Skin ADV
Sabato 03 Dicembre 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

Giuliana Franchini
Psicologa, psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene
Giuseppe Maiolo
Psicoanalista e docente di Educazione alla sessualità all''Università di Bolzano. Si occupa di formazione dei genitori e di disagio giovanile
Officina del Benessere, Puegnago, tel. 0365.651827
 
 




06 Maggio 2015, 14.41

Genitori & Figli

Mala Educaciòn

di Giuseppe Maiolo
Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto

Sono realmente disturbati da quel turpiloquio che i bambini e i ragazzi usano quotidianamente e mi chiedono cosa fare, come risponderei e pretendere che in casa non si usi quel linguaggio da postribolo.

Di solito sorrido e dico senza mezzi termini: «È una battaglia persa, non c’è niente da fare!».
Mi guardano con sorpresa, increduli, mentre il loro pargolo, spesso presente, nasconde a malapena un sorriso di compiacimento.
Non lo dico ovviamente per guadagnarmi la simpatia del figliolo che mi vogliono convincere a redarguire, ma perché non serve spendere energie su questo versante.

Le parolacce ormai le dicono tutti, compresi i genitori.
I bambini le sentono in continuazione dagli adulti, dai ministri, dalla gente dello spettacolo, alla televisione, nei dibattiti pubblici.
Cosa pretendere? Alla fine le parolacce e il turpiloquio sono la cosa meno grave se si confrontano con una quantità di comportamenti offensivi, immorali, irrispettosi, violenti che abbondano quotidianamente.
Di questi sì dovremmo meravigliarci e indignarci.
 
Inutile lamentarsi della mancanza di educazione dei giovani di oggi se i modelli che proponiamo loro sono ben altri.
Come pretendere che un ragazzo in uno scontro verbale non mandi a… quel paese (espressione ormai d’altri tempi) un insegnante o un genitore, se un ministro della Repubblica manda in un altro posto il Presidente della Camera?
 
Come pretendere che a scuola gli scolari stiano composti,
non mangino, non usino il cellulare, se alla Camera dei deputati, in Consiglio Regionale o provinciale, nelle sedute in Comune, si fa di tutto e di più?

Cosa significa parlare di legalità, di onestà, di rispetto dei più deboli, quando prevale negli atteggiamenti degli uomini pubblici - quelli che contano - la falsità, l’imbroglio, il malaffare, l’arroganza, l’offesa, il proprio tornaconto, l’esibizionismo e l’egocentrismo?
Come sostenere il valore dell’integrazione, della promozione dello sviluppo, della solidarietà e dell’accoglienza a cui, a parole.

Vogliamo indirizzare i giovani, quando c’è chi si permette di liquidare la sofferenza dei migranti, di quelli che scappano sui barconi rischiando la vita, con lo slogan «For dai ball».
A cosa serve imprecare contro la famiglia o la scuola che non educano alla sessualità quando abbiamo dovuto sopportare per anni statisti (?) che hanno fatto del Bunga bunga un modello di comportamento sessuale?
 
È inutile scaricare colpe sempre sugli altri.
Si educa molto di più con l’esempio, anzi forse solo con quello, che con le parole.
E questa nostra epoca, di esempi antieducativi sembra abbondare.

Questo non vuol dire che non serva richiamare un bambino ad attenersi alle regole che abbiamo definito.
Al contrario serve molto educare non certo al Bon Ton, ma al rispetto elementare delle piccole cose.
Cominciamo in casa dalle piccole cose quotidiane: insegniamo fin da piccoli ai bambini che ci si saluta al mattino o quando ci si incontra e non solo con un mugugno.

Insegniamo a ringraziare e facciamolo noi stessi, sempre, per ogni cosa si riceve.
Educhiamoli ad aspettare il proprio turno, a chiedere una qualche cosa per cortesia, ascoltiamoli con attenzione quando parlano e allo stesso tempo chiediamo loro di ascoltare se un altro parla e dopo intervenire.
 
Regole semplici, banali, ma quotidiane che servono se soprattutto in famiglia si forniscono con coerenza e se tutti le utilizzano.
Altrimenti è inutile parlare di giovani o bambini maleducati.
La prospettiva, viceversa, è una comunità che va alla deriva e una società sempre meno rispettosa dei diritti degli altri, corrotta e di malaffare.

Giuseppe Maiolo
Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/03/2012 10:00
Due incontri per avvicinare genitori e figli Un miniciclo dal titolo "Problemi educativi tra genitori e figli, strategie di cambiamento" è stato promosso da Coordinamento genitori e Comune nelle serate del 6 e 13 marzo

12/01/2015 10:00
I legami che non aiutano I legami tra genitori e figli sono fili sottili che alimentano i rapporti o che li rendono soffocanti

29/04/2015 08:22
Le parole nella separazione Terzo incontro del ciclo GENITORI IN FORMAzione questo giovedi 30 aprile 2015 nella sala Consiliare di Roè Volciano. Relatrice la dottoressa Ilaria Marchetti, mediatrice familiare e conduttrice di "gruppi di parola"

31/07/2014 08:15
In vacanza coi figli Il tempo della vacanza è il tempo in cui cambiano i ritmi quotidiani e andare in vacanza con i figli richiede programmazione e preparazione

18/11/2018 08:00
Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.



Notizie da Genitori e Figli
12/09/2022

Insegnare vuol dire...

Insegnare, dice il vocabolario, verbo transitivo che vien dal latino "insignare" e significa "imprimere segni"...

17/06/2022

Tempo di esami e tempo dell'ansia

Con gli esami in arrivo l'aria che si respira in famiglia e tra i ragazzi, carica di tensione

22/01/2022

Povertà educativa e cultura della violenza

La violenza sulle donne da parte dei maschi purtroppo una realt quanto mai ricorrente, ma le riflessioni sul maschilismo che la alimenta continuano ad incontrare inaccettabili resistenze

03/01/2022

Il Capodanno nella psiche e l'arte del cambiamento

Si dice che il Capodanno sia una sorta di compleanno collettivo e i festeggiamenti rappresentino per tutti, nel bene e nel male, la consapevolezza di un anno in pi. Ne deriva che le reazioni a questa ricorrenza siano diverse

31/12/2021

Coltivare la speranza

Se c' una parola che nei giorni natalizi e di fine d'anno ricorre pi di frequente, questa la "speranza".

15/12/2021

L'albero di Natale, ancora metafora della nostra esistenza

Nei preparativi per il Natale ancora oggi, oltre al Presepe come narrazione della cristianit, c' l'albero da adornare all'esterno o in casa


13/11/2021

I giochi violenti di Squid Game

Da quasi due mesi si sta parlando di Squid Game, il "Gioco del calamaro" la serie TV coreana che sta spopolando


14/09/2021

Il silenzio degli innocenti. Le vittime inascoltate dei bulli

Valentina ha sperato ogni giorno che i suoi compagni potessero avere compassione di lei e prima o poi la lasciassero in pace, almeno durante la pausa, quando gli altri si divertivano e lei si cercava una tana dove sparire. Ma inutile


04/08/2021

Dal DDL Zan all'educazione e alla prevenzione dell'omofobia

Il grande dibattito attorno al DDL Zan evidenzia lo scontro politico in atto ma anche quanto ci sia ancora da fare per contrastare la violenza nei confronti delle diversit e in particolare quelle riguardanti la sessualit

24/07/2021

Il gioco come confronto. Ovvero, educare anche alla sconfitta

Da pi parti e da tempo, ormai, si dice che nell'educare serve fornire il senso del limite, contenere gli eccessi, dare un confine alle richieste, moderare le pretese


  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier