Skin ADV
Domenica 27 Settembre 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE



 


07 Febbraio 2015, 08.00

BLOG. Un pesce al giorno

Pesca alle Barbados

di Manuele Vezzoli
Ami, visitor, siliconici vari, filo del 0.40 e una pinza. Mi dico: “Devo stare leggero", butto tutto in una piccola borsa e mi convinco che sarà la mia cassetta porta esche.

Parto per i Caraibi per un rilassante viaggio di piacere, ma penso che tra un bagno e l’altro qualche “lancio” potrei farlo. Parlare di lancio non è esatto, infatti, nella mia valigia non ci sono canne da pesca.

Arrivato sull’isola, approfitto dei primi giorni per studiare gli spot che mi può offrire, noto subito come ad Est l’impetuoso Oceano Atlantico sia poco ospitale, pur offrendo buone profondità sin da pochi metri dalla riva, ed escludo la parte sud occidentale, rivolta verso il Mar dei Caraibi, perché affrontabile solo comodamente seduti su una barca a causa dei suoi calmi bassi fondali.

Sul web trovo un negozietto situato nella capitale, non mi lascio sfuggire l’occasione, entro ed implemento la mia attrezzatura acquistando un anello di plastica che permetterà di pescare comodamente usando la sola lenza, altri ami, del filo e piombi.

La voglia sale, sento di aver tutti gli strumenti per poter fare un tentativo. Devo solo capire la tecnica! Per questo mi vengono in aiuto dei pescatori locali, che scruto alla ricerca di prede dagli scogli. Lanciano la lenza e pescano quasi a piombo sotto riva, montano uno o due ami direttamente sulla linea legando un piombo a pera sul finale. Questa tecnica mi ricorda a tratti il “drop shot”.

Fiducioso cerco di imitare al meglio il sistema di pesca innescando un visitor rosso ed inaspettatamente dopo un paio di lanci una mangiata secca tira la mia lenza, qualcosa c’è! Goffamente recupero la linea sul mio “mulinello” manuale e posso ammirare la mia preda. Un pinnuto ovviamente a me sconosciuto.

L’esperienza di pesca dalla riva in un posto così esotico mi convince ad osare ed investire di più. Cerco on line qualche opportunità di pesca dalla barca. Dopo aver scartato le scintillanti offerte di pesca d’altura su barche super accessoriate ne trovo una meno pubblicizzata ma che sembra fare al caso mio. Il fantomatico capitano Shawn offre tre ore di pesca dalla barca con metodo tradizionale. Prenoto la mia prima uscita in barca nel Mar dei Caraibi!

All’ora concordata prendo il largo e mi trovo di fronte a due possibilità di pesca: con la sola lenza oppure con una canna corta e potente, con carrucole al posto dei classici passanti e mulinello a bobina orizzontale. La seconda scelta mi sembra la più adatta, innesco appena sotto la pinna dorsale un pesciolino vivo e lancio.

Il capitano mi spiega che l’esca non riuscirà ad andare a fondo a causa della corrente restando in pesca a pelo d’acqua in attesa della preda. La parola giusta è stata proprio “attesa”, passano circa 2 ore e né sulla mia esca né su quella di Shawn si sentono abboccate.

Ma proprio quanto sto perdendo le speranze, un timido tiro fa sfrizionare il mulinello, mi concentro ed un secondo dopo uno strappo per poco non mi toglie la canna dalle mani. Strike! Con l’adrenalina a mille comincio il combattimento con quello che credo essere il pesce più grosso che possa esistere.

Ma tutta la mia immaginazione svanisce in un momento, la lenza prima tesa adesso si appoggia sull’acqua, recupero sconsolato e, ad ogni giro di mulinello, capisco che la mia unica occasione se ne è andata; l’amo, prima della forma curva, adesso è dritto come uno spillo. Shawn si gira, mi guarda e tirando su le spalle dice: “Era grosso”.
Chi lo sa, forse un giorno avrò un’altra occasione. 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/03/2014 10:15
La passione di due giovani pescatori triumplini I saretini Elio Vinati (classe '82) e Manuele Vezzoli (classe '86), amici e pescatori pronti dalla prossima settimana a raccontare in un blog la loro passione per la pesca 

22/03/2015 12:00
Là dove la corrente schiuma Al mattino le temperature sono ancora fredde soprattutto in alta valle. Nonostante ciò, decido comunque di affrontare la giornata di pesca con una delle tecniche a me più congeniali come lo spinning. La prima uscita dedicata a questa tipologia di pesca nel 2015

10/12/2014 08:30
Per qualche trota in più La sindrome da astinenza da salmonidi, durante il periodo di chiusura della pesca, può essere curata o nelle riserve invernali (vedi articolo "fino all'ultimo lancio"), o come ha fatto il mio amico Manuele presso i laghetti di pesca sportiva

07/01/2015 11:00
Pesca... in costruzione L'attesa della pesca è essa stessa pesca. Dalla preparazione attenta e meticolosa delle esche può nascere il successo o il fallimento di una battuta di pesca

01/03/2012 12:00
La nuova stagione della pesca Domenica tutti gli appassionati pescatori della provincia sono potuti tornare a lanciare le proprie lenze lungo fiumi e torrenti. In Valtrompia si pu pescare dalla sorgente fino all'altezza di Sarezzo



Notizie da Pescatori
27/07/2020

Filo diretto

L'estate mi offre la possibilità di fondere la passione per la pesca con il piacere di stare in montagna.

30/06/2020

I cavalieri del bambù

Affrontare un bel torrente di montagna con una canna da pesca nuova è già di per sè stimolante; se poi la canna in questione è in bambù, costruita interamente con abilità, destrezza e precisione dall'amico Cristian, il tutto assume i contorni di una giornata veramente speciale

30/04/2020

Smart fishing

In questo periodo di  'lockdown' anche la nostra passione alieutica si è giustamente fermata e quindi mi dedico ad attività più prettamente invernali

21/01/2020

Il piacere sta nell'attesa

L'inizio del nuovo anno è coinciso con un periodo di meritato 'riposo' dall'attività alieutica, a differenza della scorsa stagione (vedi articolo 'lucciopatia')


24/11/2019

Meglio una volta farlo che cento volte dirlo

Sono passato spesso accanto al fiume Chiese in località Pieve di Bono, in Trentino, più precisamente nella zona 'a prelievo nullo', ovvero la no kill 2

27/09/2019

Un salto all'incantevole Vaia

È una meravigliosa giornata di sole e il cielo privo di nuvole si specchia nelle acque cristalline del bacino lacustre, le cui sponde sono già ben frequentate da diversi pescatori...

28/06/2015

Sgombri in Adriatico

Da qualche anno mi spingo fino alle sponde del “vicino” mar Adriatico a caccia di sgombri

05/06/2015

«Farioland»

Ci sono momenti unici e irripetibili. Piccole finestre temporali in cui un fiume o torrente apparentemente "morto" si anima improvvisamente di una frenetica attività

19/05/2015

Nell'Abbioccolo, sulla cresta dell'onda

Decido di affrontare il torrente Abbioccolo a Lavenone, in Val Sabbia, una meta che mi sono prefissato da qualche tempo

27/04/2015

Chi dorme...piglia pesci (seconda parte)

Il cammino prosegue lungo le sponde di questo tratto di alto brembo in una giornata che sembra rivelarsi unica

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier