto un sogno, al contrario»

E' nata Anna e Paolo diventato nonno. E come tutti i nonni, non pu fare a meno di pensare al futuro dei nipoti... anche sognando

30/07/2020

La riforma che non arriverà mai

In questi giorni si vedono processioni di pensionati con cartellette variopinte fare la coda ai patronati

23/03/2020

«Perché a noi? Oppure, perché non a noi?»

Tante le domande che non trovano risposta, nel drammatico periodo che stiamo vivendo. In questa lettera aperta una piccola riflessione sulla pandemia

19/03/2020

E la sanità pubblica?

In queste giornate di coprifuoco obbligato e necessario sento plausi e ringraziamenti calorosi indirizzati al personale sanitario della Lombardia e del resto d’Italia. Li condivido in pieno. Ma fino a due mesi fa? E fra due mesi?


19/03/2020

Andrà tutto bene

In questi giorni di coronavirus e di reclusione domestica è aumentato il tempo per pensare e quindi non possiamo esimerci dal proporvi una nostra riflessione...

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier