Skin ADV
Giovedì 28 Gennaio 2021
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 


 


30 Marzo 2014, 09.35

Quaderni di Cinema

Storia di una ladra di libri

di Nicola Cargnoni
Una fiaba di libri e sogni al tempo del nazismo, con un ottimo cast.
Non basta, però, a fare di questo film un prodotto che poteva essere certo migliore

Stiamo vivendo un periodo piuttosto “povero” per gli amanti del cinema di genere.
Dopo la “disastrosa” settimana del 20 marzo, dove non ci sono state uscite davvero degne di nota (tranne, forse, «Jimmy P.» di Desplechin e «Presto farà giorno» dell’italiano Ferlito che, manco a dirlo, ha avuto una distribuzione quasi inesistente), è la volta di questo week end, la cui offerta permane povera (escludendo il fumettone «Captain America» che sicuramente otterrà un buon successo al botteghino).

Per cui alla forte voglia di cinema
occorre rimediare scegliendo quello che sembra il “meno peggio” tra i film in cartellone.
«Storia di una ladra di libri» è l’ultimo lavoro di Brian Percival, che si serve di un cast eccezionale per trasporre su pellicola il romanzo «La bambina che salvava i libri» di Markus Zusak.

L’emergente Sophie Nélisse (già protagonista del favoloso «Monsieur Lazhar») interpreta la protagonista Liesel, figlia di una dissidente comunista nella Germania nazista del 1938; Liesel viene adottata dai coniugi Hubermann (interpretati dagli ormai affermati Geoffrey Rush ed Emily Watson) in un villaggio dove la ragazzina fa amicizia con il piccolo Rudy.

La narrazione, che a volte è supportata da una voce fuoricampo che è quella della Morte, è abbastanza scorrevole grazie a una regia priva di particolari slanci tecnici, che si mantiene nei binari dell’ordinarietà.

Il taglio è quello fiabesco, con i classici personaggi da “favole della sera”: la ragazzina costretta ad abbandonare la madre e che subisce la perdita del fratellino, adottata da un padre saggio e buono e una madre rude e brusca, ma che si rivela, in fondo, un’anima gentile; il nazista borgomastro (l’equivalente del podestà fascista) che è sposato con una donna che prende in simpatia Liesel permettendole di accedere alla biblioteca dove conserva i libri del figlio morto durante la prima guerra mondiale.

Inoltre assistiamo alle fasi concitate che portano alla seconda guerra mondiale: dalla notte dei cristalli, durante la quale l’ebreo Max fugge di casa per rifugiarsi proprio presso gli Hubermann, fino ad alcuni dei momenti salienti del conflitto, visti con gli occhi degli abitanti del piccolo villaggio, nel quale si vive la tensione e l’attesa dei bombardamenti e il malinconico rito della partenza in guerra dei padri di famiglia.

Grazie al padre adottivo, alla moglie del borgomastro e a Max, la piccola protagonista impara a leggere, affrontando i difficili momenti della guerra (e della clandestinità di Max) con una gran quantità di romanzi dai quali apprende concetti e parole.
Riuscita metafora della letteratura che salva l’anima dalle pene e dalle sofferenze della vita, in una Germania dove i libri diventavano grandi falò, il film è un ottimo prodotto se lo si intende come destinato a un pubblico di giovani e giovanissimi.
In effetti il regista accentua maggiormente il pathos sentimentale e le relazioni interpersonali, penalizzando abbastanza il resoconto storico e (dis)umano della tragedia nazista.

Nonostante alcuni errori filologici (il film è ambientato nella Germania di fine anni Trenta, ma i protagonisti leggono e scrivono in inglese), il prodotto finale non è certo da buttare via, se non altro per il messaggio che vuole far passare.

Tutto sommato, alla fine dei (forse un po’ tanti) 130 minuti, «Storia di una ladra di libri» riesce a strappare una lacrimuccia e anche la sufficienza: **½.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/09/2014 06:33
«Belluscone» e «La zuppa del demonio», l’Italia del piccolo-grande cinema Nelle sale due film d’autore, testimonianze della vitalità che ancora anima la linfa del cinema di casa nostra

11/09/2014 07:45
«L'arte della felicità» è l'esordio di Alessandro Rak Dopo la lunga pausa estiva torna l'apprezzatissima rubrica 'Quaderni di Cinema', di Nicola (nimi) Cargnoni, con la recensione di un bellissimo film d'animazione del 2013 che sta uscendo in DVD


09/04/2014 09:47
Notizie dal Bif&st 2014 Il bif&st continua tra numerosi film, incontri, rassegne e grande affluenza di pubblico.
Ecco a voi i titoli visti domenica, lunedì e martedì

01/06/2015 08:14
Dalla Bibbia alla Russia, il «Leviathan» è al cinema Arriva nelle sale italiane il film russo che ha ottenuto una candidatura come miglior film straniero nella scorsa edizione degli oscar

17/04/2015 08:49
Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realtà, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia



Notizie da Quaderni di cinema
11/06/2015

La guerra infuria al cinema

Tra citazioni bibliche e sciami di pallottole, arriva nelle sale un film di guerra che mantiene la tensione sempre altissima

01/06/2015

Dalla Bibbia alla Russia, il «Leviathan» è al cinema

Arriva nelle sale italiane il film russo che ha ottenuto una candidatura come miglior film straniero nella scorsa edizione degli oscar

28/05/2015

Matteo Garrone e il suo Racconto dei Racconti

Ispirandosi a una raccolta di fiabe del XVII secolo, il regista romano si impegna in un lavoro che ha il merito della novità nel panorama cinematografico italiano


26/05/2015

Youth e la giovinezza ritrovata di Sorrentino

Il chiacchierato ritorno di Sorrentino nelle sale ci fa fare un salto indietro nella carriera del regista premio Oscar

11/05/2015

«Forza maggiore» e le valanghe che ci travolgono

Seguendo una famigliola in vacanza sulla neve, il regista Ruben Östlund ritrae la rapida evoluzione di una crisi di coppia

07/05/2015

I bambini di Veltroni ne sanno abbastanza, ma non più degli adulti

Dopo l’esordio col film su Berlinguer, Veltroni sposta lo sguardo dal passato al futuro in un tentativo che risulta piuttosto buonista

04/05/2015

«Child 44»: spazio al thriller melodrammatico

Sdoppiando la narrazione su due trame parallele, il regista ottiene un buon risultato senza appesantire la visione

30/04/2015

«Samba», il ballo tra integrazione e amore

La coppia Toledano-Nakache torna nelle sale con un film riuscito a metà

17/04/2015

Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti

In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realtà, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia

13/04/2015

La vergine giurata

La «Vergine giurata» di Laura Bispuri è l’ottimo esordio della giovane regista. Paesaggi e silenzi si alternano in un meraviglioso affresco che ha, al centro, un personaggio enigmatico e nuovo per il nostro cinema

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier