Skin ADV
Giovedì 26 Novembre 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 


 


17 Settembre 2014, 06.33

Quaderni di Cinema

«Belluscone» e «La zuppa del demonio», l'Italia del piccolo-grande cinema

di Nicola 'nimi' Cargnoni
Nelle sale due film d’autore, testimonianze della vitalità che ancora anima la linfa del cinema di casa nostra

«Belluscone»: se si cercasse un aggettivo per descrivere questo film, “geniale” sarebbe il più adatto. Non soltanto per l’idea di fondo, che rispecchia in pieno i canoni del registro ironico, ma per quell’amalgama che si viene a creare grazie a tecnica, regia, fotografia, sonoro e scrittura.

Il ribaltamento dell’ironia è evidente durante l’arco del film, che si apre con le dimissioni di Berlusconi (novembre 2011) e si chiude col suo discorso di “discesa in campo” del 1994.

Ma facciamo qualche passo indietro.
Un film è sempre finzione, ma il film di Maresco è una finzione che usa la pura realtà.
È reale Tatti Sanguineti, l’amico e storico del cinema che corre in suo soccorso.
È reale Ciccio Mira, l’ambiguo organizzatore di concerti di cantanti neomelodici nelle periferie di Palermo.
Sono reali le immagini di repertorio tratte dai TG e dalle TV locali di Palermo.
Sono reali i cantanti neomelodici, soprattutto Erik, che ha scritto «Vorrei conoscere Berlusconi» (e se andate su youtube la trovate, caricata nel lontano 2010).

La finzione sta nella semplice trama di fondo: Maresco vuole girare un film sui rapporti tra la mafia e Berlusconi.
O più precisamente: il rapporto speciale tra Berlusconi e la Sicilia. Partendo proprio da quella canzone.
Un bel giorno però il regista scompare, sparisce dalla circolazione, lasciando un ultimo, depresso, disperato messaggio telefonico sulla segreteria dell’amico Tatti Sanguineti.

Questi, dunque, si reca subito a Palermo, in aiuto dell’amico regista.
Ma, non trovandolo, cerca di ricostruire le sue ultime settimane, parlando con gli amici e i collaboratori; e vedendo il materiale girato fino a quel momento.
Ne esce, dunque, un collage di incontri, interviste e rivelazioni sul film incompiuto che il “personaggio” Maresco stava realizzando.

Ed è in questa girandola che avviene il meglio: Tatti Sanguineti ricostruisce il film del latitante Maresco e lo spettatore è sbattuto davanti a una realtà, di taglio documentaristico, che ci racconta dei concerti in quartieri come Brancaccio, dei cantanti neomelodici e dei “messaggi in codice” che questi sono costretti a leggere durante i loro concerti.

I rapporti tra neomelodici e mafia non sono cosa nuova.
La vera novità, in questo film, è Francesco Mira, detto Ciccio.
Classe ’44, ex barbiere ed ex musicista, è il manager e organizzatore di concerti neomelodici. E, soprattutto, non è un attore.
È stupefacente, però, la sua mimica facciale, la sua parlata ai limiti della dislessia, la sua capacità camaleontica di uomo letteralmente impelagato con la mafia.
Quando Ciccio Mira appare sullo schermo, la fotografia si “trasforma” in un bianco e nero “d’altri tempi” (proprio come la mafia che «non è più come una volta») che contrasta con i colori e i suoni vividi dei concerti dei cantanti neomelodici.

Il film si snoda tra interviste ai limiti del paradossale, cantanti che si disputano la paternità della canzone dedicata a Berlusconi, litigi e confessioni, servizi dei telegiornali e materiale di repertorio tratto dalle televisioni locali. 
Fino alla clamorosa intervista a Dell’Utri.

Ne emerge un ritratto vivido di Palermo e del suo substrato umano, dotato di quella sottocultura della mafia, del culto della personalità, di frasi come «La legge non serve» e «I pilastri delle strade servono per metterci quelli che se lo meritano», o dell’appellativo «carabiniere» usato per insultare.
Fino a clamorose dichiarazioni sulla mafia e sui suoi personaggi del passato, da Bontade a Buscetta.
L’ironia emerge in tutta la sua virulenza: gli intervistati sono convinti che Maresco stia facendo loro un’intervista seria, ma in realtà li sta prendendo in giro clamorosamente (o, forse, sta prendendo in giro lo spettatore?).

In sostanza il film di Maresco è un manifesto del cinema che vuole essere libero, ma che è vincolato dagli scontri generazionali, da quel che non si può dire, dalle manipolazioni, dalla memoria negata, dalla televisione becera e dal patologico scambio che si fa tra “folklore” e “cultura mafiosa”.
Un film dove certa parte di italiani (una BUONA parte di essi) si rispecchia nei volti straniti e ridicoli dei personaggi di Maresco, come se questi fossero veri e propri specchi deformanti.

È un film intelligentissimo,
colto, citazionista (ma non troppo), che confina con il cittadino Kane di «Quarto potere» (Orson Welles).
È un film originale, scritto bene, girato perfettamente, con una fotografia sublime, fino a un finale tremendamente provocatorio .

È un film in cui si ride, dal primo all’ultimo fotogramma; e a ogni fotogramma, a ogni singola risata, ci si chiede «perché diamine sto ridendo?».

Da vedere e rivedere: ****½

------------------------------------------------------------------------

«La zuppa del demonio»
è un documentario strutturato su un impianto classico e, tutto sommato, standard.
La peculiarità di questo film di Davide Ferrario, però, è che non c’è un solo fotogramma girato dal regista.
Ma attenzione: questo non è un punto a suo sfavore. Anzi, la personalità dell’autore emerge proprio grazie all’idea di fondo che anima il documentario: Ferrario, infatti, vuole raccontare la storia dell’industrializzazione italiana dagli inizi del XX secolo fino agli anni Settanta circa.

Lo fa utilizzando immagini di repertorio, tratte da altri documentari e da film girati in passato, messe a disposizione dall'Archivio Nazionale del Cinema d'Impresa del Centro Sperimentale di Cinematografia d'Ivrea.
Ferrario si lancia nella scelta degli spezzoni, nel dare loro un ordine, dotandoli di sottofondi musicali creati ad hoc e accompagnandoli con le letture di alcuni dei più importanti scrittori della nostra storia: da Buzzati a Gadda, da Marinetti a Pasolini.

Il film è, in sintesi, l’evoluzione del “sogno industriale” che ha dato adito a larghi entusiasmi e a una lunga stagione di ottimismo.
La provocazione iniziale degli ulivi abbattuti per fare posto all’ILVA colpisce lo spettatore, facendoci capire quanto la nostra percezione degli spazi sia soggetta alla cultura in cui viviamo.

Nel 1962 occorreva creare il benessere, che a sua volta poteva esserci solo con “la grande fabbrica”; oggi, che il benessere lo abbiamo conquistato, tornano in auge le tematiche ambientali.
Del resto, nel Medioevo hanno smantellato il Colosseo per costruire case.

Il regista fa parlare le immagini: citazioni letterarie a parte, sono poche le sequenze dove si odono le voci di allora; e in quelle poche sequenze, assistiamo per lo più a testimonianze di ottimismo, fino a un finale dolce, che vuole chiudere il cerchio.

Il montaggio è perfetto, il lavoro del regista si sente e si vede anche quando si tratta solo di creare un collage di vecchie immagini.

Promosso e consigliato: ***½.

Nicola ‘nimi’ Cargnoni


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/09/2014 07:45
«L'arte della felicità» è l'esordio di Alessandro Rak Dopo la lunga pausa estiva torna l'apprezzatissima rubrica 'Quaderni di Cinema', di Nicola (nimi) Cargnoni, con la recensione di un bellissimo film d'animazione del 2013 che sta uscendo in DVD


09/04/2014 09:47
Notizie dal Bif&st 2014 Il bif&st continua tra numerosi film, incontri, rassegne e grande affluenza di pubblico.
Ecco a voi i titoli visti domenica, lunedì e martedì

01/06/2015 08:14
Dalla Bibbia alla Russia, il «Leviathan» è al cinema Arriva nelle sale italiane il film russo che ha ottenuto una candidatura come miglior film straniero nella scorsa edizione degli oscar

30/03/2014 09:35
Storia di una ladra di libri Una fiaba di libri e sogni al tempo del nazismo, con un ottimo cast.
Non basta, però, a fare di questo film un prodotto che poteva essere certo migliore

17/04/2015 08:49
Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realtà, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia



Notizie da Quaderni di cinema
11/06/2015

La guerra infuria al cinema

Tra citazioni bibliche e sciami di pallottole, arriva nelle sale un film di guerra che mantiene la tensione sempre altissima

01/06/2015

Dalla Bibbia alla Russia, il «Leviathan» è al cinema

Arriva nelle sale italiane il film russo che ha ottenuto una candidatura come miglior film straniero nella scorsa edizione degli oscar

28/05/2015

Matteo Garrone e il suo Racconto dei Racconti

Ispirandosi a una raccolta di fiabe del XVII secolo, il regista romano si impegna in un lavoro che ha il merito della novità nel panorama cinematografico italiano


26/05/2015

Youth e la giovinezza ritrovata di Sorrentino

Il chiacchierato ritorno di Sorrentino nelle sale ci fa fare un salto indietro nella carriera del regista premio Oscar

11/05/2015

«Forza maggiore» e le valanghe che ci travolgono

Seguendo una famigliola in vacanza sulla neve, il regista Ruben Östlund ritrae la rapida evoluzione di una crisi di coppia

07/05/2015

I bambini di Veltroni ne sanno abbastanza, ma non più degli adulti

Dopo l’esordio col film su Berlinguer, Veltroni sposta lo sguardo dal passato al futuro in un tentativo che risulta piuttosto buonista

04/05/2015

«Child 44»: spazio al thriller melodrammatico

Sdoppiando la narrazione su due trame parallele, il regista ottiene un buon risultato senza appesantire la visione

30/04/2015

«Samba», il ballo tra integrazione e amore

La coppia Toledano-Nakache torna nelle sale con un film riuscito a metà

17/04/2015

Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti

In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realtà, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia

13/04/2015

La vergine giurata

La «Vergine giurata» di Laura Bispuri è l’ottimo esordio della giovane regista. Paesaggi e silenzi si alternano in un meraviglioso affresco che ha, al centro, un personaggio enigmatico e nuovo per il nostro cinema

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier