Skin ADV
Lunedì 26 Settembre 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



15 Gennaio 2013, 08.45

Pillole di psicologia

Adolescenti e genitori

di Annalisa Croci
Spesso l'adolescente sembra fuggente, distante, silenzioso, non ha parole per il genitore: si nega al dialogo. Il genitore si sente allo stesso modo distante da lui, sente di non avere un linguaggio comune
 
È come se fra adolescente e genitore si fosse creato un muro o una nebbia fitta che non permette di vedersi, di comunicare.
È quindi opportuno chiedersi cosa ci sia dietro a quel muro, quanto celi dentro di se l’adolescente; immagino che ciò sia un compito complesso per il genitore e spesso frustrante in quanto il passaggio di significati e parole é ben poco ed é raro.   
 
Dietro a questo muro si nasconde la complessità, legata alla crescita ed al fatto di ricreare un nuovo tempo, che si colloca fra l’infanzia e l’età adulta. Si tratta, per l’adolescente e il genitore, di affrontare il tempo della crescita con due prospettive spesso diverse.
L’adolescente si trova di fronte ad una crisi che percepisce con sentimenti negativi e dall’altro lato il genitore vede progressivamente cambiare il figlio.
I cambiamenti possono riguardare abitudini, richieste, che sono nuove  e a cui spesso il genitore non sa come rispondere.
 
Quindi il dialogo e la comunicazione divengono sempre più critici e complessi in questo momento, che è rappresentato dal progressivo allontanamento dalle figure genitoriali, dall’importanza del gruppo dei coetanei e da improvvisi e forti cambiamenti corporei.
 
L’adolescenza del figlio a volte fa ripensare alla propria adolescenza e a come ci si comportava, ciò può essere un modo per mettersi progressivamente nell’ottica del figlio e capire come si possa sentire.
Il ragazzo dunque, generalmente, si chiude in silenzi, come volontaria decisione di non comunicare proprio con i genitori; oppure utilizza provocazioni verbali, ad esempio nel lessico, o nell’abbigliamento, oppure azioni, gesti che chiudono la comunicazione esplicita.
Alterna inoltre comportamenti di solitudine, irrequietezza, rifiuto delle regole familiari, rifiuto scolastico e nuove richieste, quali avere il motorino, rientrare tardi, uscire spesso con gli amici, andare in discoteca.
 
I genitori potrebbero sentirsi insicuri nel proprio ruolo, poco informati, con poche risorse personali, incapaci e non trovare argomenti da condividere.
Parallelamente potrebbero voler progressivamente sapere ciò che i figli pensano e ciò che si aspettano da loro, aver il bisogno di sentirsi dei perfetti genitori e di avere collaborazione da parte del figlio: bisogni assenti prima di questo periodo “ critico “.
Spesso il figlio adolescente vede il proprio genitore come un vecchio ed un preistorico, dall’altro lato l’adulto vede l’adolescente come un infante, indifeso o come sfuggente, strano, incomprensibile.
 
È necessario quindi trovare una sintonia, mettersi nei panni dell’altro.. anche se a volte sembra così strano e lontano, ascoltare…anche se spesso sembra che gli adolescenti non abbiano nulla da dire.
Allo stesso tempo l’adolescente vive una forte conflittualità dentro se, conflittualità dovuta a bisogni d’autonomia e bisogni di protezione. 
 
Il ragazzo non riconosce le figure genitoriali come quelle della sua infanzia, ha bisogno di allontanarsi dall’immagine perfetta, sembra infatti non riconoscerle più.
È necessario dunque introdurre alcuni cambiamenti nella comunicazione con i figli adolescenti: modificare il rapporto maturato durante l’infanzia, allentando la dipendenza, l’eccessiva protezione per permettere al figlio di affrontare il mondo extrafamiliare e raggiungere progressivamente maggiore autonomia. Inoltre sarebbe opportuno ascoltare, porre attenzione alle opinioni dell’adolescente, cercare di comprendere le sue emozioni e le richieste.  
 
L’assenza di dialogo non è sempre un segno di disturbo e di anormalità, bensì rappresenta un periodo critico e caotico sia per il giovane che per il proprio genitore. Nei momenti di difficoltà può essere utile avere fiducia nel proprio ruolo di genitore ed eventualmente rivolgersi ad uno specialista; ciò non significa dover  ammettere una sconfitta, ma concedersi un aiuto nel percorso di crescita personale e genitoriale.

Dott.ssa Croci Annalisa
Psicologa
Riceve presso: Via della Ferrovia 13, GAVARDO; Piazza del Comune, 15 PREVALLE
Cel. 3342357696
www.ascoltopsicologo.it
 
Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
13/05/2013 08:11
Come faccio ad essere un bravo genitore? Un altro appuntamento per il ciclo "Genitori in forma-zione". Questo luned 13 maggio alle 20.45 presso la sala consiliare di Villanuova sul Clisi la dottoressa Mariella Bombardieri , pedagogista e formatrice, interverr affrontando il tema "Come faccio ad essere un bravo genitore?"

13/11/2012 08:00
Gli adolescenti ancora sorridono L'adolescenza una malattia? Chiedono spesso i genitori in occasione di proposte formative rivolte a loro. Ci risponde Mariella Bombaridieri.

02/08/2013 09:30
Se l'adolescente preferisce i coetanei Durante l'infanzia i genitori rappresentano le figura di riferimento, le persone pi importanti; spesso vengono idealizzati ed ogni consiglio ritenuto vero, importante...

17/09/2013 09:05
La solitudine della famiglia Il mestiere di genitore diventato molto pi difficile e delicato di un tempo forse anche perch meno sostenuto dalla comunit di riferimento

24/09/2019 08:41
Dimenticare un bambino in auto. Perché? Ti sconvolge non poco la notizia di un bambino dimenticato in auto da un genitore, come è accaduto di recente a Catania




Notizie da Pillole di psicologia
17/06/2022

Tempo di esami e tempo dell'ansia

Con gli esami in arrivo l'aria che si respira in famiglia e tra i ragazzi, carica di tensione

17/01/2022

Training autogeno

Prender il via un corso di training autogeno di tecniche di rilassamento condotto dalla psicologa Sabina Moro


10/01/2022

Training autogeno

Il training autogeno una tecnica di rilassamento utilizzata per la gestione dell'ansia e degli stati di stress. Vediamo di cosa si tratta

16/12/2021

La tecnica dei pro e contro

Una tecnica strutturata che pu essere utilizzata per poter prendere delle decisioni adeguate e poter raggiungere i propri obiettivi la tecnica dei pro e dei contro. Vediamo in cosa consiste


18/11/2021

Disturbo ossessivo compulsivo

Il disturbo ossessivo compulsivo colpisce circa il 2-3% della popolazione. Ma cosa caratterizza questo specifico disturbo?


19/07/2021

Essere se stessi

Come ti descriveresti come persona e come pensi ti descriverebbero le persone che ti circondano?


03/07/2021

Autostima

Migliorare la propria autostima un lavoro impegnativo che richiede impegno e costanza. Che collegamenti possono esserci tra autostima e impegno lavorativo?

17/06/2021

Coraggio

La nostra zona di comfort non ci permette di sperimentare situazioni nuove e alimenta la nostra paura. E' importante quindi sviluppare coraggio per allontanarci da ci che ci fa soffrire

31/05/2021

Palestra

Molto spesso il percorso all'interno di strutture sportive viene interrotto a causa di una scarsa motivazione successiva al non vedere subito i risultati sperati


17/05/2021

Narcisismo

Uno dei disturbi di personalit inserito all'interno del Manuale Diagnostico dei Disturbi Mentali il narcisismo. Ma di cosa si tratta?

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier