Skin ADV
Sabato 01 Ottobre 2022
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 

 
 
LANDSCAPE


MAGAZINE





29 Ottobre 2013, 09.00

L'angolo del filosofo

La crisi del processo educativo

di Alberto Cartella
Una digressione del filosofo Alberto Cartella sul degradarsi del processo educativo, allorch all'aspetto linguistico non sa porre accanto anche il preminente aspetto visivo, quello legato alla necessit dell'incanto, ossia l'infanzia nello sguardo
 
Quando determino qualcosa nego ciò che non è. Ma ciò che determino, anche attraverso la negazione di ciò che non è, è riducibile a questa determinazione?
 
Ciò che determino è legato alla mia capacità di determinare, la quale è il nostro mettere in relazione, il nostro allontanamento dal dato a vedere. Ogni processo educativo ha una funzione di preparazione all'avvento di questa capacità, la quale non è un cominciamento assoluto, ma ha a che fare con un processo, con una costruzione.
 
Il problema non è tanto chiedersi se è possibile definire in una proposizione l'essenza di qualcosa, ma se è la costruzione della suddetta capacità ad implicare ciò che non è riducibile ad essa.
 
La relazione è legata al fatto che ciò che determino, per esempio la scrivania sulla quale sto scrivendo, lo determino in relazione a ciò che non è la scrivania sulla quale sto scrivendo, per esempio la sedia. Ma la Cosa è riducibile alla sua determinazione o è anche pura singolarità, ovvero qualcosa che non è riducibile alle nostre realizzazioni?
 
Questa pura singolarità non è niente, che vuol dire che non è né questo né quello che si può esprimere. Ma questo niente incide sull'agire, è un inciampo nell'iperattività della nostra esistenza. Questo niente è la stanchezza che il tempo che ci viene preso per ciò che dobbiamo fare comporta. Si tratta di una stanchezza in cui entrare dentro, della nostra festa, della nostra salvezza immanente.
 
Questo niente è anche il punto della speranza, la quale non riguarda ciò che non è e che speriamo che sia, ma è una speranza fattiva legata allo spazio anomico dell'essere insieme, il quale non è risolvibile in ciò che dobbiamo fare. Si sta parlando di un punto comune e non di un punto in comune, ovvero non di una speranza proiettata a ciò che deve venire.
 
Nell'esercizio per la conoscenza si va a leggere e quindi a riconoscere ciò che abbiamo davanti. Ma simultaneamente a questo non è altrettanto importante il luogo in cui vado a ritrovare il mio incanto? L'incanto è fin da bambini e non è nient'altro che l'infanzia dello sguardo che non è lo sguardo infantile, non è lo sguardo del bambino.
 
Rispetto alla conoscenza sento la necessità dell'incanto, la possibilità di ritrovare l'infanzia dello sguardo con cui guardare gli oggetti, la realtà. Si tratta di lasciar agire l'irriducibilità di ciò che ho davanti ad un sapere che lo determina; questo non vuol dire rinunciare ad esso. Lo spazio della crisi del sistema del giudizio e delle rappresentazioni che questo comporta riguarda proprio questa esitazione nella determinazione.
 
Tornando al processo educativo, si tratta dell'urgenza del richiamo a non risolvere lo spazio che si determina come educativo come spazio in cui si potenziano le capacità di conoscenza, linguistiche e di riconoscimento. L'aspetto visivo, dell'incanto, è altrettanto importante di quello linguistico e risolverlo vorrebbe dire andare incontro ad un vuoto totale caratterizzato dal non fare altro che giudicare.
Visualizza per la stampa




Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
31/10/2013 10:15
Si chiude il processo alla Beretta La Cassazione ha confermato la sentenza di non luogo a procedere dell'ottobre 2012, quando venne giudicata lecita la pratica di rivendita di alcune pistole a un intermediario

31/12/2013 08:30
Si rinnova a Marcheno il progetto educativo Nemo L'amministrazione comunale ha confermato anche per il prossimo anno scolastico il tavolo educativo il cui obiettivo la sensibilizzazione di famiglie, ragazzi, educatori attorno a temi di attualit come la lotta al bullismo

14/05/2013 09:15
Antonio Filippini tutor degli allenatori Csi La scorsa settimana l'ex giocatore del Brescia ha presenziato alla serata finale del corso di formazione per 35 allenatori di calcio e 15 di pallavolo, dando qualche dritta sulla gestione del gruppo e rimarcando il fondamentale aspetto educativo del gioco

23/01/2013 09:46
Marcheno e una giornata tra giochi ed educazione Una giornata densa di proposte e iniziative, quella del tavolo educativo di Marcheno che, unendo scuola, famiglia, associazioni, amministrazione e parrocchia dedicher il sabato alla presentazione dei progetti dello scorso anno

13/06/2012 10:00
Lei lo richiama per il rumore, lui la minaccia con un coltello Il fatto avvenuto intorno alle 4 di notte tra luned e marted in via Vecchio Mulino a Nave. Protagonisti un 28enne e la vicina di casa 44enne. L'uomo stato bloccato dai carabinieri, ai quali ha fatto anche resistenza; ora in attesa del processo



Notizie da Filosofia
23/03/2020

La quiete dopo la tempesta

Non avrei mai capito veramente cosa sia essere agli «arresti domiciliari», senza la crisi del Covid-19

17/08/2014

Nave, arrivano gli speed check

Verranno posati lungo il tratto di Provinciale che da Nave raggiunge la Mitria. Una decisione che registra anche qualche dissenso

31/05/2014

La seria comicità del rispetto

L’opinione suppone che la gelosia sia la triste conseguenza dell’amore. Ma la gelosia è una finalità, una meta e, se bisogna amare, è per poter essere gelosi

05/05/2014

La competizione degli amanti

Un'acuta riflessione di Alberto Cartella attorno alla muta latente violenza che in ogni rapporto s'insinua e che tutti gli uomini celano con la menzogna del linguaggio

17/04/2014

Il troppo diventa tossico

Alberto Cartella prende in considerazione quel "troppo" che quando diventa squilibrio estremo mette in crisi ogni aspetto della nostra vita

12/03/2014

La difficoltà della leggerezza dell'emozione

Il giovane filosofo Alberto Cartella conduce una profonda riflessione sul nostro quotidiano confronto emozionale, sia esso amicizia o amore. Eppure troppo spesso cristallizzato nel 'non detto'

01/03/2014

Vita e pensiero

Una profonda riflessione del giovane filosofo Alberto Cartella sulla vita come creazione e su quel "granello di follia" che contraddistingue il cammino di ciascuno di noi

29/01/2014

Divenire e realtà

L'analisi di ci che divenire, di quell'inquietudine che nasce dall'esperienza e produce coscienza ne post del giovane filosofo Alberto Cartella, pronto a rispondere ai dubbi e alle domande dei lettori appassionati di filosofia

28/12/2013

Educazione e masochismo

Una riflessione sul contratto masochista come espressione non soltanto della necessit del consenso della vittima, ma anche del dono della persuasione, la spinta pedagogica e giuridica mediante la quale la vittima educa il proprio carnefice

23/11/2013

Il gioco dell'amore e altre sciocchezze

Una riflessione che parte dal gioco del fare l'amore per parlare della leggerezza e della distrazione come inestricabilmente legate in un vincolo di opposizione alla pesantezza della vita quotidiana e usate come strumento protettivo

  • Valtrompia
  • Bovegno
  • Bovezzo
  • Brione
  • Caino
  • Collio
  • Concesio
  • Gardone VT
  • Irma
  • Lodrino
  • Lumezzane
  • Marcheno
  • Marmentino
  • Nave
  • Pezzaze
  • Polaveno
  • Sarezzo
  • Tavernole
  • Villa Carcina
  • -

  • Dossier