Skin ADV
Lunedì 01 Marzo 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE



 


09 Aprile 2014, 12.21

BLOG. Un pesce al giorno

Cappotto sul fiume Mella

di Manuele Vezzoli
Ecco anche il primo post di Manuele Vezzoli, che ci porta alla scoperta del fiume che forma la Valtrompia, raccontando di una pescata "catch and release" ... andata a vuoto

Inizia così la mia avventura da blogger: con un bel “cappotto” sul fiume di casa, il Mella.

Torno in fretta e furia dal lavoro, risalgo la Valtrompia partendo dalla traffica Brescia con in mente una veloce pescata "al tocco" nel fiume sotto casa. Penso a un'oretta di "catch and release". Purtroppo la storia dirà che non c’è stato né catch né di conseguenza il release.

Armato della mia teleregolabile Artico da 10 metri, comincio a sondare ogni buca che posso raggiungere. Monto: sulla linea un classico nylon dello 0.2 fluo, segnafilo, "cicca" di piombo tagliato, girella tripla con moschettone e come terminale nylon dello 0.16 con amo del 6 con ardiglione schiacciato.

Cerco d’insidiare qualche bella trota fario, ma se capita anche qualche iridea scampata ai raduni dell’anno passato. Risalendo il fiume noto come la conformazione dello stesso e la corrente cambino.

Nel primo tratto risulta essere piatto e meno turbolento per poi diventare più violento con buche marcate. Consapevole che il tempo stringe, faccio cadere la doppia camola, meticolosamente innescata, nelle zone più calme appena fuori dalla corrente schiumosa, cercando le trote in caccia senza però soffermarmi troppo. Per “rimanere in pesca” alterno cicche di piombo dagli 8 fino ai 15 grammi.

Dopo una buona mezz’ora di tentativi a vuoto arriva una bella mangiata. Appena la mia esca entra in una correntina laterale sento un attacco che non mi lascia il tempo di ferrare. Come si dice in questi casi: "Si è attaccata sa sola"; il seguito mostra che non si era poi attaccata così bene. Pochi attimi di combattimento e ad un metro dal mio retino si slama e se ne va.

Cerco di essere il meno pescatore possibile nel descrivere la trota. Per spiegarmi meglio, quando un pescatore ricorda le proprie catture, i numeri e i pesi aumentano in maniera esponenziale. La sensazione è che fosse una piccola iridea, non più di 3-4 etti, forse troppo vergognosa per farsi fotografare e rilasciare.

La pesca è bella di per sé, il risultato è qualcosa in più. Alla prossima pescata.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
15/07/2014 08:55
Un bottino di sarde lacustri Torna a gettare l'amo anche Manuele Vezzoli, che qui ci racconta di una fruttuosa pescata all'agone nella parte occidentale del Lago di Garda

31/03/2014 09:23
Un fruttuoso fuoriporta nella Valle del Chiese Un'uscita lungo il torrente trentino ci accompagna al ritmo dell'acqua che scorre dentro il nuovo blog "Un pesce al giorno" tenuto dai saretini Elio Vinati e Manuele Vezzoli

06/05/2014 09:35
Iridee nella Bassa Bresciana Manuele Vezzoli ci porta nei territori della Bassa, fra rogge con acqua pulitissima proveniente dalle risorgive, dove poter pescare qualche bella trota iridea

20/06/2014 10:30
La Mella e un suo 'alto' affluente Un post di Elio Vinati ci accompagna lungo le sponde di un affluente del fiume Mella per un apapgante catch & release serale di trote fario 

09/06/2014 12:19
Cara ... Mèla Con Elio Vinati alla scoperta di un tratto del fiume Mella nel momento magico del tramonto, quando le trote fario, notoriamente fotofobe, tende a entrare in caccia



Notizie da Pescatori
27/07/2020

Filo diretto

L'estate mi offre la possibilità di fondere la passione per la pesca con il piacere di stare in montagna.

30/06/2020

I cavalieri del bambù

Affrontare un bel torrente di montagna con una canna da pesca nuova è già di per sè stimolante; se poi la canna in questione è in bambù, costruita interamente con abilità, destrezza e precisione dall'amico Cristian, il tutto assume i contorni di una giornata veramente speciale

30/04/2020

Smart fishing

In questo periodo di  'lockdown' anche la nostra passione alieutica si è giustamente fermata e quindi mi dedico ad attività più prettamente invernali

21/01/2020

Il piacere sta nell'attesa

L'inizio del nuovo anno è coinciso con un periodo di meritato 'riposo' dall'attività alieutica, a differenza della scorsa stagione (vedi articolo 'lucciopatia')


24/11/2019

Meglio una volta farlo che cento volte dirlo

Sono passato spesso accanto al fiume Chiese in località Pieve di Bono, in Trentino, più precisamente nella zona 'a prelievo nullo', ovvero la no kill 2

27/09/2019

Un salto all'incantevole Vaia

È una meravigliosa giornata di sole e il cielo privo di nuvole si specchia nelle acque cristalline del bacino lacustre, le cui sponde sono già ben frequentate da diversi pescatori...

28/06/2015

Sgombri in Adriatico

Da qualche anno mi spingo fino alle sponde del “vicino” mar Adriatico a caccia di sgombri

05/06/2015

«Farioland»

Ci sono momenti unici e irripetibili. Piccole finestre temporali in cui un fiume o torrente apparentemente "morto" si anima improvvisamente di una frenetica attività

19/05/2015

Nell'Abbioccolo, sulla cresta dell'onda

Decido di affrontare il torrente Abbioccolo a Lavenone, in Val Sabbia, una meta che mi sono prefissato da qualche tempo

27/04/2015

Chi dorme...piglia pesci (seconda parte)

Il cammino prosegue lungo le sponde di questo tratto di alto brembo in una giornata che sembra rivelarsi unica

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier