Skin ADV
Lunedì 25 Maggio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





03 Febbraio 2013, 09.30

Spaccadischi - Novità

Un ritorno in grande stile per Ettore Giuradei

di Davide Vedovelli
Esce tra pochi giorni il nuovo disco di Ettore Giuradei, il "panciastorie" franciacortino che ha deciso di intitolare il suo nuovo lavoro proprio "Giuradei". Un ritorno sulle scene fatto con un disco di grandissimo stile
 
Arriva il momento in cui l'artista pubblica un album e lo titola con il proprio nome. Mi viene in mente "Francesco Guccini", "Fabrizio De Andrè", "De Gregori". Di solito questo momento arriva quando il disco è rappresentativo del Dna dell'artista stesso. Per Ettore Giuradei l'ultimo lavoro è la sua carta d'identità.
 
In "Giuradei" Ettore è rimasto fedele a se stesso, senza trucchi ne lustrini, senza voler sembrare qualche cosa di diverso da quello che è stato fino ad ora, ed è qualità rara questo tipo di sincerità. Facile cadere nella tentazione di voler stupire il proprio pubblico, ma Ettore e Marco, inseparabile fratello e musicista, raccontano il loro punto di vista. Ecco allora che in questo disco le visioni stralunate dei lavori precedenti lasciano spazio ad una sana incazzatura. Un Giuradei incazzato ma poi dolce, ironico e dissacrante, giudicatorio e poi fragile, senza scudi né corazze. Che bello quando ci si rende conto di ascoltare un artista che coincide con la persona che è, che bello non avere il dubbio di essere ingannati o presi in giro. Per chi conosce Ettore e conosce i lavori precedenti sa che nelle sue canzoni non c'è mai stata la ricerca di parole e frasi complicate, ma piuttosto il voler arrivare alla pancia e poi al cuore in modo semplice e poetico allo stesso tempo, in modo grezzo, nell'accezione positiva del termine però.
 
Veniamo ora al disco.
Da quando saliva sul palco e gironzolava attorno ad un piatto di batteria di strada ne ha percorsa, strada che lo ha portato sul palco del Premio Tenco e nei teatri di tutt'Italia, oltre che ad aggiudicarsi la prima edizione di Musica da Bere. L'affetto che il pubblico nutre per lui è un qualche cosa di eccezionale e c'è da dirlo: i concerti di Ettore sono un'esperienza imperdibile; è proprio nel live dove il Giuradei giganteggia. L'apertura del disco è affidata a Mi dispiace amore mio, pezzo leggero e divertente che fa da intro al disco; troviamo poi la bellissima canzone “La sconosciuta” che mette in risalto la maestria con cui Ettore riesce a concatenare le parole creando un crescendo e un coinvolgimento totale, musicale e testuale, inebriando l'ascoltatore. Ci racconta del ricordo di una sconosciuta che lo sveglia a metà notte, e ci si immedesima, ossessionati dal pensiero di una ragazza con  “...l'immagine fantastica ha già visto la sua vita nuda sotto la maglia larga, con la lama della lingua, a la magica serena consapevole risata della giungla...”. Con il terzo pezzo “sta per arrivare il tempo” torna ad essere irriverente e sarcastico, citando Sgarbi e Dante e mettendoci in guardia dalle nostre certezze “ dalle nostre frasi fatte, dalle vacanze al mare”. Tutto questo lo fa con semplicità senza risultare ne spocchioso ne profetico, ma con quel tono confidenziale che presuppone  un “io te l'ho detto...poi fai te”. E' poi la volta di“continuano a volare” arricchita dalla voce di Giancarlo Onorato. La quinta canzone “dimenticarmi di te” ci traghetta verso i pezzi più riusciti dell'album. Con il sesto pezzo entrano le chitarre elettriche distorte e quel “bel casino” che a Ettore piace tanto, soprattutto nei concerti. “Generale” (che non è una cover del brano di De Gregori) è incalzante e totalizzante, e fa da preambolo al settimo pezzo, brano ecologico che si chiama “Papalagi”, dove mette in dubbio certi costumi della nostra società “...la terra se si incazza
poi s'ammazza, finalmente capirete che è la madre maltrattata di malati immaginari ...”.
 
Ci avviamo alla conclusione con “La tristezza” e “Senza di noi” (Cover di Otto Ohm). Ma manca ancora il pezzo a mio parere più bello e riuscito; a chiudere il disco “Amami”, una piccola autobiografia. Dopo essersi incazzato, indignato, divertito, averci preso in giro bonariamente, la dolcezza e la spiazzante fragilità di Ettore Giuradei emergono in questa perla che da sola varrebbe tutto il disco. 
Ad accompagnarlo, oltre agli altri bravissimi musicisti, il fratello Marco e partecipazione di Giancarlo Onorato ad impreziosire il quinto pezzo. Un album bello, da bere tutto d'un fiato e riascoltare cento volte, un disco che travolge ma lo fa con discrezione e chiedendoti permesso, semplice e naturale, che non cerca parole complicate ne improbabili arrangiamenti, come dicevo poco fa la carta d'identità di Ettore Giuradei. Ora aspettiamo di vederlo a Brescia dove ad accoglierlo ci sarà una folla festante, perchè i suoi concerti sono sopratutto delle feste a cui siamo tutti invitati ed è un delitto mancare. Bravo Ettore.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
05/02/2015 14:08:00
Ettore Giuradei in concerto Giovedì 12 febbraio presso il Teatro Odeon di Lumezzane si terrà la prima serata di “Aspettando Musica da Bere”. Protagonista Ettore Giuradei. Due biglietti gratis per i lettori di Vallesabbianews

03/03/2013 09:00:00
Anteprima del festival con i Tre Allegri Ragazzi Morti Venerdì 8 marzo Musica da Bere, concorso musicale organizzato dall'associazione culturale Il Graffio di Vobarno, farà tappa al Bloom di Mezzago (MB) per un'anteprima davvero speciale

11/02/2015 09:08:00
Giuradei in concerto Assegnati i biglietti omaggio per il concerto di Ettore Giuradei in programma giovedì 12 febbraio al Teatro Odeon di Lumezzane

22/05/2015 10:45:00
Lo «Spaccadischi» sotto l'ombrellone Dopo una breve pausa torna la versione estiva dello Spaccadischi. I locali chiudono, ma la provincia comincia ad animarsi di feste, festival e rassegne.

02/04/2014 08:42:00
Ricky Gianco Targa Musica da Bere alla carriera 2014 Un altro grande artista si aggiunge al già ricchissimo cast della rassegna, mentre il cantautore Iacampo completa la giuria



Notizie da Spaccadischi
02/03/2020

Le epidemie di licantropia nel Medioevo

Anche in questo periodo di paura per l’epidemia di Coronavirus c’è bisogno di distrarsi con qualche curiosità, così ho pensato di parlarvi di un’epidemia ben strana che si diffuse nel Medioevo: la licantropia


31/01/2020

Torna «La Torre delle Favole»

Da domenica 2 febbraio a Lumezzane s’inaugura la 17ª edizione della rassegna per bambini con un racconto bellissimo ed intramontabile: Raperonzolo

31/01/2020

L'ipnosi

Molti anni fa mi sono imbattuto in un vecchio libro che parlava di ipnosi. Lo trovai su una bancarella stipata di libri usati, consumati dal tempo e dagli occhi degli uomini

26/11/2018

«L'infinito», Vecchioni torna con un nuovo disco

Ai giornalisti il cantautore ha annunciato, a sorpresa, non il ritiro dalle scene ma il suo ritorno in cattedra con un nuovo lavoro, a cinque anni dall’ultimo disco di inediti 
• VIDEO


23/06/2015

Maria Antonietta si racconta

Dopo aver ricevuto la Musica da Bere Targa Artista, Maria Antonietta si racconta in una breve intervista allo Spaccadischi

18/06/2015

Lo «Spaccadischi» sotto l'ombrellone

L'evento più importante del weekend è certamente la festa della musica di sabato sera a Brescia, deve parsi per la città sono allestiti 45 palchi, con 1000 eventi e con oltre 3500 performer, dalle 10 di mattina fino a notte inoltrata

11/06/2015

Lo «Spaccadischi» sotto l'ombrellone

Il secondo fine settimana di giugno pullula di eventi in ogni angolo della provincia. A Vobarno il concerto del cantautore bresciano Piergiorgio Cinelli

09/06/2015

I primi 40 anni di Gardaland

Tra adrenalina, avventura e “Night is magic” arriva a Gardaland anche un suggestivo spettacolo sulla Prima Guerra Mondiale

05/06/2015

Lo «Spaccadischi» sotto l'ombrellone

Due gli eventi degni di segnalazione per questo fine settimana a Brescia e provincia: questo venerdì sera La notte del sacro in città che chiude il festival Corpus Hominis e a Moniga Italia in Rosa, dedicata ai vini rosé

03/06/2015

Piergiorgio Cinelli, oltre il dialetto

Intervista al cantante bresciano, che sarà protagonista quest’estate con il suo nuovo spettacolo per tutta la provincia, in attesa del concerto a Vobarno di domenica 14 giugno

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier