Skin ADV
Giovedì 19 Maggio 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

LANDSCAPE


MAGAZINE



 



25 Agosto 2021, 11.15

AIB Confindustria Brescia

Lavoro, il mercato premia i laureati in materie tecnico-scientifiche

di red.
Lo evidenzia l'HR Dashboard 2021 del Centro Studi di Confindustria Brescia nell'ambito dei principali territori italiani a vocazione industriale

Nei principali territori italiani a vocazione industriale – tra cui Brescia –, il mercato del lavoro premia i giovani laureati in materie tecnico-scientifiche, che segnano un salario d’ingresso medio annuo superiore di oltre 1.800 a quello dei laureati triennali.

È questa una delle principali evidenze emerse dall’HR Dashboard 2021, rapporto curato dal Centro Studi di Confindustria Brescia che riunisce i risultati delle tre indagini (retributiva, sul mercato del lavoro e sui profili professionali), condotte nel primo semestre dell’anno su un panel di aziende associate sui temi che riguardano la gestione delle risorse umane.

Il rapporto è frutto della collaborazione tra Confindustria Brescia e alcune delle principali territoriali associate a Confindustria: Assolombarda, Bergamo, Como, Torino, Cuneo, Venetocentro, Vicenza, Verona, Emilia Area Centro, Reggio Emilia, Firenze. All’iniziativa, che ha visto la partecipazione complessiva di oltre 3.000 imprese, con 424.000 dipendenti, hanno collaborato 320 associate a Confindustria Brescia, con quasi 35 mila addetti.

Tra i dati emersi, la retribuzione d’ingresso media annua di un giovane laureato si colloca tra i 23.645 e i 25.442 euro, con differenze determinate sia dall’indirizzo di studi che dal possesso di una laurea triennale o magistrale. L’indirizzo di studi maggiormente premiato, come già anticipato, fa riferimento alle lauree tecnico-scientifiche, dove il salario medio d’ingresso è di 25.442 euro; lievemente inferiori le retribuzioni dei laureati in materie economico-giuridiche (24.769 euro) e umanistiche (24.467 euro). All’ultimo posto si collocano i laureati triennali che, con 23.645 euro, mostrano un gap rispetto alle retribuzioni migliori di circa 1.800 euro l’anno.

Le retribuzioni risultano superiori
nelle imprese con oltre 100 addetti e in quelle del settore industriale, indipendentemente dalla tipologia di laurea. Per i giovani laureati in materie tecnico-scientifiche, i differenziali tra piccole e grandi imprese sono di quasi 3.000 euro e tra industria e servizi di oltre 2.000 euro. Lo stesso schema si ripete per i laureati in materie economico-giuridiche: in questo caso la differenza per classe dimensionale è di 3.261 euro e quella per settore di 2.362 euro. Ancora più profondo il gap per le lauree umanistiche: oltre 4.600 euro la differenza tra piccole e grandi imprese, 2.900 euro tra industria e servizi. Per quanto riguarda le lauree triennali, i differenziali retributivi tra piccole e grandi imprese e tra industria e servizi sono, rispettivamente, 2.900 euro e 1.900 euro.

“I dati emersi evidenziano, una volta di più, le potenzialità dei percorsi di studio tecnico-scientifici, in particolare all’interno di una provincia fortemente legata all’imprenditoria e all’innovazione come Brescia – commenta Elisa Torchiani, Vice presidente di Confindustria Brescia con delega al Capitale Umano –. Sotto questo profilo, il dialogo tra associazioni, imprese e istituti scolastici deve però continuare a crescere, valorizzando le forme di incontro già esistenti, come l’alternanza scuola-lavoro, e trovando nuove modalità di inserimento per laureati e diplomati nelle nostre aziende. Solo in questo modo le competenze potranno continuare a crescere, insieme alla forza del Sistema Brescia.”

Riguardo al welfare aziendale, gli strumenti disponibili sono presenti nel 50,3% delle aziende. I valori sono strettamente correlati alla dimensione d’impresa. Quelle più grandi, si caratterizzano per una diffusione maggiore (66,4%), mentre quelle più piccole si attestano al 32,5%. In mezzo, si posizionano le aziende di media dimensione, dove la penetrazione del welfare è del 44,8%. A livello settoriale, una maggiore diffusione si riscontra nella manifattura (52,4%) rispetto ai servizi (44,5%).

Tra gli strumenti, al primo posto si colloca la piattaforma welfare (65,8%), seguita dalla flessibilità oraria (45,1%) e dalla possibilità di usufruire di permessi e congedi ulteriori (17,4%). Percentuali che non superano il 2,3% si rilevano per strumenti quali palestra, navetta, asilo e maggiordomo aziendale.

Il tema delle politiche di Diversity & Inclusion viene affrontato dal 52% delle imprese, con una proporzionalità diretta tra la loro diffusione e la dimensione aziendale e con una sostanziale omogeneità tra imprese industriali e di servizi. Nelle realtà di minori dimensioni, quasi 7 su 10 non hanno mai nemmeno preso in considerazione il tema, mentre la percentuale è pressoché invertita (31,4% VS 67,1%) per le imprese sopra i 100 dipendenti.

Non solo, nelle prime la maggioranza di chi si pone il problema è ancora lontano da soluzioni avanzate (fase preliminare o formazione) mentre, nelle seconde, ormai un quarto delle aziende dichiara policy strutturate o addirittura certificate. Il dato medio sulla inclusione di politiche avanzate di D&I, è del 17% e al suo interno, la certificazione è diffusa a meno del 2% delle aziende.

La prevalenza di interventi si concentra su disabilità (68,9%) e genere (68,6%).  Seguono i temi che sono divenuti importanti negli anni più recenti: da un lato l’esposizione a culture e nazionalità non omogenee a quella tradizionale (62,3%), dall’altro il tema delle generazioni (57,2%), visto che il progressivo innalzamento dell’età pensionabile e l’invecchiamento delle coorti dei lavoratori li espone ad una convivenza di approcci, saperi e comportamenti con le generazioni y e z dei nativi digitali. Inferiori, ma comunque non trascurabili, sono i temi dell’orientamento sessuale, della genitorialità e della religione, richiamati circa nel 30% dei casi.

A completamento dell’analisi, si ricorda che nel mese di settembre verranno diffusi i risultati dell’Indagine Retributiva, al cui interno sono disponibili dettagliate schede retributive per circa 60 profili professionali trasversali su una decina di macro aree aziendali. In un convegno, in programma per il mese di ottobre, infine, verranno presentati i due documenti HR Dashboard e Indagine Retributiva.
Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
21/05/2021 16:40
«Giovani e futuro, il mondo che vorrei» Presentati i risultati dell'indagine dell'Osservatorio, che mira ad analizzare e comprendere il mondo dei giovani di fronte alle complessità degli ultimi mesi

16/10/2021 16:05
Green pass, piena operatività nelle aziende Secondo un'indagine di Confindustria Brescia su quasi 300 aziende associate, il 93% del campione non ha riscontrato alcun problema nella gestione dei controlli; il 77% ha effettuato controlli sulla totalità dei lavoratori.

08/05/2022 08:00
Tiene il primo trimestre Si aggrava la pressione sui margini aziendali, a seguito della limitata capacità di trasferire sui prezzi di vendita i rincari dei costi degli input produttivi.

29/07/2021 12:00
Industria, quasi recuperati i livelli pre Covid Tra aprile e giugno 2021 a Brescia - 4% rispetto al 2° trimestre 2019. Record storico positivo sul 2° trimestre 2020 (+29,1%)


08/02/2022 09:55
Nel 2021 recuperati i volumi persi con la pandemia Lo scorso anno si è chiuso con un record nella produzione industriale: la crescita media annua è stata pari al 14,8% rispetto al 2020.



Notizie da Economia e lavoro
07/05/2022

Verso organizzazioni intelligenti e creative

Welfare aziendale, responsabilità, partecipazione, resilienza sono temi chiave per la creazione di contesti lavorativi intelligenti e creativi. Se ne parlerà martedì 17 maggio a Lumezzane alla presentazione di un volume di Luciano Pilotti

20/04/2022

Cresce l'apertura sul credito, in salita i prestiti alle industrie

Ad evidenziarlo è il Booklet Economia a cura del Centro Studi di Confindustria Brescia, che contiene i principali indicatori economici della provincia. Nel quarto trimestre 2021 i prestiti all'industria salgono del 2,6%

10/04/2022

Aler e Ge.S.I. insieme per l'efficientamento energetico

Il Presidente Bianco Bertoldo e l'Amministratore unico, il nuovo ruolo assunto dall'anfese Pietro Bondoni, ricordano i lavori realizzati nelle province di competenza

08/04/2022

Iniziato mercoledì il roadshow SetteOttavi

Al Laboratorio Lanzani di Brescia, gli imprenditori del settore Abbigliamento, Magliecalze, Calzaturiero e Tessile di Confindustria Brescia si sono incontrati con i colleghi, associati e non, delle zone Brescia, Bassa Bresciana Occidentale e Bassa Bresciana Orientale.

23/02/2022

Il dipartimento economico del Tennessee incontra le aziende bresciane

All'appuntamento, organizzato dalla Camera di Commercio di Brescia con il supporto di Pro Brixia e il contributo di Confindustria Brescia, sono intervenute oltre 30 aziende

08/02/2022

Nel 2021 recuperati i volumi persi con la pandemia

Lo scorso anno si è chiuso con un record nella produzione industriale: la crescita media annua è stata pari al 14,8% rispetto al 2020.

03/02/2022

Timken passa al gruppo Camozzi

 Soddisfazione del mondo sindacale, produttivo e politico per la felice conclusione della crisi aziendale dell'azieda di Villa Carcina. Ricollocati anche i lavoratori rimasti senza occupazione

20/01/2022

La metallurgia supera in modo brillante il Covid

Analizzati i bilanci di quasi 200 realtà attive nel comparto: la crisi legata al Covid non stravolge gli equilibri precedenti. La quota di aziende che si posizionano nella classe A (quella che include gli operatori più virtuosi) rimane invariata rispetto all'anno precedente (30%). Per gli altri livelli si registrano leggere variazioni.

20/01/2022

Insediato il nuovo prefetto Maria Rosaria Laganà

Ha preso possesso della sua nuova sede di prefetto di Brescia la dott.ssa Laganà, proveniente da Treviso. Assume anche l'incarico di Commissario straordinario della depurazione del Garda

13/01/2022

La pandemia non scuote il settore Meccanica, ma serve attenzione alle realtà più fragili

Gabriella Pasotti (Presidente Settore Meccanica Confindustria Brescia): "La resilienza delle nostre imprese certifica il valore della Meccanica; ora serve una politica europea contro l'aumento dei costi di materie prime ed energia"


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier