Skin ADV
Venerdì 29 Maggio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 


 


13 Aprile 2015, 07.15

Quaderni di Cinema

La vergine giurata

di Nicola 'nimi' Cargnoni
La «Vergine giurata» di Laura Bispuri è l’ottimo esordio della giovane regista. Paesaggi e silenzi si alternano in un meraviglioso affresco che ha, al centro, un personaggio enigmatico e nuovo per il nostro cinema

Hana è una ragazza che nasce e cresce in un villaggio dell’Albania, rimane orfana e viene adottata da un’altra famiglia. Stringe amicizia con Lila, la figlia della coppia che la adotta, e le due crescono insieme, seguendo due diverse strade: Lila scappa da un matrimonio combinato e Hana compie il voto di diventare “vergine giurata”, ovvero di rinunciare a ogni modello di femminilità e di non concedersi a nessuna forma di amore sentimentale o carnale, seguendo i canoni della cultura arcaica in cui è cresciuta, soprattutto il Kanun, un codice sociale che vige tra i montanari di quelle regioni, che in mancanza di figli maschi possono spingere una donna ad autoproclamarsi uomo.

Hana subisce una lenta metamorfosi, diventando Mark e assumendo gli atteggiamenti e le sembianze maschili, anche grazie all’ennesima interpretazione a pieni voti di Alba Rohrwacher, perfetta per questo tipo di ruoli.
Mark decide di raggiungere Lila in Italia, dopo tanti anni che le due non si vedono.
L’inizio della narrazione filmica è proprio questo ricongiungimento, a cui seguono diversi flashback che spiegano quanto successo in passato.

Il perché Mark decida di raggiungere la vecchia amica non è chiaro e non è spiegato, ma poco importa.
Ciò che interessa davvero è come Mark vive il riavvicinamento con l’amica Lila e con la figlia di questa, Jonida, una ragazzina che inizialmente rifiuta la presenza di Mark/Hana, ma che lentamente instaura un rapporto che aiuta le due ad aiutarsi reciprocamente nel percorso di crescita: la maturazione per Jonida e la riscoperta della libertà per Hana.

La ritrovata libertà coincide, infatti, con la riscoperta della femminilità da parte di Hana, grazie a una regia attenta con cui Laura Bispuri impone una propria identità, pagando comunque il doveroso tributo con un intreccio di stili che, uniti fra loro, raggiungono un ottimo equilibrio.
Il pedinamento dei personaggi con la camera a mano richiama lo stile del film-verità tanto caro ai fratelli Dardenne, mentre il buon vecchio Jean Vigo torna a farsi vivo nella carnalità e nell’attenzione alla fisicità degli attori, nonché nelle splendide immagini subacquee; ma anche il più recente Steve McQueen («Hunger» e «Shame») è presente nella schiena martoriata di Hana, nella sua mortificazione sessuale, nella sua continua ricerca di identità.

Quello della Bispuri non è un film che si sofferma soltanto sulla ricerca dell’identità di genere,
ma si pone come obbiettivo la ricerca della femminilità vista da più punti di vista: quello di Lila, l’albanese emancipata che fugge di casa, quello di Mark/Hana che trova lo stimolo a ritrovare sé stessa grazie al contatto con una situazione sociale che non mortifica la sua essenza e quello di Jonida, l’adolescente ruvida e apparentemente superficiale, ma che ha votato la sua vita allo sport, nella faticosa disciplina del nuoto sincronizzato di coppia.

Infatti una delle sequenze più spettacolari e più intense, per la tecnica registica e per il pathos, è proprio quella in cui Jonida si allena con la sua compagna di squadra.
Le immagini subacquee richiamano quella stessa immersione che Hana ha dovuto compiere prima nella cultura montanara, arcaica e albanese, e poi in quella urbana e italiana: il film spiega senza essere didascalico.
L’opera prima della Bispuri è approdata al Festival di Berlino, non senza meriti: è una storia forte, intensa, moralmente violenta, ma raccontata in maniera delicata.

L’androgina Rohrwacher è perfetta nel ruolo della donna-uomo, soprattutto nel far emergere i tratti psicologici di un personaggio le cui scelte richiedono una certa dose di coraggio.
In questo è aiutata da una sceneggiatura che prevede pochissimi dialoghi, per lo più in albanese, mentre quelli in italiano si risolvono per lo più negli scontri verbali con Lila e Jonida, che faticano oggettivamente ad approcciarsi ad Hana.
La Rohrwacher è brava a privare il proprio personaggio di una sensualità che è mortificata, ma latente e pronta a emergere.

Splendidi i panorami montani del villaggio albanese, con una fotografia che fa sfoggio di colori pastello e di tonalità grigioverdi che sembrano ricalcare l’animo dei protagonisti, risaltando ancora di più la contrapposizione con il paesaggio urbano (quasi sempre notturno) e con la luminosità della grande piscina dove Jonida si allena.

«Vergine giurata» segna un altro importante esordio, inserendosi sul solco di quel cinema italiano d’autore che negli ultimi anni ha puntato molto sulla forma scarna dei dialoghi, sull’importanza del contesto naturale/urbano in cui si inseriscono i protagonisti e su tecniche registiche che citano i grandi maestri (passati e recenti), ma che mantengono una propria, forte personalità.
Giusto per fare qualche esempio, possiamo accostare «Vergine giurata» a film come «Più buio di mezzanotte» e «Corpo celeste» senza il timore di esagerare.

Il futuro del cinema italiano sembra essere in buone mani.

Valutazione: ***½. 

Nicola ‘nimi’ Cargnoni

In uscita giovedì 09 aprile (da segnalare): White god.
Già nelle sale (da segnalare): Wild, Lettere di uno sconosciuto, L’ultimo lupo, Chi è senza colpa, Una nuova amica, Vergine giurata.

Per conoscere la programmazione della provincia:
1.    Andare su http://www.mymovies.it/cinema/brescia/
2.    Appare la lista dei film presenti in città e provincia.
3.    Per ogni film è segnalato il paese o il cinema in cui lo si può trovare.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/09/2014 06:33:00
«Belluscone» e «La zuppa del demonio», l’Italia del piccolo-grande cinema Nelle sale due film d’autore, testimonianze della vitalità che ancora anima la linfa del cinema di casa nostra

11/09/2014 07:45:00
«L'arte della felicità» è l'esordio di Alessandro Rak Dopo la lunga pausa estiva torna l'apprezzatissima rubrica 'Quaderni di Cinema', di Nicola (nimi) Cargnoni, con la recensione di un bellissimo film d'animazione del 2013 che sta uscendo in DVD


27/02/2014 09:32:00
Molière in bicicletta: il teatro al cinema Una deliziosa commedia francese che si risolve in un congegnato meccanismo ben riuscito

25/06/2014 09:00:00
«La città incantata» al cinema per tre giorni Da mercoledì 25 a venerdì 27 arriva nei cinema il capolavoro di animazione del regista giapponese Hayao Miyazaki

17/04/2015 08:49:00
Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realtà, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia



Notizie da Quaderni di cinema
11/06/2015

La guerra infuria al cinema

Tra citazioni bibliche e sciami di pallottole, arriva nelle sale un film di guerra che mantiene la tensione sempre altissima

01/06/2015

Dalla Bibbia alla Russia, il «Leviathan» è al cinema

Arriva nelle sale italiane il film russo che ha ottenuto una candidatura come miglior film straniero nella scorsa edizione degli oscar

28/05/2015

Matteo Garrone e il suo Racconto dei Racconti

Ispirandosi a una raccolta di fiabe del XVII secolo, il regista romano si impegna in un lavoro che ha il merito della novità nel panorama cinematografico italiano


26/05/2015

Youth e la giovinezza ritrovata di Sorrentino

Il chiacchierato ritorno di Sorrentino nelle sale ci fa fare un salto indietro nella carriera del regista premio Oscar

11/05/2015

«Forza maggiore» e le valanghe che ci travolgono

Seguendo una famigliola in vacanza sulla neve, il regista Ruben Östlund ritrae la rapida evoluzione di una crisi di coppia

07/05/2015

I bambini di Veltroni ne sanno abbastanza, ma non più degli adulti

Dopo l’esordio col film su Berlinguer, Veltroni sposta lo sguardo dal passato al futuro in un tentativo che risulta piuttosto buonista

04/05/2015

«Child 44»: spazio al thriller melodrammatico

Sdoppiando la narrazione su due trame parallele, il regista ottiene un buon risultato senza appesantire la visione

30/04/2015

«Samba», il ballo tra integrazione e amore

La coppia Toledano-Nakache torna nelle sale con un film riuscito a metà

17/04/2015

Nanni Moretti è sempre meglio di come te lo aspetti

In un racconto circolare e chiuso Moretti racconta del rapporto tra il cinema e la realtà, sullo sfondo di una storia personale che non si limita all’autobiografia

30/03/2015

Arrivederci al 2016 per il Bif&st, che continua a crescere

Si è concluso il Bif&st 2015 che ha registrato circa settantatremila presenze nell’arco di otto giorni. Di seguito il reportage degli ultimi tre giorni, che hanno regalato belle sorprese e tanta affluenza nelle sale


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier