Skin ADV
Domenica 28 Novembre 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





15 Febbraio 2013, 09.30

L'intervista

Patrizio Fariselli: la musica è vita

di Davide Vedovelli
Lo Spaccadischi intervista Patrizio Fariselli, storico membro degli Area.

L'esperienza degli Area è stata sicuramente una realtà unica in Italia e non solo. Credo che la caratteristica che vi contraddistingueva sia stata il coraggio e un pizzico di follia. Quando vi riunivate in sala prove cosa succedeva? Vi davate un obiettivo o seguivate l'istinto? Insomma... come nasceva la musica degli Area?

I meccanismi della creatività sono complessi da indagare, e le dinamiche di gruppo ancor di più. Posso tentare una sommaria descrizione di quel che avveniva durante le prove. Ogni intuizione individuale, idea tematica o spunto ritmico, doveva sottostare al vaglio del collettivo. Era messa alla prova in tutti i modi possibili ed esplorata in tutte le sue varianti. Se sopravviveva a questa prima durissima fase diveniva patrimonio del gruppo e, da quel momento, l’impegno di tutti era di come far crescere quel seme. Si trattava di dare le risposte giuste ai quesiti che l’idea stessa proponeva, e questo processo era la misura dell’impegno di tutti a trovare un risultato condiviso.
Parallelamente, magari in sedi diverse da dove si svolgevano le prove musicali, si procedeva con una ricerca più concettuale, si individuavano le tematiche da elaborare con i testi, con un titolo, o con un’azione. A volte era il concetto stesso a fare da stimolo all’elaborazione musicale, vedi Lobotomia, Brujo oppure MIRage.
A quel punto in campo c’era un insieme di suoni, situazioni sonore, concetti, parole e azioni che, in un’ultima fase unificatrice, si concretizzavano nella nostra musica.

Un’immagine che mi ha colpito l'ho trovata in un filmato di un festival in cui fate passare un filo elettrico tra il pubblico e la gente, muovendolo, interagiva con la vostra musica. Qual era il vostro rapporto con il pubblico che vi seguiva?

Personalmente sono convinto che la musica sia un fenomeno sociale. Anche quando un musicista è solo in casa a suonare, la sua mente è divisa almeno in due parti, una impegnata a produrre musica e un’altra ad ascoltarla, a valutarla, a metabolizzarla.
Penso che gli Area abbiano sempre tenuto in grande considerazione il proprio pubblico e lavorato per alzare la qualità delle performance dal vivo, occasioni in cui gente che produce suoni incontra gente che si è mossa per ascoltarli in un intenso rito collettivo. Nel caso che tu citi, il pubblico, era collegato a un sintetizzatore, e più persone si toccavano, più la musica reagiva. In quella performance il divario tra audience e musicisti era annullato.

Quelli erano anni in cui si è sviluppato, forse più all'estero che in Italia, il culto della rock star, con tutto ciò che ne seguiva. Come influiva sulla musica questo processo?

Già da Arbeit macht frei, il nostro primo disco, abbiamo espresso il nostro parere nei confronti dello star system proponendo L’abbattimento dello Zeppelin.
Niente di personale, ovviamente, ma in quel pezzo i palloni gonfiati del rock venivano simbolicamente abbattuti. Gli Zeppelin pagavano per tutti gli altri. Per noi musica e vita coincidevano, e il nostro modo di vivere non era certo quello delle rock star. Siamo sempre stati delle personcine… normali.

Veniamo al presente. Hai collaborato con artisti e cantautori valorizzandone l'opera; penso per esempio ad uno splendido tour in cui con Dalla Porta accompagnavi Vecchioni. Che strada sta prendendo oggi la musica? In che artisti trovi la capacità e il coraggio di provare a fare qualche cosa di nuovo?

Io e Paolino Dalla Porta ci siamo molto divertiti con il professor Vecchioni, un poeta, una persona squisita e, dal punto di vista musicale, estremamente disponibile. Lo abbiamo accompagnato nelle sue canzoni senza modificare di una virgola il nostro pensiero musicale (che con il pop ha pochissimo a che vedere).
Ritengo che il risultato sia stato molto interessante e il disco Il Contastorie lo documenta. Per trovare novità però, dal mio punto di vista, bisogna volgere lo sguardo verso ciò che è lontano dagli interessi del mercato (che oggi è particolarmente prepotente) verso la musica contemporanea, il jazz, e non tanto verso il mondo della canzone.

Ultima domanda invece è sul tuo percorso musicale. Progetti per il futuro?

Ho realizzato un disco per piano solo e modulatore ad anello dal titolo Piccolo Atlante Delle Costellazioni Estinte e sto lavorando a un film a cartoni animati sulla vita di Iqbal. Per il resto l’attività dei nuovi Area assorbirà tutte le mie energie. C’è ancora tanta musica da suonare.

Visualizza per la stampa

TAG





Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
23/06/2015 11:10
Maria Antonietta si racconta Dopo aver ricevuto la Musica da Bere Targa Artista, Maria Antonietta si racconta in una breve intervista allo Spaccadischi

11/01/2012 10:04
Jet Set Roger in compagnia degli umani In uscita il nuovo disco del cantautore bresciano Jet Set Roger, che sar presentato in anteprima venerd 13 gennaio alle 22 presso il locale Carmen Town a Brescia. Intervista esclusiva per “Lo Spaccadischi”.

25/11/2014 15:28
Intervista al cantautore Paolo Tocco In occasione del nuovo video dell'amico e cantautore Paolo Tocco lo raggiungiamo via mail per una bella chiacchierata

16/01/2013 11:40
Intervista a Dimartino Antonio Di Martino siciliano, ed a mio avviso uno tra gli artisti pi interessanti della scena italiana. La definizione cantautore non gli piace e gli sta stretta. In effetti qualche cosa di diverso

30/08/2013 12:25
Intervista a Julico Quest'incontro avvenuto a parecchi chilometri di distanza. Julico si iscrive a Musica da Bere e subito le sue canzoni attirano la mia attenzione.



Notizie da Spaccadischi
20/10/2021

Al via la Stagione dell'Odeon

Una programmazione di altissimo livello quella del Teatro di Lumezzane, che riprende questo mese con numerosi spettacoli

02/03/2020

Le epidemie di licantropia nel Medioevo

Anche in questo periodo di paura per l’epidemia di Coronavirus c’è bisogno di distrarsi con qualche curiosità, così ho pensato di parlarvi di un’epidemia ben strana che si diffuse nel Medioevo: la licantropia


31/01/2020

Torna «La Torre delle Favole»

Da domenica 2 febbraio a Lumezzane s’inaugura la 17ª edizione della rassegna per bambini con un racconto bellissimo ed intramontabile: Raperonzolo

31/01/2020

L'ipnosi

Molti anni fa mi sono imbattuto in un vecchio libro che parlava di ipnosi. Lo trovai su una bancarella stipata di libri usati, consumati dal tempo e dagli occhi degli uomini

26/11/2018

«L'infinito», Vecchioni torna con un nuovo disco

Ai giornalisti il cantautore ha annunciato, a sorpresa, non il ritiro dalle scene ma il suo ritorno in cattedra con un nuovo lavoro, a cinque anni dall’ultimo disco di inediti 
• VIDEO


23/06/2015

Maria Antonietta si racconta

Dopo aver ricevuto la Musica da Bere Targa Artista, Maria Antonietta si racconta in una breve intervista allo Spaccadischi

18/06/2015

Lo «Spaccadischi» sotto l'ombrellone

L'evento più importante del weekend è certamente la festa della musica di sabato sera a Brescia, deve parsi per la città sono allestiti 45 palchi, con 1000 eventi e con oltre 3500 performer, dalle 10 di mattina fino a notte inoltrata

11/06/2015

Lo «Spaccadischi» sotto l'ombrellone

Il secondo fine settimana di giugno pullula di eventi in ogni angolo della provincia. A Vobarno il concerto del cantautore bresciano Piergiorgio Cinelli

09/06/2015

I primi 40 anni di Gardaland

Tra adrenalina, avventura e “Night is magic” arriva a Gardaland anche un suggestivo spettacolo sulla Prima Guerra Mondiale

05/06/2015

Lo «Spaccadischi» sotto l'ombrellone

Due gli eventi degni di segnalazione per questo fine settimana a Brescia e provincia: questo venerdì sera La notte del sacro in città che chiude il festival Corpus Hominis e a Moniga Italia in Rosa, dedicata ai vini rosé

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier