Skin ADV
Martedì 09 Agosto 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



16 Giugno 2012, 10.30

Import-Export

Rallentano le esportazioni

di red.
Nuova inversione di tendenza per le esportazioni bresciane (-1,4%). Anche le importazioni registrano una lieve flessione (- 2,9%)

I dati export recentemente diffusi dall’Istat fanno emergere due importanti informazioni: l’andamento complessivo delle esportazioni bresciane ha subito un lieve calo rispetto al trimestre precedente (-1.4%); tutti i principali Paesi emergenti (ad eccezione dell’India) vedono ridurre la quota di importazioni da Brescia.
È quanto emerge dai dati Istat rielaborati dal Centro Studi AIB per il primo trimestre 2012.

A mitigare la preoccupazione di un nuovo rallentamento dell’economia resta il risultato positivo su base tendenziale: le esportazioni, infatti, registrano un incremento del 2,5% rispetto allo stesso periodo del 2011.

La tendenza negativa delle esportazioni bresciane – rispetto agli ultimi tre mesi del 2011 - risulta superiore sia a quella rilevata in Lombardia (- 0,3%) che a quella registrata in ambito nazionale (- 1,0%); anche la dinamica negativa dell’import supera di gran lunga quella lombarda (+0,5 %) e quella dell’Italia (+1,0 %).

Il calo delle esportazioni ha riguardato tutti i comparti metalmeccanici, con esclusione dei metalli e prodotti in metallo. Anche tessile ed alimentare fanno registrare dati negativi. Per quanto riguarda, invece, i mercati geografici di sbocco, quelli che hanno inciso negativamente sulla performance sono Stati Uniti, Turchia, Brasile e Cina.
In controtendenza, invece, su base congiunturale le esportazioni verso Germania e Francia che consentono di contenere la perdita complessiva in valore assoluto.

L’export - fino a qualche tempo fa considerato l’unico mezzo per uscire dalle “sabbie mobili” della recessione - ha segnato il passo per la seconda volta negli ultimi 9 mesi. Quanto fatto registrare dai recenti dati, non è che la conferma di quanto avvenuto a livello macro-economico nei primi mesi dell’anno: lo scenario ha cessato di migliorare; la fiacchezza del mercato del lavoro americano non ha dato lo slancio auspicabile all’economia USA; anche gli altri principali motori del commercio mondiale (i Paesi emergenti) hanno rallentato la loro corsa (in modo particolare la Cina). In ambito nazionale, si conferma il contesto recessivo e l’incertezza che risente del calo di fiducia di imprese e famiglie colpite anche dai recenti eventi sismici, della perdurante selettività del credito e degli effetti delle manovre recessive. Il dato negativo delle importazioni riflette, in particolare, sia la caduta dei prezzi delle materie prime nella prima parte di quest’anno, che l’indebolimento della domanda interna.

Questi, in sintesi, i risultati più significativi che emergono dalle elaborazioni effettuate in anteprima dal Centro Studi AIB su dati dell’Istat del commercio internazionale.

Le esportazioni
Le esportazioni bresciane nel primo trimestre del 2012 sono aumentate del 2,5% rispetto ai primi tre mesi dello scorso anno e sono diminuite dell’1,4% nei confronti del quarto trimestre del 2011. In valore, hanno raggiunto i 3.356 milioni di euro.

Al calo delle vendite all’estero hanno concorso soprattutto i seguenti settori: macchine e apparecchi meccanici (-10,9%), apparecchi elettrici e di precisione (-6,2%) autoveicoli e altri mezzi di trasporto (-7,1%). In controtendenza, il settore dei metalli e prodotti in metallo (+ 5,6%).

A livello geografico, gli incrementi più rilevanti delle esportazioni si sono registrati in India (+19,7%), Germania (+11,5%) e Francia (+9,2%), mentre i cali più importanti si riscontrano in Turchia (-24,7%), Brasile (-20,6%) e Stati Uniti (-9,8%).

Le importazioni
Le importazioni si attestano a 1.849 milioni di euro, con un calo del 2,9% rispetto al quarto trimestre del 2011 e una diminuzione del 14,5% sul primo trimestre dello scorso anno.

La dinamica negativa delle importazioni bresciane è generalizzata ai settori più rappresentativi del made in Brescia quali metalli e prodotti in metallo (- 4,8%), macchine ed apparecchi meccanici (-10,5%) ed autoveicoli ed altri mezzi di trasporto (-9,6%). In controtendenza i settori della chimica e della gomma e materie plastiche che hanno realizzato incrementi rispettivamente del 13,4% e del 2,5%.

A livello geografico, la maggiore caduta delle importazioni si è verificata nei confronti degli Stati Uniti (-23,7%) e Cina (-9,7%). Sono aumentate le importazioni provenienti da Russia (+17,2%), Turchia (+10,3%) e India (+11,4%).

Il saldo import-export
L’interscambio con l’estero delle imprese bresciane ha registrato nel primo trimestre del 2012 un saldo positivo di 1.507 milioni di euro, contro i 1.102 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente, con un incremento del 36,8%.

Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/09/2012 08:00
Rallentano le esportazioni, crollano le importazioni I dati Istat al primo semestre 2012 elaborati dal Centro Studi Aib confermano il rallentamento dell'economia bresciana anche sul fronte dell'import-export.

10/12/2021 15:36
Nuovo record per le esportazioni bresciane Nel 3 trimestre 2021, le esportazioni bresciane, pari a 4.554 milioni di euro, hanno espresso l'importo pi elevato da quando disponibile la serie storica, evidenziando un incremento del 21,4% rispetto allo stesso periodo del 2020 e del 18,9% rispetto allo stesso periodo del 2019

20/03/2012 10:00
In aumento le esportazioni bresciane I dati Istat al quarto trimestre 2011 elaborati dal Centro Studi Aib confermano il buon andamento delle vendite all’estero.

16/12/2012 09:00
Crollano ancora le esportazioni bresciane I segnali di rallentamento dei flussi commerciali con l'estero, manifestati nei primi due trimestri di quest'anno, si sono ulteriormente aggravati nel periodo estivo.

11/12/2019 15:30
Export bresciano, crollo nel terzo trimestre Esportazioni bresciane tra luglio e settembre 2019 in calo del 5,5% rispetto allo stesso periodo del 2018: si tratta della variazione più bassa dal quarto trimestre 2009



Notizie da Economia e lavoro
04/08/2022

Terziario, nel 2° trimestre 2022 stabile la fiducia, poco sopra i livelli di fine 2020

Tra aprile e giugno, il clima di fiducia delle imprese bresciane attive nel settore dei servizi si attestato a 109, di fatto invariato rispetto a quanto rilevato nel periodo precedente (108). Tale evoluzione si inserisce all'interno di un movimento ribassista iniziato nella seconda met del 2021.

28/07/2022

Nel 2° trimestre rallenta il ritmo di crescita dell'industria

Il presidente Gussalli Beretta:

23/06/2022

Ieri l'Assemblea Generale e l'evento annuale della Piccola Industria

L'evento si svolto alla Tenuta Acquaviva di Travagliato e ha visto l'intervento del Presidente di Confindustria Brescia, Franco Gussalli Beretta, e della squadra di presidenza. A seguire l'evento a cui ha preso parte anche il professor Robert Wescott, Consiglio Economico della Casa Bianca durante la presidenza Clinton

13/06/2022

Il primo Quaderno dell'Osservatorio sul diritto dell'Impresa

Nel primo elaborato, intitolato

09/06/2022

Metalmeccanica: 1° trimestre 2022 positivo, nonostante il conflitto tra Russia e Ucraina

Nei primi tre mesi dell'anno, l'attivit registra una nuova crescita: +12,3% per la meccanica rispetto allo stesso periodo del 2021 e +8,4% per la metallurgia. La marginalit, tuttavia, quanto mai sotto pressione, schiacciata dai rincari delle materie prime industriali ed energetiche

09/06/2022

Banca Valsabbina si rafforza a Milano con la terza filiale

Operativa in via Domodossola, nei pressi di Corso Sempione, si aggiunge a quelle di Porta Venezia e Piazzale Cadorna

25/05/2022

Crolla la fiducia delle aziende bresciane

Nel 1 trimestre del 2022, il clima di fiducia delle imprese bresciane attive nel settore dei servizi si attestato a 108, confermando la tendenza in ribasso riscontrata nelle ultime rilevazioni. La causa? La preoccupazione per i risvolti del conflitto russo-ucraino. A evidenziarlo sono risultati dell'Indagine congiunturale del Centro Studi di Confindustria


24/05/2022

Premiati 22 nuovi Maestri del lavoro

L'onorificenza, rivolta ai lavoratori dipendenti ancora in servizio o gi pensionati, premia i collaboratori che hanno saputo contribuire, con meriti particolari, alla crescita e allo sviluppo dell'impresa.

22/05/2022

«Cigni neri, inflazione e capitale privato: qui si fa l'Italia»

All'incontro, dedicato in particolare alle opportunit legate al private markets e private equity per trasformare e innovare le imprese Italiane, sono intervenuti tra gli altri Franco Gussalli Beretta, Presidente di Confindustria Brescia, Paolo Streparava, Vice presidente di Confindustria Brescia con delega a Credito, Finanza e Fisco, e Claudio Scardovi, CEO & Fondatore di HOPE

07/05/2022

Verso organizzazioni intelligenti e creative

Welfare aziendale, responsabilit, partecipazione, resilienza sono temi chiave per la creazione di contesti lavorativi intelligenti e creativi. Se ne parler marted 17 maggio a Lumezzane alla presentazione di un volume di Luciano Pilotti

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier