Skin ADV
Mercoledì 12 Agosto 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE



 


28 Giugno 2015, 16.15

BLOG. Un pesce al giorno

Sgombri in Adriatico

di Manuele Vezzoli
Da qualche anno mi spingo fino alle sponde del “vicino” mar Adriatico a caccia di sgombri

Ormai la preparazione ed il viaggio sono rodati. In cassetta sono obbligatori: segnafilo, ami del n. 1 gambo lungo, piombi scorrevoli e terminali del 0.30. La partenza è qualche ora prima dell’alba in direzione Porto Garibaldi, Ferrara.

Alle 7:30 si salpa e dopo circa un’ora di navigazione le esche sono in mare. Il metodo di pesca è elementare: dal cimino al mare: segnafilo, piombo, girella con moschettone, terminale, amo ed una bella sarda come esca.

La lenza viene calata semplicemente in acqua, senza lanci, al massimo un po’ di pendolo, solo trattenuta alla profondità desiderata in attesa della preda. In genere la canna dovrebbe essere corta, con una bella azione di punta e con cimino sensibile. Lo sgombro mangia timido, dando delle piccole toccate, quindi la ferrata deve essere sempre ben calcolata.

Frenetico è il momento in cui i pesci si fanno a banchi sotto la barca, ad alternanza tutti i pescatori portano prede in barca per poi innescare un’altra sarda.

A dispetto della taglia ed il peso, uno sgombro “tipo” è paragonabile una trota sui 30 cm o ad una bella sarda del Lago d’Iseo, possiede una forza ed una combattività eccezionale. Appena in canna, punta con continui strattoni e testate il fondo. Fondamentale il recupero veloce con frizione ben tarata per non incontrare le lenze dei pescatori vicini.

In un mondo perfetto la scaletta dovrebbe essere: un pesce al minuto a pescatore per tutta la giornata di pesca, la storia insegna invece che l maggior parte delle volte, molte sono le ore che passano prima di vedere il cimino scendere verso il pelo dell’acqua. Non tutte le uscite sono uguali, che sia di acqua salata o dolce, il pesce si sposta, mangia e schiva, si ferma sullo spot di pesca e se ne va.

Quest’anno di perfetto e di ideale c’è stato bene poco, pochi sgombri nel mio carniere, di positivo l’ottima compagnia, la giornata serena ed il mare calmo.

La voglia è rimasta, mi rifarò! Sotto con le sarde di lago!
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/03/2014 10:15
La passione di due giovani pescatori triumplini I saretini Elio Vinati (classe '82) e Manuele Vezzoli (classe '86), amici e pescatori pronti dalla prossima settimana a raccontare in un blog la loro passione per la pesca 

22/03/2015 12:00
Là dove la corrente schiuma Al mattino le temperature sono ancora fredde soprattutto in alta valle. Nonostante ciò, decido comunque di affrontare la giornata di pesca con una delle tecniche a me più congeniali come lo spinning. La prima uscita dedicata a questa tipologia di pesca nel 2015

07/02/2015 08:00
Pesca alle Barbados Ami, visitor, siliconici vari, filo del 0.40 e una pinza. Mi dico: “Devo stare leggero", butto tutto in una piccola borsa e mi convinco che sarà la mia cassetta porta esche.

10/12/2014 08:30
Per qualche trota in più La sindrome da astinenza da salmonidi, durante il periodo di chiusura della pesca, può essere curata o nelle riserve invernali (vedi articolo "fino all'ultimo lancio"), o come ha fatto il mio amico Manuele presso i laghetti di pesca sportiva

07/01/2015 11:00
Pesca... in costruzione L'attesa della pesca è essa stessa pesca. Dalla preparazione attenta e meticolosa delle esche può nascere il successo o il fallimento di una battuta di pesca



Notizie da Pescatori
27/07/2020

Filo diretto

L'estate mi offre la possibilità di fondere la passione per la pesca con il piacere di stare in montagna.

30/06/2020

I cavalieri del bambù

Affrontare un bel torrente di montagna con una canna da pesca nuova è già di per sè stimolante; se poi la canna in questione è in bambù, costruita interamente con abilità, destrezza e precisione dall'amico Cristian, il tutto assume i contorni di una giornata veramente speciale

30/04/2020

Smart fishing

In questo periodo di  'lockdown' anche la nostra passione alieutica si è giustamente fermata e quindi mi dedico ad attività più prettamente invernali

21/01/2020

Il piacere sta nell'attesa

L'inizio del nuovo anno è coinciso con un periodo di meritato 'riposo' dall'attività alieutica, a differenza della scorsa stagione (vedi articolo 'lucciopatia')


24/11/2019

Meglio una volta farlo che cento volte dirlo

Sono passato spesso accanto al fiume Chiese in località Pieve di Bono, in Trentino, più precisamente nella zona 'a prelievo nullo', ovvero la no kill 2

27/09/2019

Un salto all'incantevole Vaia

È una meravigliosa giornata di sole e il cielo privo di nuvole si specchia nelle acque cristalline del bacino lacustre, le cui sponde sono già ben frequentate da diversi pescatori...

05/06/2015

«Farioland»

Ci sono momenti unici e irripetibili. Piccole finestre temporali in cui un fiume o torrente apparentemente "morto" si anima improvvisamente di una frenetica attività

19/05/2015

Nell'Abbioccolo, sulla cresta dell'onda

Decido di affrontare il torrente Abbioccolo a Lavenone, in Val Sabbia, una meta che mi sono prefissato da qualche tempo

27/04/2015

Chi dorme...piglia pesci (seconda parte)

Il cammino prosegue lungo le sponde di questo tratto di alto brembo in una giornata che sembra rivelarsi unica

14/04/2015

Chi dorme... piglia pesci

Accidenti! Mi son svegliato tardi. Decido comunque di preparare l'attrezzatura per affrontare uno dei miei fiumi preferiti: il Brembo. (prima parte)


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier