Skin ADV
Domenica 26 Gennaio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



27 Dicembre 2013, 09.30

Adempimenti

Se non sei obbligato cancellati

di Leone Boccacci
C'è tempo fino al 31 dicembre per cancellare l'adesione della propria azienda al Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti, modificato alla fine di agosto. Lo si può fare anche via mail

Il D.L. 31/08/2013 n.101 all'art. 11 ha introdotto importanti variazioni al sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI. Tra le novità introdotte l'articolo in oggetto va a modificare l'elenco dei soggetti al sistema di tracciabilità riformulando conseguentemente il commi 1, 2 e 3 dell'articolo 188-ter del D.Lgs. 152/2006.
 
La norma non contempla l'obbligo di adesione per:
•  i produttori iniziali di rifiuti non pericolosi;
•  gli enti e le imprese che effettuano attività di raccolta, trasporto e gestione dei rifiuti non pericolosi;
•  i raccoglitori e i trasportatori di rifiuti urbani del territorio di Regioni diverse dalla Regione Campania (costoro, limitatamente ai rifiuti urbani pericolosi, sono comunque interessati alla fase di sperimentazione suddetta).
 
Detti soggetti possono aderire al SISTRI su base volontaria ai sensi del comma 2 dell'art. 188-ter del D.Lgs. n. 152/2006, come riformulato dall'art. 11 del d.l. n. 101/2013, nel testo modificato dalla legge di conversione.
 
I soggetti non obbligati all'iscrizione, ma che si sono già precedentemente iscritti, posso quindi chiedere la cancellazione dal sistema SISTRI per evitare un eventuale contributo per l'anno 2014 nonché di dover adempiere alle procedure previste dal sistema stesso.
 
Per effettuare la cancellazione si può inviare una e-mail (entro il 31/12/2013 per evitare il pagamento del contributo 2014) a iscrizionemail@sistri.it indicando nell'oggetto "Cancellazione Sistri pratica WEB_XX_XXXXX" e nel testo:
 
"Buongiorno,
con la presente la ditta XXXXX  iscritta con il numero di pratica WEB_XX_XXXXX chiede la cancellazione dal Sistri delle seguenti unità locali:
•  sede 1
•  sede 2
•  ...
Si allega alla presente fotocopia del documento di identità Legale Rappresentante.
Distinti saluti".

 
Per i trasportatori che volessero chiedere la cancellazione si ricorda che è necessario comunicare all'Albo Gestori Ambientali la cancellazione dei mezzi come indicato al punto 2 della circolare dell'Albo del 28/02/2011 Prot. 350/ALBO/PRES.
 
Si fa comunque notare che secondo quanto previsto, a seguito delle modifiche, dall'articolo 188 ter, comma 3, del D.Lgs. 152/2006, con uno o più decreti del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, sentiti il Ministro dello sviluppo economico e il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, potranno essere specificate le categorie di soggetti obbligati all'adesione e verranno individuate, nell'ambito degli enti o imprese che effettuano il trattamento dei rifiuti, eventuali ulteriori categorie di soggetti a cui è necessario estendere il sistema di tracciabilità. Il primo decreto verrà adottato entro il 3 marzo 2014, affinché l'ambito dei soggetti obbligati sia certo al momento di avvio della seconda fase di operatività.
 
Alcuni soggetti a cui si applica ora l'adesione volontaria, potrebbero pertanto tornare ad essere obbligati all'iscrizione e quindi a risostenere i costi previsti dal sistema nonché ad attendere le tempistiche di installazione/consegna dei dispositivi.
 
Allo stato attuale i soggetti per i quali è prevista l'adesione obbligatoria sono:
•  gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi;
•  gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti speciali pericolosi a titolo professionale, compresi i vettori esteri che operano sul territorio nazionale;
•  in caso di trasporto intermodale, i "soggetti ai quali sono affidati i rifiuti speciali pericolosi in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell'impresa navale o ferroviaria o dell'impresa che effettua il successivo trasporto;
•  gli enti o le imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti urbani e speciali pericolosi;
•  i nuovi produttori, che trattano o producono rifiuti pericolosi.
 
Rientrano altresì tra i soggetti obbligati ad aderire al SISTRI, ai sensi del comma 4 dell'articolo 188-ter, non modificato ma richiamato dall'articolo 11, comma 3, del d.l. n. 101/2013, i Comuni e le imprese di trasporto dei rifiuti urbani del territorio della Regione Campania.
 
L'obbligo di adesione si adempie mediante l'iscrizione al SISTRI e l'utilizzazione delle relative procedure.
 
Leone Boccaci - Sicurezza e Igiene del Lavoro Srl


 

 

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
06/06/2011 08:00:00
Sistri, ecco le proroghe E' un acronimo e sta per «Sistema integrato per il controllo e la tracciabilità dei rifiuti». Nuove regole per salvaguardare salute e ambiente.

29/08/2011 10:00:00
Abrogazione SISTRI Fra gli effetti della più recente manovra finanziaria del Governo, anche l'abrogazione del sistema di tracciabilità dei rifiuti

03/09/2013 09:00:00
Sistri dal 1° ottobre solo per rifiuti pericolosi Il Consiglio dei Ministri ha approvato le misure di semplificazione e revisione del SISTRI che partirà dal 1° ottobre 2013 per chi raccoglie, trasporta e tratta i rifiuti pericolosi

02/03/2013 09:45:00
Anche Pezzaze rinnova il servizio con Asvt Prorogato fino a fine 2013 anche per Pezzaze l'accordo con l'Azienda Servizi Valtrompia per la raccolta dei rifiuti urbani sul territorio. La convenzione viene così approvata da un'altra municipalità dell'Alta Valle altovalligiana

28/10/2013 10:30:00
L'investimento di Marmentino nel campo culturale Anche Marmentino ha liquidato le spese (5.000 euro) per l'adesione al sistema bibliotecario, museale ed archivistico della Comunità montana: risorse che verranno riutilizzate dall'ente per la realizzazione di eventi e manifestazioni culturali



Notizie da Sicurezza e lavoro
08/04/2014

Volontariato e sicurezza

Quali sono le disposizioni del TU alle quali devono sottostare le associazioni senza personale dipendente ma che, per raggiungere le proprie finalità, si avvalgono dell’aiuto di unità operative volontarie?

31/03/2014

Gardone spende per la frana in Caregno

Anche Gardone come molti altri comuni ha pagato il prezzo delle piogge torrenziali dell'inverno: la frana che ha interessato Caregno ha richiesto un intervento urgente 

23/01/2014

A Marcheno una lezione per difendersi dagli scippi

All'interno del corso di autodifesa femminile gestito da Mario Fausti presso alla palestra delle scuole medie, lunedì 27 gennaio si terrà una speciale lezione sulle tecniche per evitare scippi e contro i borseggi

17/01/2014

Job on call

La formazione è obbligatoria anche per i lavoratori a chiamata o intermittente. Una tipologia contrattuale che sta prendendo sempre più piede in Italia, in particolar modo nel settore della ristorazione

05/01/2014

Premi meritati per le Protezioni civili di Valle

Arriveranno in Valle circa 25 mila euro di contributi, grazie all'iniziativa dell'Associazione Comuni Bresciani. Obiettivo la copertura parziale delle spese per nove gruppi di Protezione civile valligiani

04/01/2014

La sbornia del terzo millennio

Così viene definita dall'Asaps l'abitudine di utilizzare il telefono cellulare e addirittura di leggere ed inviare sms mentre si è alla guida di un'auto

01/01/2014

L'autodifesa in rosa alla palestra di Marcheno

Prenderà il via il prossimo 13 gennaio presso la palestra comunale di Marcheno un nuovo corso di autodifesa rivolto alle donne di tutte le età: sei lezioni per imparare tecniche che possono salvare da situazioni pericolose

29/12/2013

Movimento franoso sulla strada per Cimmo

Con un'ordinanza diffusa lo scorso 27 dicembre, il sindaco di Tavernole ha reso nota l'urgenza di messa in sicurezza per la strada che collega la frazione al capoluogo in seguito alla frana di S. Stefano

20/12/2013

Nuove regole per il corso Tima di Gardone

Siglato da poco il nuovo protocollo d'intesa per la realizzazione del corso T.I.M.A, dedicato al ricambio generazionale di manodopera altamente specializzata del settore manifatturiero armiero

29/11/2013

L'automedica è itinerante per la Valle

La convenzione tra Areu Brescia e Croce Bianca di Lumezzane non ha posto il vincolo di presenza del mezzo solo in Valgobbia, che da tempo sosta in punti strategici d'intervento in tutta la Valtrompia

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier