Skin ADV
Venerdì 16 Novembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 


01 Aprile 2014, 08.55

Lettere

Taglio delle Province e piccoli Comuni: qualcosa non torna

di Celso Vassalini
L'opinione di un lettore in merito alla question dei tagli alle Province e del nuovo assetto politico sovracomunale che sembra prefigurarsi

Dai particolari della tanto sbandierata riforma che dovrebbe tagliare i costi della politica e migliorarne la qualità qualcosa non va. Le province che sarebbero dovute sparire rimarranno come enti di secondo livello, quindi manterranno il loro apparato burocratico e gran parte delle loro funzioni ma, invece di essere governate da persone elette saranno a quanto pare governate dai sindaci dei Comuni della provincia.

Non si capisce come politici spesso accusati di non saper amministrare il loro comune saranno in grado di governare meglio la provincia, non si capisce come politici che spesso devono barcamenarsi tra Comune, Ato vari, Comunità montane e magari enti parco poi possano trovare il tempo da dedicare ad una amministrazione provinciale.

Non si capisce soprattutto come potranno essere rappresentati (e con quali criteri) all’interno del Consiglio provinciale il Comune capoluogo con centinaia di migliaia di abitanti e il comune con 300 abitanti e in base a quale rappresentanza politica, visto che ci sono province dove il capoluogo vota per uno schieramento (spesso determinando il risultato finale) e la provincia per un altro.

Il ritorno poi all’elezione di 12 consiglieri nei piccoli Comuni è qualcosa che probabilmente nessuno chiedeva, visto che è già diventato difficile chiudere le liste con 8 per mancanza di candidati.

E’ sconcertante che per Comuni e Province si utilizzi due metodi diametralmente opposti: da una parte (Province) si toglie il Consiglio eletto ma rimangono le competenze; dall’altra (piccoli Comuni) si aumentano i Consiglieri, ma si costringe (giustamente) i Comuni ad accorpare le competenze, svuotando di fatto il Consiglio comunale – che già conta praticamente nulla, visto che è un semplice organo di ratifica delle decisioni di sindaco e giunta nel quale il potere delle minoranze è praticamente zero – di qualsiasi potere di gestione reale del territorio e dei servizi. 

Tralasciando il fatto che la riduzione dei consiglieri aveva prodotto una salutare riduzione della composizione clientelare e familistica delle liste, viene da chiedersi se davvero il recupero di fiducia nella politica passi per far gestire dai soliti politici che occupano più poltrone anche le province e dall’aumento numerico dei consiglieri che non si è mai tradotto in un aumento della qualità della politica.
 
Sembra un contentino a chi non potrà più fare il Consigliere provinciale (uno dei “rifugi” più noti di diversi “trombati”), invece è un pasticcio mascherato da grande riforma, un ballon d’essai su un presunto taglio dei costi della politica che invece di tagliare alla fine probabilmente aggiungerà altri 24.000 consiglieri comunali dei quali nessuno francamente sentiva la necessità.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
06/02/2012 07:00:00
Gli intoccabili Un buco di 90 milioni è quanto dovranno ripianare le province di Verona, Brescia, Trento e i comuni circostanti per la gestione fallimentare dell'aeroporto di Montichiari.

02/11/2011 10:11:00
Un aiuto agli alluvionati di Liguria e Toscana Lo scorso 25 ottobre molti comuni delle province di La Spezie e Massa Carrara sono stati colpiti da un'alluvione. Ad oggi sono dieci le vittime accertate e quasi un miliardo di danni. Per dare un aiuto si può inviare un sms al 45500

09/03/2012 10:00:00
Dedicato agli imprenditori bresciani Dal 6 marzo Borsa Italiana, in collaborazione con AIB ha lanciato una nuova iniziativa per favorire lo sviluppo delle PMI delle province di Brescia, Mantova e Cremona.

06/03/2015 14:35:00
Anonimi? Basta! Caro Direttore, devo confidarti che non sono mai riuscito ad entrare in sintonia con la novità dell'anonimato...

11/08/2014 06:55:00
Galeotto fu... il racconto del lunedì Egregio Direttore, so che non è suo costume pubblicare lettere anonime, ma in questo caso particolarissimo le chiedo un’eccezione



Notizie da Territorio
19/07/2014

Il Governo non cambia verso!

Ci scrive Emanuele Vezzola, sindaco di Gavardo e presidente dell'Associazione Comuni Bresciani, esprimendo il suo rammarico per la scarsa attenzione manifestata dal Governo nei riguardi dei Comuni


17/07/2014

I test clinici del guanto robotico lumezzanese

Idrogenet presenta i risultati degli ultimi test clinici di Gloreha, il guanto robotico per la riabilitazione della mano sviluppato nelle versioni Professsional e Lite


17/07/2014

Cossav e Terre Nostre contro la centrale a biomasse

Riparte domenica 20 luglio a Marmentino la campagna di protesta contro la costruzione delle Centrali a biomasse. Si parlerà anche di valorizzazione dei prodotti locali

16/07/2014

L'impegno lodrinese contro la distrofia muscolare

Domeniac 13 luglio si è tenuta a Lodrino una festa per il ventennale del gruppo amici Uildm guidato con passione da Giuseppe Scalvini in memoria del figlio Angelo

14/07/2014

ASVT, il presidente è Luigi Bonomi

E’ stata assegnata al lumezzanese Luigi Bonomi la presidenza dell´Azienda Servizi Val Trompia (Asvt), società detenuta a maggioranza da Comuni e Comunità Montana (51%) e per il resto da a2a

12/07/2014

Un'estate all'aria aperta per Lumezzane

Il calendario di appuntamenti programmato dal Comune valgobbino presso il parco "Suor Cornelia Bossini" e con l'evento speciale del 27 luglio a San Bernardo

08/07/2014

Il concerto lodrinese per il patrono San Vigilio

Lo scorso 29 giugno a Lodrino si doveva inaugurare il nuovo palco per le associazioni, ma il maltempo ha fatto trasferire il concerto della banda in chiesa 

07/07/2014

1936, la cascinetta del Pierulì Ghidini

Basta una vecchia fotografia, nemmeno tanto vecchia, a rivelare un tempo diversissimo da quello di oggi, assai lontano dallo stress della vita moderna


06/07/2014

Il messaggio itinerante degli Allegri ciclisti triumplini

Sono tornati in Valle pochi giorni fa i quattro amici partiti lo scorso 21 giugno alla volta di Cracovia, passando per diversi campi di concentramento per non dimenticare le atrocità naziste

06/07/2014

Al via i lavori per il collettore fognario tra Lumezzane e Sarezzo

Lunedì 7 luglio avranno inizio lungo via Antonini a Sarezzo e poi in territorio lumezzanese per un'opera che collegherà i reflui valgobbini al depuratore di prossima costruzione a Concesio


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier